Lavoro 8 Ottobre 2021 19:08

Congresso CIMO, Quici confermato presidente: «Ora rilanciare SSN ascoltando le proposte dei medici»

I risultati raggiunti nel primo mandato, i progetti futuri ed il botta e risposta con il ministro Speranza

Congresso CIMO, Quici confermato presidente: «Ora rilanciare SSN ascoltando le proposte dei medici»

Altri quattro anni alla guida del sindacato dei medici CIMO per Guido Quici, che oggi è stato confermato Presidente. Un secondo mandato che segue quattro anni «durissimi, vissuti con grande intensità e tanto coraggio», come racconta a Sanità Informazione. Tanti i risultati raggiunti, a partire da una politica di aggregazione e di inclusione di altre sigle che ha portato ad una forte rappresentatività del sindacato, con un sogno ancora nel cassetto: «Un sindacato unico di medici che difenda veramente la nostra professione».

Ora però la partita da giocare è di quelle che potrebbero cambiare definitivamente il volto della sanità italiana. E CIMO vuole essere protagonista di questo cambiamento: «Siamo medici, conosciamo le patologie, anche quelle del nostro Servizio sanitario nazionale, e potremmo dare il nostro contributo, con le nostre idee, per rilanciarlo. Ma per farlo – aggiunge Quici – si devono evitare gli errori del passato. Non mi si parli di autonomia differenziata, che invece è ricomparsa nella Nadef; non si pensi al passaggio dei medici di Medicina Generale alla dipendenza, che danneggerebbe i dipendenti, i convenzionati e il Servizio sanitario venendo meno il rapporto fiduciario tra medico e paziente; non ci si concentri solo sull’acquisto di alte tecnologie, che senza professionisti non possono funzionare».

E su questo risponde dal palco il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto al congresso: «Abbiamo 4 miliardi per cambiare tutte le attrezzature ad alta complessità che hanno più di cinque anni, e avere attrezzature moderne è decisivo in un ospedale, è un’operazione di equità straordinaria che consente di rimettere in pari le aree del Paese che nella pandemia si sono difese meglio e quelle che sono state in apnea. A me piacerebbe dedicare buona parte del Pnrr al personale – specifica Speranza – ma parliamo di risorse non a regime. Se assumiamo personale con queste risorse, nel 2026 dovremmo mandarle a casa. È invece l’aumento nei prossimi tre anni del Fondo sanitario nazionale che darà continuità alla spesa straordinaria. Dobbiamo quindi lavorare affinché nella legge di Bilancio i fondi tornino a salire».

L’ipotesi che circola è un aumento di due ulteriori miliardi per la sanità. Insufficienti per Quici: «Il 15% dell’incremento è promesso al territorio, quindi rimangono 1,6 miliardi; solo il contratto del comparto costa un miliardo. Senza calcolare gli altri contratti di lavoro, i farmaci, i presìdi, l’assistenza ospedaliera, la sanità privata: cosa ci dobbiamo fare con questi soldi?».

«Che poi – aggiunge Quici – continuiamo a firmare contratti in scadenza, che non vengono applicati dalle aziende. Io il preaccordo dell’ultimo contratto della dirigenza non l’ho firmato, e quello è stato sicuramente uno dei momenti più stressanti di questi quattro anni; ma oggi il 98% delle aziende non ha ancora preparato il contratto decentrato né ha aggiornato i regolamenti. Siamo di fronte ad un’incuria amministrativa nell’assicurare i diritti fondamentali e valorizzare le risorse. C’è un limite a tutto, e non possiamo continuare a subire passivamente queste situazioni».

«Questo è un malcostume tutto italiano che ci porta ad approvare contratti a triennalità sempre scaduta – la risposta di Speranza -. Dobbiamo superare questa impostazione, e mi impegnerò affinché questo avvenga».

Lo ripete più volte, Quici, nel corso della sua relazione: «Vogliamo essere ascoltati. Vorremmo rispetto per la nostra professione perché non siamo più disponibili a subire disposizioni regionali unilaterali o mancate applicazioni di contratto. Siamo decisi e determinati a voler fare il nostro lavoro nell’interesse dei pazienti ma anche per il rispetto dei nostri diritti. Il Pnrr è un’opportunità per cambiare cose importanti: partendo dalla sanità reale e non virtuale possiamo riprogrammare il futuro, partendo dalle nostre idee che saranno la nostra forza».

Infine la replica del Ministro: «Serve un confronto costante con il tavolo cui siedono tutte le professioni sanitarie, ed è essenziale il confronto con i sindacati. Ma dobbiamo essere consapevoli che finalmente ci sono le condizioni per far fare un vero passo avanti al nostro Ssn, difendendone fortemente i principi e mettendo mano ai meccanismi di funzionamento».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Odontotecnici scrivono a Speranza: «Inquadramento normativo datato, chiediamo incontro»
Gli odontotecnici prendono carta e penna e scrivono al Ministro della Salute Roberto Speranza per denunciare quella che secondo loro è una vera e propria ingiustizia, cioè il fatto che tale categoria professionale sia rimasta “arte sanitaria ausiliaria” mentre le altre arti sanitarie ausiliarie analoghe, per esempio il tecnico ortopedico o l’audioprotesista, siano riuscite ad […]
Scadenza proroga triennio ECM, Speranza: «Ora riprendere normale percorso. La formazione del personale sanitario è fondamentale»
A poche settimane dalla scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 il ministro della Salute evidenzia l’importanza dell’aggiornamento continuo: «Abbiamo bisogno di personale sanitario sempre formato adeguatamente»
Congresso Fimmg, l’intervento di Speranza: «Gli studi dei medici di famiglia sono irrinunciabili»
Il ministro della Salute ha illustrato la sua idea di riforma della medicina territoriale: «Gli ambulatori siano spoke delle Case di comunità, multidisciplinari e inseriti nella rete del Ssn. Il problema non è dipendenza o convenzione»
Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»
Il numero delle vaccinazioni e la ripresa economica del Paese legati a filo doppio secondo il Ministro Speranza, che ora invita all'ultimo sforzo nel superare l'80% anche per le seconde dosi: «Una delle scoperte più straordinarie della storia dell'umanità»
“Medici eroi”, ma mancano finanziamenti per aumentare personale. Le richieste di CIMO alla politica
In occasione della presentazione di "Giuro di non dimenticare" il presidente CIMO Quici incontra la senatrice Castellone. Un punto comune sopra tutti: servono finanziamenti per nuove assunzioni, che il PNRR non garantisce. La soluzione forse nella Legge di Bilancio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?