Politica 24 Settembre 2019

Autonomia differenziata, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Basta sovra-costi per i cittadini, in sanità serve l’esigibilità dei servizi»

Servizi accessibili anche nei territori periferici, abolizione del superticket e personalizzazione delle cure: il segretario generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, elenca gli obiettivi che dovrebbero guidare il governo nella realizzazione della riforma sulle autonomie

Immagine articolo

L’autonomia differenziata in sanità continua a dividere politica e associazioni di categoria. Un dibattito aperto a cui si aggiunge la voce il segretario generale di Cittadinanzattiva, Antonio Gaudioso, che in occasione della presentazione del Patto per la Salute, sottoscritto insieme alla FNOMCeO, torna a parlarne.

«Rispetto allo storytelling che molte volte ci troviamo ad ascoltare quotidianamente dal mondo della politica, se uno chiede ad un cittadino in qualsiasi parte del Paese abiti, qual è la cosa più importante relativamente al Servizio sanitario nazionale è l’esigibilità dei diritti», spiega Gaudioso, ricordando le criticità maggiori: dalle liste d’attesa alle scarse risorse destinate ai servizi essenziali per i territori periferici. «In molti casi i servizi sono inesigibili e quando si parla di personalizzazione delle cure per il cittadino non ci sono poi servizi adeguati ai bisogni delle persone. Non è detto che ci debba essere ogni servizio uguale per ogni tipo di persona e in ogni parte della regione in cui abitano, ma c’è bisogno di un servizio giusto per quel tipo di persone. Ad esempio, nei piccoli borghi le persone anziane hanno bisogno di alcuni tipi di assistenza, poi bisognerebbe fare investimenti sui servizi territoriali che rendano i medici di famiglia e i farmacisti protagonisti nell’erogazione dei servizi. Tutte cose che hanno a che fare con un’idea di Servizio sanitario nazionale che non è un costo, ma un investimento per garantire quell’elemento di coesione sociale su cui storicamente di fonda».

LEGGI: CITTADINI E MEDICI SIGLANO IL “PATTO PER LA SALUTE” PER COMBATTERE LE DISEGUAGLIANZE IN SANITÀ

Alla nuova squadra di governo da poco riorganizzata, Gaudioso chiede «oltre ad affermazioni di principio assolutamente condivisibili che si lavori sui fatti». «Lo dico perché una cosa che non sarebbe apprezzabile, – continua il segretario generale di Cittadinanzattiva – sarebbe scaricare la responsabilità su chi ci è stato prima, fare promesse che non si possono mantenere ed infine essere generici. Le cose di cui abbiamo bisogno sono molto puntuali: bisogna garantire l’esigibilità dei diritti dei cittadini, perché se ci sono liste d’attesa per una mammografia in alcune parti del Paese di 20 giorni e in altre di 200, è evidente che il servizio non è accessibile. Bisogna fare in modo che i cittadini non abbiano ulteriore sovra-costi come quello del superticket. Deve essere assolutamente abolito perché grava sempre sulle famiglie che si trovano in difficoltà. Io penso che sia serio dare fiducia a chi si appresta a governare, ma è una fiducia a tempo, che abbiamo il dovere di dare ma per la quale aspettiamo ritorni in termini di diritti per i cittadini e per gli operatori della sanità».

Articoli correlati
Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Introdurre in Costituzione norma che indichi chi ha responsabilità in situazioni di emergenza nazionale»
Quanto sta accadendo da ormai molte settimane e la necessità di combattere e convivere con un nemico invisibile come il Coronavirus ci stanno facendo scoprire o riscoprire l’importanza del Servizio sanitario nazionale non solo come elemento di coesione sociale e di sviluppo ma anche di sicurezza. Oltre questo però stanno emergendo alcuni elementi, forse per alcuni scomode […]
di Antonio Gaudioso, Segretario generale Cittadinanzattiva
Coronavirus, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Malati oncologici e cronici lasciati soli. Necessario sviluppare assistenza domiciliare»
Aumentano le segnalazioni di persone e associazioni che lamentano l’impossibilità di continuare le cure: «In alcuni casi i pazienti non vanno in ospedale per paura del virus, in altri l’assistenza non funziona. Alla fine dell’emergenza conteremo i morti per Covid-19 e di chi non è riuscito a curarsi»
Federfarma e Cittadinanzattiva scrivono a Ministero e Aifa: distribuire tramite le farmacie antivirali e antimalarici per affetti da coronavirus
Distribuire tramite le farmacie, grazie ai servizi di consegna gratuita a domicilio, i farmaci antimalarici e antivirali autorizzati per il trattamento domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19. Lo chiedono Federfarma e Cittadinanzattiva in una nota indirizzata al Ministero della Salute e all’Aifa. La distribuzione di tali farmaci tramite farmacie – sottolinea la nota – non […]
“Insieme senza Paura”, Industrie Farmaceutiche Italiane FAB13 aderiscono a iniziativa FIMMG e Cittadinanzattiva
Verranno donati oltre 3 milioni di euro in risorse finanziarie e beni strumentali per fronteggiare l’emergenza Covid19
Federfarma raccoglie invito Cittadinanzattiva e allarga iniziativa per consegna farmaci a domicilio anche ai dispositivi medici
Le organizzazioni lanciano un appello: «Le Regioni adottino un modello di prossimità, la distribuzione per conto per tutelare i cittadini in condizioni di fragilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...