Covid-19, che fare se...? 2 Maggio 2023 10:45

Quando le infezioni ripetute sono pericolose?

Si stima che la maggior parte della popolazione mondiale sia stata contagiata dal virus Sars-CoV-2 almeno una volta. Quanto danno causeranno queste infezioni ripetute è ancora oggi oggetto di dibattito

Quando le infezioni ripetute sono pericolose?

Si stima che la maggior parte della popolazione mondiale sia stata contagiata dal virus Sars-CoV-2 almeno una volta. Negli Stati Uniti, alcune stime suggeriscono che ben il 65% delle persone ha avuto infezioni multiple ed è probabile che nei decenni a venire siano tutti destinati a contrarre il Covid-19 molte più volte. Quanto danno causeranno queste infezioni ripetute è ancora oggi oggetto di dibattito. «Ci sono alcune opinioni quasi patologicamente polarizzate là fuori», afferma Danny Altmann, immunologo dell’Imperial College di Londra, su Nature. Una parte sostiene che Sars-CoV-2 è un comune virus respiratorio, non peggiore del comune raffreddore, soprattutto per coloro che sono stati vaccinati. Altri hanno affermato che contrarre ripetutamente il Covid-19 è una scommessa. Ogni attacco comporta un rischio – o almeno cambiamenti – al sistema immunitario e ripercussioni sulla salute a lungo termine. Entrambi i gruppi sono armati di prove.

Chi manifesta sintomi lievi alla prima infezione tende ad avere una reinfezione più «soft»

Quando si verifica la reinfezione, la buona notizia è che il sistema immunitario sembra pronto a rispondere. In uno studio pubbliclato in pre-print, i ricercatori hanno esaminato le reinfezioni nei giocatori, nel personale e nelle famiglie della National Basketball Association degli Stati Uniti. Hanno scoperto che le persone che sono state reinfettate hanno eliminato il virus più velocemente, in media in circa cinque giorni, rispetto ai circa sette giorni per una prima infezione. Le persone che hanno ricevuto una dose di vaccino tra la prima e la seconda infezione hanno eliminato il virus più velocemente ancora. Altri studi hanno dimostrato che le persone che manifestano sintomi lievi con la loro prima infezione avranno probabilmente una lieve infezione successiva.

Gli studi sulle infezioni ripetute mostrano un rischio più basso di mortalità

Due ampi studi suggeriscono che le reinfezioni tendono ad essere meno rischiose di quella iniziale. Nel primo studio, che è stato condotto in Qatar, le probabilità di malattia grave, critica o fatale alla reinfezione sono risultate inferiori di quasi il 90% rispetto a quelle di un’infezione primaria. L’altro studio, che ha esaminato 3,8 milioni di prime infezioni e 14.000 reinfezioni in Inghilterra, ha rilevato che le persone avevano il 61% in meno di probabilità di morire nel mese successivo alla reinfezione rispetto allo stesso periodo dopo una prima infezione e il 76% in meno di probabilità di morire ricoverati in un reparto di terapia intensiva.

Chi si è ammalato gravemente la prima volta rischia di ritornare in ospedale

Ma la reinfezione non è esente da rischi. Coloro che sono più vulnerabili a malattie gravi durante una prima infezione continuano ad essere i più vulnerabili, anche se il loro rischio di ricovero o morte diminuisce. In una ricerca pubblicata in pre-print è emerso che la stragrande maggioranza di coloro che sono stati reinfettati – più di tre quarti – hanno avuto una malattia lieve entrambe le volte. Una piccola percentuale di persone che non sono state ricoverate la prima volta è finita in ospedale per reinfezione. Ma una seconda infezione grave era molto più comune nelle persone che avevano avuto una prima infezione grave. Delle persone che hanno dovuto essere attaccate a un ventilatore durante la prima infezione, il 30% è tornato in ospedale per reinfezione.

Uno studio ha mostrato che infezioni ripetute raddoppiano il rischio morte

In un altro studio, che ha esaminato le cartelle cliniche elettroniche del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto che avere il Covid-19 più di una volta è peggio che averlo solo una volta. I risultati mostrano che le persone con infezioni ripetute avevano il doppio delle probabilità di morire e il triplo delle probabilità di essere ricoverate in ospedale, avere problemi cardiaci o sviluppare coaguli di sangue rispetto alle persone che erano state infettate solo una volta. C’è un altro motivo per cui alcuni scienziati pensano che valga la pena evitare un’infezione da Sars-CoV-2, sia essa la prima o la quarta.

Le infezioni Covid-19 provoca cambiamenti nel sistema immunitario

Alcuni sostengono che anche i casi lievi di Covid-19 possono causare danni permanenti al sistema immunitario, il che potrebbe rendere le persone più suscettibili ad altri tipi di infezione. Questo è stato lanciato come spiegazione per l’aumento dei casi di influenza e altre malattie respiratorie nell’emisfero settentrionale a partire dall’ottobre dello scorso anno. Molti immunologi, tuttavia, affermano che mancano prove per questa ipotesi. Le anomalie immunitarie sembrano accompagnare il Long Covid e persistere dopo casi gravi di Covid-19, ma per la maggior parte delle persone che si sono riprese, non vi è alcun segno che il virus causi una deficienza immunitaria di lunga durata. Tuttavia, una manciata di studi ha rilevato cambiamenti immunologici che durano settimane o addirittura mesi dopo l’infezione iniziale da Sars-CoV-2, anche nelle persone che avevano una malattia lieve e sembrano essersi completamente riprese.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

 

 

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Dal verme nel cervello alle mosche negli occhi, storie raccapriccianti di parassiti nell’uomo
Ha fatto grande scalpore l'estrazione chirurgica di un verme vivo nel cervello di una donna australiana presso l'ospedale di Canberra. Il caso è stato documentato sulla rivista Emerging Infectious Diseases. Tuttavia, non l'unico caso insolito di parassita ritrovato nel corpo umano
Berlusconi morto per la leucemia mielomonocitica cronica, quali sono i campanelli d’allarme della malattia?
Silvio Berlusconi è deceduto a causa di una forma di leucemia, che può essere difficile da individuare perché i sintomi «rivelatori» possono spesso indicare altre malattie non correlate. Ma alcuni, soprattutto se compaiono in concomitanza, potrebbero metterci in allerta
Non solo Covid, influenza e Rsv. In Usa boom di infezioni da un virus «ignorato»: HMPV
Il trio Covid-influenza-Rsv che abbiamo tanto temuto nella scorsa stagione, negli Stati Uniti, è diventato un minaccioso «quartetto». Sul finire della stagione invernale, infatti, un altro virus respiratorio ha preso piede negli Stati Uniti. Si tratta del metapneumovirus umano, o HMPV. Abbiamo chiesto a Concetta Castilletti responsabile Unità Operativa Virologia e Patogeni Emergenti dell'IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar, qual è la situazione in Italia
L’influenza «maschile» esiste: un cromosoma in meno rende gli uomini più vulnerabili
Non è questione di scarsa resistenza o capacità di sopportazione. L'influenza colpisce più duramente gli uomini che le donne, per davvero. A confermare l'esistenza della cosiddetta «influenza maschile» è un nuovo studio dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), pubblicato sulla rivista Nature Immunology. In generale, le donne tendono ad avere sistemi immunitari più forti e questo potrebbe essere dovuto al fatto che le donne hanno due cromosomi X, mentre gli uomini ne hanno solo uno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...