Mondo assicurativo 3 Luglio 2017

La polizza di responsabilità civile sanitaria garantisce soltanto nei casi di danno fisico?

Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità di tale documentazione ha reso più complessa se non impossibile la formulazione della diagnosi e relativa terapia. In termini di prova la posizione del paziente è particolarmente forte in quanto lo stesso ha in suo possesso la ricevuta dell’effettivo ricevimento da parte del mio laboratorio del plico contenente la documentazione.  

Ho subito presentato una denuncia di sinistro al mio assicuratore. Sono infatti titolare di una polizza che non si limita alla copertura della semplice Colpa Grave. Credevo che in questo modo sarei stato garantito in maniera più che completa. L’Assicuratore tuttavia mi ha rifiutato il sinistro motivando tale decisione con il fatto la polizza non copre questo tipo di avvenimenti. Potrebbe dirmi se il comportamento della compagnia   è corretto e cosa debba io fare per tutelarmi?

In effetti il comportamento della compagnia risulta corretto. La polizza di responsabilità sanitaria copre soltanto nel caso in cui l’operatore sanitario abbia cagionato un danno fisico al paziente. In tal caso la polizza risarcirà il paziente sia per il danno biologico subito sia per gli eventuali danni patrimoniali conseguenti al danno fisico (per esempio la ridotta capacità lavorativa a seguito del danno fisico). Nel caso da Lei esposto l’eventuale danno non afferisce assolutamente ad una menomazione di natura fisica. Riguardo poi  cosa lei debba fare per tutelarsi le rispondo in due modi: a) in qualità di dirigente sanitario pubblico il suo CCNL lo tutela in quanto il suo Istituto deve prendere in carico la sua difesa; per altro in forza di una legge dello Stato Lei potrà essere chiamato a rispondere di questo danno solo nel caso in cui l’Organo giudiziario competente accerterà la sua colpa grave; cosa che nella fattispecie descritta mi sembra assai improbabile. b) la informo comunque che esiste la possibilità, con una polizza specifica il cui costo è veramente modesto, di assicurarsi anche dalle conseguenze di comportamenti colposi che hanno provocato un danno al paziente senza che questo sia stato l’espressione di un danno fisico. Mi creda: la casistica anche per i medici è ben più ampia di quanto si possa pensare!

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
Covid e assicurazioni, è infortunio? Per l’INAIL sì, per le compagnie no. Ma in caso di risarcimento negato si può fare ricorso
Larussa (Sapienza): «Le compagnie assicurative vogliono far passare l’infezione da Covid non come infortunio ma come malattia e, in quanto tale, non indennizzarla». L’avvocato Cecconi: «Una disparità inaccettabile tra dipendenti e libero professionisti»
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Coronavirus in corsia, come può tutelarsi legalmente il medico? Le risposte degli esperti
In quali casi si verifica una responsabilità della struttura se un medico che lavora in essa viene contagiato dal Covid-19? E cosa può fare per ottenere un risarcimento, nel caso in cui non siano state prese tutte le precauzioni del caso? Le risposte degli Avvocati Guido Molinari e Andrea Marziale, Partners dello Studio Legale e Tributario Quorum
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...