Lavoro 8 Ottobre 2021 19:08

Congresso CIMO, Quici confermato presidente: «Ora rilanciare SSN ascoltando le proposte dei medici»

I risultati raggiunti nel primo mandato, i progetti futuri ed il botta e risposta con il ministro Speranza

Congresso CIMO, Quici confermato presidente: «Ora rilanciare SSN ascoltando le proposte dei medici»

Altri quattro anni alla guida del sindacato dei medici CIMO per Guido Quici, che oggi è stato confermato Presidente. Un secondo mandato che segue quattro anni «durissimi, vissuti con grande intensità e tanto coraggio», come racconta a Sanità Informazione. Tanti i risultati raggiunti, a partire da una politica di aggregazione e di inclusione di altre sigle che ha portato ad una forte rappresentatività del sindacato, con un sogno ancora nel cassetto: «Un sindacato unico di medici che difenda veramente la nostra professione».

Ora però la partita da giocare è di quelle che potrebbero cambiare definitivamente il volto della sanità italiana. E CIMO vuole essere protagonista di questo cambiamento: «Siamo medici, conosciamo le patologie, anche quelle del nostro Servizio sanitario nazionale, e potremmo dare il nostro contributo, con le nostre idee, per rilanciarlo. Ma per farlo – aggiunge Quici – si devono evitare gli errori del passato. Non mi si parli di autonomia differenziata, che invece è ricomparsa nella Nadef; non si pensi al passaggio dei medici di Medicina Generale alla dipendenza, che danneggerebbe i dipendenti, i convenzionati e il Servizio sanitario venendo meno il rapporto fiduciario tra medico e paziente; non ci si concentri solo sull’acquisto di alte tecnologie, che senza professionisti non possono funzionare».

E su questo risponde dal palco il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto al congresso: «Abbiamo 4 miliardi per cambiare tutte le attrezzature ad alta complessità che hanno più di cinque anni, e avere attrezzature moderne è decisivo in un ospedale, è un’operazione di equità straordinaria che consente di rimettere in pari le aree del Paese che nella pandemia si sono difese meglio e quelle che sono state in apnea. A me piacerebbe dedicare buona parte del Pnrr al personale – specifica Speranza – ma parliamo di risorse non a regime. Se assumiamo personale con queste risorse, nel 2026 dovremmo mandarle a casa. È invece l’aumento nei prossimi tre anni del Fondo sanitario nazionale che darà continuità alla spesa straordinaria. Dobbiamo quindi lavorare affinché nella legge di Bilancio i fondi tornino a salire».

L’ipotesi che circola è un aumento di due ulteriori miliardi per la sanità. Insufficienti per Quici: «Il 15% dell’incremento è promesso al territorio, quindi rimangono 1,6 miliardi; solo il contratto del comparto costa un miliardo. Senza calcolare gli altri contratti di lavoro, i farmaci, i presìdi, l’assistenza ospedaliera, la sanità privata: cosa ci dobbiamo fare con questi soldi?».

«Che poi – aggiunge Quici – continuiamo a firmare contratti in scadenza, che non vengono applicati dalle aziende. Io il preaccordo dell’ultimo contratto della dirigenza non l’ho firmato, e quello è stato sicuramente uno dei momenti più stressanti di questi quattro anni; ma oggi il 98% delle aziende non ha ancora preparato il contratto decentrato né ha aggiornato i regolamenti. Siamo di fronte ad un’incuria amministrativa nell’assicurare i diritti fondamentali e valorizzare le risorse. C’è un limite a tutto, e non possiamo continuare a subire passivamente queste situazioni».

«Questo è un malcostume tutto italiano che ci porta ad approvare contratti a triennalità sempre scaduta – la risposta di Speranza -. Dobbiamo superare questa impostazione, e mi impegnerò affinché questo avvenga».

Lo ripete più volte, Quici, nel corso della sua relazione: «Vogliamo essere ascoltati. Vorremmo rispetto per la nostra professione perché non siamo più disponibili a subire disposizioni regionali unilaterali o mancate applicazioni di contratto. Siamo decisi e determinati a voler fare il nostro lavoro nell’interesse dei pazienti ma anche per il rispetto dei nostri diritti. Il Pnrr è un’opportunità per cambiare cose importanti: partendo dalla sanità reale e non virtuale possiamo riprogrammare il futuro, partendo dalle nostre idee che saranno la nostra forza».

Infine la replica del Ministro: «Serve un confronto costante con il tavolo cui siedono tutte le professioni sanitarie, ed è essenziale il confronto con i sindacati. Ma dobbiamo essere consapevoli che finalmente ci sono le condizioni per far fare un vero passo avanti al nostro Ssn, difendendone fortemente i principi e mettendo mano ai meccanismi di funzionamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Veneto 100 euro l’ora per gli straordinari in Pronto soccorso. CIMO-FESMED: «Estendere accordo in tutta Italia»
Un accordo, quello raggiunto tra la Regione e le organizzazioni sindacali, che prova a rendere nuovamente attrattiva l’area di Emergenza-Urgenza
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
CCNL sanità non applicato, CIMO-FESMED: «Prevedere scadenza per stipula dei contratti aziendali»
Il sindacato dei medici dipendenti del SSN al Ministro Brunetta: «Calpestati diritti di 130.000 “eroi”»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale