Salute 21 Ottobre 2020 13:23

Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»

«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»

Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»

Il Covid-19 continua a dettare l’agenda politica, sanitaria ed economica dell’Italia: il numero dei contagi sale vertiginosamente ogni giorno e le reti ospedaliere dei servizi sanitari regionali cominciano ad organizzare i posti letto per gestire l’emergenza. Tutte le misure del Governo sono chiaramente dirette a contenere la seconda ondata dell’epidemia e questo, spesso, significa che le strutture che non possono assicurare doppi percorsi chiudono ai pazienti normali e ai malati cronici, che potranno andare in ospedale solo per controlli gravi e urgenti.

«I MALATI CRONICI PASSANO IN SECONDO PIANO E SPESSO, RINUNCIANO ALLE CURE»

A lanciare l’allarme il segretario nazionale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che ha delineato il seguente scenario a Sanità Informazione: «Molti reparti ospedalieri chiudono in maniera importante, nel senso che non accettano più pazienti non Covid; i medici di famiglia sono oberati di lavoro perché devono occuparsi dei tamponi, dei vaccini antinfluenzali oltre alle normali attività quotidiane. Questo quadro – evidenzia – in cui Ospedali e Mmg sono impegnati a contrastare con ogni sforzo possibile la pandemia, comporta un serio problema: i malati cronici passano in secondo piano, non vengono visitati dal loro medico specialista, dal cardiologo o diabetologo e, spesso, rinunciano alle cure». Nei mesi passati, infatti, i cronici, impauriti da possibili contagi, hanno evitato di recarsi negli ospedali nonostante gli ambulatori territoriali fossero chiusi o a regime ridotto.

«CURVA DECESSI DRAMMATICAMENTE AUMENTATA»

Un grave errore, che non deve ripetersi: «Tra maggio e giugno – continua Magi – abbiamo “scoperto” che lo stop delle visite specialistiche aveva comportato un’esplosione delle liste d’attesa già fuori controllo. Le visite specialistiche ambulatoriali prenotate e saltate sono state circa 14 milioni – precisa -, 12 milioni gli esami di diagnostica per immagini non effettuati. La curva dei decessi, drammaticamente aumentata, ci conferma questo dato» commenta rammaricato.

ATTIVARE E POTENZIARE LA SPECIALISTICA AMBULATORIALE SUL TERRITORIO

La soluzione, per gli specialisti ambulatoriali del Sumai Assoprof, è solo una: potenziare l’attività specialistica sul territorio per sopperire alle eventuali carenze che, inevitabilmente, subiranno i cronici. Come fare? Aumentando il numero di ore di attività. «Oggi gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio soprattutto per i pazienti fragili».

«ROMA MI PREOCCUPA, POCHI POSTI LETTO. CREARE STRUTTURE INTERMEDIE, COME GLI ALBERGHI»

«Si, Roma mi preoccupa – ammette Magi, che è anche presidente dell’Ordine dei medici della Capitale -. Non ci sono sufficienti posti letto negli ospedali. Proprio per recuperare quelle prestazioni specialistiche, gli ospedali avevano ripreso le normali attività ma ora faticano a sistemare i pazienti, con altre patologie, che arrivano in pronto soccorso. Oltre ad aumentare i reparti Covid, sarebbe utile creare delle strutture intermedie, anche gli alberghi chiusi, con medici, infermieri e specialisti per occuparsi dei pazienti non Covid e lasciare posto ai malati più gravi negli ospedali» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
Nel 2020 mai così tanti morti dal secondo dopoguerra in Italia. Pubblicato il quinto rapporto sui decessi ISTAT-ISS
Il documento fa, inoltre, il punto sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
Viaggio nella clinica francese che cura la salute mentale dei professionisti sanitari, messa a dura prova dal Covid
La psichiatra: «Sovraccarico di lavoro, senso di colpa e trauma per le tante morti. Così la salute mentale del personale sanitario è a rischio, servono interventi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...