Sanità internazionale 6 Ottobre 2020 13:01

Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»

Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus

Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»

Centinaia di milioni di casi Covid “ignoti” nel mondo, molto dei più dei 35 milioni censiti dai conteggi ufficiali. Secondo le stime dell’Organizzazione mondiale della Sanità, illustrate da Mike Ryan dell’executive board, circa il 10% della popolazione mondiale sarebbe già stato infettato. E nonostante numeri di questo tipo sembrino altissimi, il risultato è che comunque oltre metà del mondo è ancora esposto al virus.

Nella scorsa settimana «il 60% dei nuovi casi globali» di coronavirus si è concentrato in «cinque Paesi: India, Stati Uniti, Brasile, Argentina e Francia». Per la prima volta uno stato europeo rientra nella classifica. «Israele, invece, ha registrato la più alta incidenza: 3.717 nuovi casi per un milione di abitanti», aggiunge l’agenzia Onu per la salute.

IN EUROPA NUOVI PICCHI SUPERATI

«In diversi Paesi il numero di nuovi casi sta aumentando ancora e in molti – soprattutto all’interno della Regione Europea – la seconda ondata sta superando i picchi precedenti». Una tendenza che preoccupa, in quanto la speranza di un autunno meno difficile della primavera sembra ormai lontana. Anche se «questo fenomeno può essere in parte attribuito ai miglioramenti nelle capacità di sorveglianza nel corso del tempo».

«Il numero di nuovi casi a settimana è rimasto stabile a 2 milioni nelle ultime tre settimane», spiega ancora l’agenzia Onu per la salute, per un totale di 34,8 milioni di contagi. Ancora bassa l’età dei nuovi contagiati, rispettando il trend che si era creato nelle ultime settimane. «La percentuale più alta di contagi è stata segnalata nella fascia di età 25-39 anni negli ultimi sette giorni, con circa il 50% dei casi nella fascia di età 25-64 anni – il report dell’Oms -. Mentre le percentuali di decessi aumentano con l’età e circa il 75% dei morti si verificano in soggetti di età pari o superiore a 65 anni».

PAESI CHE HANNO FRENATO LA CURVA

Sebbene a livello globale il numero di nuovi casi fosse simile al numero rilevato nella settimana precedente, c’è una notevole variazione Paese per Paese. «In diversi Stati, il numero di nuovi contagi è di nuovo in aumento. In altri abbiamo assistito a un graduale calo dei nuovi casi dai picchi precedenti di agosto, per esempio in Brasile, Colombia e Perù», illustra l’agenzia Onu.

In India e nelle Filippine, dopo settimane al rialzo, il numero di nuovi casi sembra essersi stabilizzato, ma si segnalano ancora numeri elevati. «Ci sono anche esempi di Paesi che hanno mostrato costantemente un’incidenza crescente man mano che la loro prima ondata continua, tra cui Indonesia (sebbene con un leggero calo questa settimana), Iraq, e Myanmar. Il Sudafrica e l’Australia nel mondo- conclude l’Oms – sono esempi di Paesi che sono riusciti con successo a ridurre il numero di nuovi casi e hanno visto forti riduzioni rispetto ai picchi precedenti».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre