Salute 18 Settembre 2019 17:18

Cittadini e medici siglano il “Patto per la Salute” per combattere le diseguaglianze in sanità

L’accordo sottoscritto da Cittadinanzattiva e FNOMCeO si propone di riorganizzare il Servizio sanitario nazionale e di superare la logica del superticket. Forti le diseguaglianze tra i servizi offerti in città rispetto alle aree periferiche

Cittadini e medici siglano il “Patto per la Salute” per combattere le diseguaglianze in sanità

Rifinanziare il Servizio sanitario nazionale, rivedere i criteri di riparto del Fondo sanitario a partire dai reali bisogni di salute della popolazione, superare la logica del superticket, infine reinvestire i risparmi derivanti da una buona governance sanitaria all’interno dello stesso Ssn. Sono questi i tre punti essenziali del Patto della Salute tra cittadini e medici siglato a Roma da Cittadinanzattiva e Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) alla presenza del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri e del ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia.

«Insieme decidiamo di impegnarci sull’organizzazione dei servizi territoriali – spiega a Sanità Informazione Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva –. Il nostro Paese è ancora lontano dall’avere un sistema omogeneo che si prenda cura dei cittadini allo stesso modo non solo in ospedale ma anche sul territorio. Ci impegniamo insieme a lottare contro le diseguaglianze che non sono solo tra nord e sud, ma anche tra città e aree interne».

«È una strana evoluzione del rapporto che c’è alla fine da sempre tra medici e pazienti – commenta il vicepresidente FNOMCeO , Giovanni Leoni, intervenuto durante la conferenza stampa di presentazione del Patto –. È un nuovo metodo di rapportarci che ha avuto come ente la FNOMCeO che ha voluto coinvolgere i rappresentati della cittadinanza per quello che è la gestione del sistema sanitario. Perché alla fine ci sono i medici, i cittadini che hanno le prestazioni, ma poi c’è un ente erogatore in mezzo. Noi abbiamo iniziato a parlarci, a stabilire un rapporto tra quella che è l’utenza e i medici. Nei nostri ambulatori, la maggior parte delle persone che vengono nel servizio pubblico sono esenti dal ticket per patologia, per reddito, ecc. A loro, che non hanno la possibilità di andare nel privato, serve un sistema sanitario efficiente, equo e solidale per tutto il territorio nazionale. Senza diseguaglianze tra nord e sud. Bisogna riuscire ad efficientare le regioni che sono più in difficoltà. I cittadini devono essere uguali davanti alla malattia».

«La lotta alle disuguaglianze – dichiara il ministro Boccia – sarà il punto centrale della mia proposta alle regioni. Siamo convinti della necessità di far diventare l’autonomia una applicazione vera del principio di sussidiarietà e la lotta alle diseguaglianze un punto centrale. Da lunedì in poi ci occuperemo di questo. La proposta che il governo Conte farà alle regioni partirà dalla certezza che dobbiamo superare tutte le disuguaglianze. Perché non esistono solo differenze tra nord e sud: esistono anche tra nord e nord e tra sud e sud, tra diverse provincie e all’interno delle regioni più ricche».

«Gran parte dei problemi sollevati oggi – spiega Sileri – sono legati alla carenza dei medici, che è una e propria emergenza. Dobbiamo trovare medici formati e aumentare il numero di borse per le scuole di specializzazione. Questo aiuterà a migliorare varie questioni, come le liste d’attesa, la diagnostica, e dunque permettere un miglioramento alle regioni più in difficoltà. Bisogna inoltre valorizzare il lavoro del personale sanitario e aiutare le famiglie, magari con un contributo alla non autosufficienza». Ma come risolvere il problema della carenza di camici bianchi e dell’imbuto formativo? «Abbiamo tanti medici che poi si fermano a causa del numero di posti delle scuole di specializzazione. Bisogna immetterli nel mercato del lavoro e permettergli di farlo in anticipo rispetto ad ora. Credo inoltre che l’anno prossimo serviranno più borse perché c’è stato un ricorso del 2013 che ha ammesso alcune migliaia di neolaureati, che ora avranno accesso alle scuole di specializzazione».

Articoli correlati
Elezioni Ordini professioni sanitarie, pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proroga al 31 gennaio 2021
La durata degli ordini in carica viene inoltre prorogata fino alla proclamazione dei nuovi eletti e comunque non oltre la stessa data. Sono fatte salve ovviamente le elezioni degli ordini già effettuate al momento dell’entrata in vigore dell’ordinanza
Bozza Piano pandemico, Muzzetto (FNOMCeO): «Evitare scenario “da guerra”»
Secondo la bozza del Piano pandemico, con risorse insufficienti bisogna «fornire trattamenti necessari preferenzialmente a quei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio». Ecco cosa ne pensa il Presidente della Consulta Deontologica Nazionale della Federazione
Vaccino, Anelli (FNOMCeO) scrive a Speranza: «È il miglior DPI, somministrarlo a tutti i medici e odontoiatri»
«È necessario e urgente, ed è quanto ufficialmente Le chiedo Onorevole Ministro, che sia fatta chiarezza circa l’inserimento nel programma vaccinale SARS-CoV-2 di tutti i professionisti medici e odontoiatri, dei diversi ambiti di dipendenza, di convenzionamento ma anche in regime libero professionale»
Covid-19 e scuola, l’ISS: «Non è fra i primi contesti di trasmissione»
Online il report dell'Istituto Superiore di Sanità 'Apertura delle scuole e andamento dei casi confermati di Sars-Cov-2: la situazione in Italia'
“Ogni vita conta”: nuovo spot FNOMCeO dedicato ai medici impegnati contro il Covid-19
«La campagna “Ogni vita conta” vuole rendere omaggio agli oltre 260 medici che finora hanno dato la vita per combattere l'epidemia di Covid-19», spiega il Presidente della Federazione, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 gennaio, sono 95.577.274 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.041.098 i decessi. Ad oggi, oltre 40,4 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Ho...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...