Non Categorizzato 20 Maggio 2020

Magi (Sumai): «Rafforzare medicina territoriale investendo sulla specialistica ambulatoriale»

In questo momento di particolare crisi purtroppo si sono manifestate quelle che erano e sono le deficienze del Servizio sanitario nazionale dettate da alcune politiche sbagliate del passato ma anche da una crisi economica che ha portato a piani di rientro e a un blocco delle assunzioni. È stato privilegiato l’aspetto economico rispetto a quello […]

di Antonio Magi, Segretario Generale Sumai

In questo momento di particolare crisi purtroppo si sono manifestate quelle che erano e sono le deficienze del Servizio sanitario nazionale dettate da alcune politiche sbagliate del passato ma anche da una crisi economica che ha portato a piani di rientro e a un blocco delle assunzioni. È stato privilegiato l’aspetto economico rispetto a quello sanitario. Questo si è trasformato non in un risparmio ma in un bagno di sangue perché se andiamo a vedere quello che abbiamo risparmiato in sanità e quanto abbiamo bruciato nelle borse o col debito pubblico in questi giorni, non c’è paragone. Se avessimo gestito in maniera più oculata la sanità privilegiando il bisogno di salute dei cittadini piuttosto che il bisogno di far quadrare i bilanci oggi parleremmo di qualcosa di diverso.

In questo momento si sta potenziando l’attività del territorio, che è quella che sicuramente è stata declamata e annunciata più volte ma mai realizzata. Abbiamo sino ad oggi di fatto avuto una politica ospedalocentrica con la massima espressione in Lombardia ma, dopo l’emergenza Covid, abbiamo visto anche il fallimento di questo sistema. Regioni che hanno una buona sanità territoriale, come ad esempio il Veneto, oggi stanno addirittura meglio, anche sotto un aspetto epidemiologico, del Lazio.

Potenziata la Medicina generale con la creazione delle USCA ora manca la medicina specialistica. In questo settore sono stati investiti solo 6 milioni di euro per aumentare le ore di specialistica. Ma senza specialistica non si fa territorio, a meno che non vogliamo curare i diabetici, i cardiopatici, i nefropatici, quelli che hanno la bronchite cronica ostruttiva solo con la medicina generale e l’infermiere di famiglia. Se noi non mettiamo gli specialisti, e queste sono patologie croniche legate a un monitoraggio specialistico, non ci siamo. Dobbiamo in qualche modo potenziare anche quella. Altrimenti medici, infermieri e pazienti potranno trovarsi in difficoltà. Quello che manca è potenziare la specialistica ambulatoriale in una situazione di lavoro in equipe. Gli MMG sono il primo accesso al Servizio sanitario nazionale, gli specialisti come supporto alla Medicina generale quando c’è bisogno di una consulenza specialistica e quando bisogna seguire sul territorio i malati cronici anche complessi. Questo per quanto riguarda cura e diagnosi. Per l’assistenza ovviamente la parte infermieristica è essenziale per creare un ragionamento di sistema.

Bisogna abbandonare l’idea che è il rapporto giuridico degli operatori che fa l’efficienza del sistema: non è il rapporto giuridico ma la capacità professionale che ognuno ha. Dobbiamo abbandonare l’idea che il dipendente è meglio del convenzionato o viceversa. Quello che conta è il professionista, dobbiamo qualificare sempre di più l’attività professionale, non il rapporto giuridico. In questa fase abbiamo avuto delle differenze enormi: abbiamo dato degli incentivi al personale dipendente che ne aveva necessità, ed è stato un bene, ma ci siamo scordati di tutti i convenzionati.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medico scolastico. Sumai: «Utile per garantire sicurezza di alunni e personale»
La grave condizione di epidemia che viviamo ormai da mesi, legata al Sars-Cov 2, sta spingendo a ripensare ruoli e modelli assistenziali. Nel Lazio, la prossima riapertura delle scuole, vedrà il ritorno del medico scolastico. Figura che sta facendo molto discutere tra favorevoli e contrari, tra chi la vive come un’opportunità e chi invece come un problema, un ritorno al passato che no, non può tornare.
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Senior Italia FederAnziani e Sumai: «A MMG e specialisti del territorio facoltà di prescrivere farmaci per diabete e patologie respiratorie»
«Esiste, infatti, un numero irragionevole di piani terapeutici che generano visite specialistiche finalizzate esclusivamente al rinnovo del piano, con pesanti ricadute sulla vita dei pazienti, in particolar modo degli anziani e dei più fragili» sottolineano le due associazioni
Assistenza Covid, Peperoni (SUMAI): «Rete piena di falle che rischia di lasciare i pazienti senza adeguata assistenza»
La causa, secondo il vicepresidente del Sindacato unico di medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria, sarebbe dei ritardi di alcuni funzionari regionali
Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione
Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare