Contributi e Opinioni 30 Maggio 2022 12:16

Se il nesso causale non è provato dal paziente, niente risarcimento

Se il paziente non riesce a dimostrare il nesso causale, il risarcimento da parte del medico non è dovuto

di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Se il nesso causale non è provato dal paziente, niente risarcimento

Sul tema del nesso causale tra azione del medico e danno subito dal paziente abbiamo già scritto in precedenza. A farci tornare sull’argomento è una recente sentenza del Tribunale di Reggio Emilia, dello scorso 16 febbraio 2022.

La vicenda

Tutto ebbe inizio con una mastoplastica additiva, ossia un intervento di chirurgia estetica realizzato allo scopo di aumentare e riproporzionare il seno. L’operazione ebbe luogo nel 2011, presso una struttura ospedaliera di Reggio Emilia. La paziente, evidentemente non soddisfatta – se pur a distanza di anni – dell’esecuzione dell’intervento, richiese nel 2019 un accertamento tecnico preventivo (ATP) nei confronti sia della struttura sia del chirurgo estetico. L’obiettivo era quello di individuare una precisa colpa medica connessa alla realizzazione dell’intervento e – conseguentemente – di poter quantificare il danno subito.

Il responso dell’ATP e l’azione legale

La consulenza di parte avrebbe accertato piuttosto chiaramente la presenza di effettivi inestetismi, connessi alla differenza di forma e volume post-operatoria delle due mammelle. Alla luce di questo, la signora chiamò dunque in giudizio sia il medico sia il centro ospedaliero, chiedendone la condanna al pagamento di una somma a risarcimento.

La strategia difensiva del centro medico

La struttura medica si costituì in giudizio, sostenendo la tesi che non vi fu alcuna colpa medica alla base degli inestetismi attualmente presenti. Di tale possibile esito la clinica medica aveva infatti adeguatamente informato la paziente, in quanto complicanza ampiamente descritta nella letteratura scientifica di settore. Il medico chirurgo non si presentò in giudizio.

La posizione dei giudici di merito

Esponendo le motivazioni del rigetto della richiesta della paziente, i giudici del Tribunale di Reggio Emilia espongono in maniera piuttosto chiara il tema del cosiddetto “onere della prova”. Nel merito infatti, i giudici evidenziano come il ciclo causale vada suddiviso chiaramente in due parti. Da un lato, è il paziente che deve dimostrare il nesso causale tra l’insorgere del problema e il comportamento del professionista sanitario. Dall’altro – e in seguito all’eventuale evidenza del nesso – spetta invece al medico dimostrare di aver seguito i protocolli “a regola d’arte” o quantomeno le “best practices. Ne segue che se la causa del danno rimane non certa, la richiesta di risarcimento deve essere rigettata.

Le evidenze emerse dall’ATP

La questione viene pertanto risolta dai giudici di merito basandosi proprio su quanto è attestato dall’accertamento tecnico preventivo. Esso viene infatti giudicato quale “[…] frutto di un iter logico ineccepibile e privo di vizi, condotto in modo accurato ed in continua aderenza ai documenti agli atti ed allo stato di fatto analizzato.” In particolare, nella relazione si afferma che non è possibile sostenere – sulla base della documentazione fornita – che gli inestetismi siano conseguenza di una errata procedura operatoria da parte del chirurgo. Piuttosto parrebbe che tali asimmetrie siano conseguenza di una “contrattura capsulare”, un evento – si dice – “prevedibile ma non prevenibile” dai sanitari. E per il quale è stato doverosamente raccolto un adeguato consenso informato. Rimane peraltro ovvio – sottolinea l’ATP – che le risultanze della consulenza risentono del fatto che sono comunque passati nove anni dai fatti.

L’importanza di tutelarsi

Dalla vicenda emergono due aspetti degni di essere sottolineati. Il primo è la necessità – da parte del presunto danneggiato – di dotarsi di strutture argomentative robuste, al fine di far emergere il nesso causale tra il danno e la condotta medica. L’altro è – per il professionista sanitario – l’esigenza di tutelarsi con criterio sul piano della responsabilità civile professionale, facendosi seguire da team competenti e professionali come SanitAssicura. Infatti, nonostante tutto, l’errore può essere sempre dietro l’angolo. Una buona assicurazione può pertanto far dormire sonni sereni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non voler visitare un paziente può essere reato
Una recente sentenza sancisce che il non voler visitare un paziente può portare ad una richiesta di risarcimento danni o peggio
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
La sicurezza delle cure nelle Rsa
A cura della Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
di Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
Omissione sanitaria e decesso: come accertare il nesso causale
Una recente sentenza della Cassazione fa il punto sull'accertamento del nesso causale fra l'omissione sanitaria e il decesso
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...