Salute 22 Ottobre 2021 09:20

La sanità si interroga sul rapporto tra medicina e tecnologia: quale il ruolo del professionista del futuro?

Alla presentazione della piattaforma dell’Enpam Tech2Doc i rappresentanti dei camici bianchi si sono confrontati sulla relazione tra macchine e camici. Ma in ogni caso, saranno fondamentali la formazione e l’aggiornamento continuo del personale sanitario

La sanità si interroga sul rapporto tra medicina e tecnologia: quale il ruolo del professionista del futuro?

La tecnologia può prendere decisioni, ma la scelta deve rimanere in capo al medico. È stato questo il mantra ripetuto più volte dai relatori intervenuti alla presentazione della nuova piattaforma Tech2Doc della Fondazione Enpam, l’ente previdenziale di medici e odontoiatri. I rappresentanti di tutti i principali settori della sanità si sono infatti confrontati sul rapporto che dovrà sempre più rafforzarsi tra medicina e tecnologia, un connubio destinato a cambiare la professione senza stravolgerla, salvaguardando quel fondamentale concetto di “umanizzazione delle cure” che dovrà continuare a caratterizzare la medicina e distinguendo la sapienza del professionista dalla conoscenza della macchina.

Ad aprire i lavori un video messaggio del ministro della Salute Roberto Speranza, che ha evidenziato l’importanza della telemedicina e della sanità digitale nel disegno del Servizio sanitario nazionale del futuro, così come progettato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza che destina al settore 7 miliardi.

Strutture e risorse che tuttavia rischiano di rimanere cattedrali nel deserto se non accompagnate da un costante e preciso processo di informazione e formazione del personale sanitario che dovrà utilizzarle. Da qui l’idea della piattaforma Tech2Doc, che ha proprio l’obiettivo di formare e informare gli iscritti all’Enpam sui principali temi dell’innovazione e delle nuove tecnologie a supporto della pratica medica.

Rasi (Consulcesi): «Con formazione medica standardizzata e digitale avremmo fatto meno errori in pandemia»

Chiarissimo, in tal senso, l’intervento del professor Guido Rasi, già direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco e attualmente direttore scientifico della piattaforma formativa Sanità in-Formazione del Gruppo Consulcesi, che ha spiegato come il Covid abbia agito da “acceleratore digitale” nell’ambito della formazione professionale sanitaria: «Sanità in-Formazione ha consentito di fare una formazione puntuale con tutta la potenza della tecnologia. Mi riferisco ad esempio alla comunicazione digitale: spiegare ai colleghi con un video o con una serie di informazioni interattive come agiva il virus e perché alcuni farmaci funzionavano o no è senz’altro più penetrante rispetto a ricevere lunghi e noiosi documenti. Sarebbe stato utilissimo allora avere un sistema di conoscenze già completamente implementato per affrontare la gestione del virus Sars-Cov-2, superando così in maniera più coerente ed efficace i momenti di difficoltà e incertezza».

Anelli (FNOMCeO): «Salvaguardare fattore umano del medico»

Ma quale dovrà essere, allora, il rapporto che si instaurerà tra medici e tecnologia? Non hanno dubbi i rappresentanti della professione intervenuti. Per Filippo Anelli, Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, se anche l’intelligenza artificiale saprà fare diagnosi e terapia, raccogliere il consenso informato, spiegare ai pazienti lo stato di salute o cosa prevede il trattamento di una patologia, la professione del medico sarà sempre caratterizzata dal fattore umano, da quella capacità di interagire con il paziente interpretando le sue ansie, le sue paure e le sue speranze che mai potrà essere sostituita da una macchina.

Scotti (Fimmg): «Non perdere il riconoscimento del ruolo del medico»

Silvestro Scotti, Segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale, ha parlato di «volano didattico», quello tecnologico, «che consentirà di migliorare l’assistenza e quindi tutta la filiera». Fondamentale, secondo Scotti, partire dalle esigenze dei professionisti per strutturare progetti e obiettivi, «e non calare modelli dall’alto per gestire la base», l’appunto critico di Scotti. Senza dimenticare di affiancare sempre alla tecnologia l’umanizzazione delle cure ed il riconoscimento professionale del medico: «Se un musicista insegna ad una macchina a suonare, il musicista ottiene comunque i diritti Siae; se un chirurgo insegna ad un robot ad operare non dovrebbe perdere il riconoscimento del suo ruolo», la metafora usata dal Segretario Fimmg.

Quici (CIMO): «Allocare tecnologie in modo appropriato»

In rappresentanza dei medici ospedalieri è invece intervenuto il presidente del sindacato CIMO Guido Quici: «Gli ospedali sono già tecnologicamente avanzati sotto alcuni punti vista. La tecnologia che abbiamo a disposizione è tantissima, ma bisogna allocarla nel modo più appropriato, altrimenti non funziona – sottolinea Quici -. Se in un ospedale ho un robot che occupa una sala chirurgica per un giorno intero eseguendo un solo intervento, è ovvio che costerà molto di più e avrà un impatto molto più importante sulle liste d’attesa. Ma bisogna comunque ricordare – ha aggiunto Quici – che queste tecnologie sono veramente la ciliegina sulla torta, perché in molte strutture mancano ancora il fascicolo sanitario elettronico o il data warehouse, quindi bisognerebbe intanto partire dagli aspetti più concreti, e poi concentrarsi sul resto».

Magi (Sumai-Assoprof): «Tecnologia si adegui al medico, non viceversa»

Simile il discorso di Antonio Magi, segretario di Sumai-Assoprof, in rappresentanza degli specialisti ambulatoriali: «La tecnologia serve, ma non dobbiamo dimenticare che medicina significa rapporto personale ed empatia. È senz’altro uno strumento utile, ma non sostitutivo, che dovrebbe adeguarsi al medico. Invece troppo spesso accade il contrario: io sono radiologo, e spesso sono costretto ad adeguarmi alla macchina perché il software non prevede quello che mi serve. E poi – ha aggiunto – per stare al passo con l’innovazione, che come sappiamo corre velocissimo, si dovrà eliminare buona parte della burocrazia legata ad acquisti e gare d’appalto altrimenti, considerate le attese necessarie oggi per comprare un macchinario, ci troveremo sempre con tecnologie obsolete».

Oliveti (Enpam): «Tecnologia amplifichi capacità del medico»

In chiusura, non poteva mancare l’intervento del padrone di casa Alberto Oliveti, presidente dell’Enpam: «La tecnologia deve essere un amplificatore delle capacità del medico, consentendogli di portare cure in modo corretto e aggiornato ai tempi. Ricordando – conclude Oliveti – che alla decisione segue la scelta. E se la prima può essere elaborata da un algoritmo, la seconda deve continuare ad essere prerogativa del medico e della sua regola morale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rendere il territorio a misura di paziente cronico, la sfida di Sicop e Sumai. Magi: «Lavoro in équipe cruciale»
Al convegno dal titolo "Le nuove sfide del territorio nell'endemia post-Covid" anche il segretario FIMMG Silvestro Scotti, il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri e il Sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato che spiega: «Il nuovo modello organizzativo dove coinvolgere gli specialisti ambulatoriali interni, i medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, le farmacie pubbliche e private convenzionate»
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»
Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...