Lavoro 21 Ottobre 2020 13:23

Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»

«Gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio, soprattutto per i pazienti fragili»

Pazienti non Covid, Magi (Sumai): «Rafforzare la specialistica sul territorio e curarli anche negli alberghi»

Il Covid-19 continua a dettare l’agenda politica, sanitaria ed economica dell’Italia: il numero dei contagi sale vertiginosamente ogni giorno e le reti ospedaliere dei servizi sanitari regionali cominciano ad organizzare i posti letto per gestire l’emergenza. Tutte le misure del Governo sono chiaramente dirette a contenere la seconda ondata dell’epidemia e questo, spesso, significa che le strutture che non possono assicurare doppi percorsi chiudono ai pazienti normali e ai malati cronici, che potranno andare in ospedale solo per controlli gravi e urgenti.

«I MALATI CRONICI PASSANO IN SECONDO PIANO E SPESSO, RINUNCIANO ALLE CURE»

A lanciare l’allarme il segretario nazionale del Sumai Assoprof, Antonio Magi che ha delineato il seguente scenario a Sanità Informazione: «Molti reparti ospedalieri chiudono in maniera importante, nel senso che non accettano più pazienti non Covid; i medici di famiglia sono oberati di lavoro perché devono occuparsi dei tamponi, dei vaccini antinfluenzali oltre alle normali attività quotidiane. Questo quadro – evidenzia – in cui Ospedali e Mmg sono impegnati a contrastare con ogni sforzo possibile la pandemia, comporta un serio problema: i malati cronici passano in secondo piano, non vengono visitati dal loro medico specialista, dal cardiologo o diabetologo e, spesso, rinunciano alle cure». Nei mesi passati, infatti, i cronici, impauriti da possibili contagi, hanno evitato di recarsi negli ospedali nonostante gli ambulatori territoriali fossero chiusi o a regime ridotto.

«CURVA DECESSI DRAMMATICAMENTE AUMENTATA»

Un grave errore, che non deve ripetersi: «Tra maggio e giugno – continua Magi – abbiamo “scoperto” che lo stop delle visite specialistiche aveva comportato un’esplosione delle liste d’attesa già fuori controllo. Le visite specialistiche ambulatoriali prenotate e saltate sono state circa 14 milioni – precisa -, 12 milioni gli esami di diagnostica per immagini non effettuati. La curva dei decessi, drammaticamente aumentata, ci conferma questo dato» commenta rammaricato.

ATTIVARE E POTENZIARE LA SPECIALISTICA AMBULATORIALE SUL TERRITORIO

La soluzione, per gli specialisti ambulatoriali del Sumai Assoprof, è solo una: potenziare l’attività specialistica sul territorio per sopperire alle eventuali carenze che, inevitabilmente, subiranno i cronici. Come fare? Aumentando il numero di ore di attività. «Oggi gli specialisti ambulatoriali lavorano nelle aziende sanitarie pubbliche per 20 ore settimanali. Chiediamo di raggiungere le 38 ore previste dal vigente Accordo collettivo nazionale che prevede anche le visite a domicilio soprattutto per i pazienti fragili».

«ROMA MI PREOCCUPA, POCHI POSTI LETTO. CREARE STRUTTURE INTERMEDIE, COME GLI ALBERGHI»

«Si, Roma mi preoccupa – ammette Magi, che è anche presidente dell’Ordine dei medici della Capitale -. Non ci sono sufficienti posti letto negli ospedali. Proprio per recuperare quelle prestazioni specialistiche, gli ospedali avevano ripreso le normali attività ma ora faticano a sistemare i pazienti, con altre patologie, che arrivano in pronto soccorso. Oltre ad aumentare i reparti Covid, sarebbe utile creare delle strutture intermedie, anche gli alberghi chiusi, con medici, infermieri e specialisti per occuparsi dei pazienti non Covid e lasciare posto ai malati più gravi negli ospedali» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chirurgia bariatrica, crollo di interventi per il Covid. Sicob detta le linee guida per la ripresa
Sono sei milioni gli italiani obesi e 25 milioni in sovrappeso. Foschi (presidente uscente Sicob): «Situazione aggravata dalla pandemia. La chirurgia rappresenta una soluzione anche per ridurre il rischio di contrarre il Covid in maniera grave». L'esperienza di una «ex obesa con il sogno di morire magra»
di Federica Bosco
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...