Covid-19, che fare se...? 18 Aprile 2023 14:24

Si può sviluppare il Long Covid alla seconda infezione?

Anche in caso di reinfezione è possibile sviluppare il Long Covid, la sindrome che insorge anche molte settimane dopo l’infezione acuta. Tuttavia, è più probabile svilupparla alla prima infezione piuttosto che alla seconda, almeno secondo una ricerca britannica

Si può sviluppare il Long Covid alla seconda infezione?

Anche in caso di reinfezione è possibile sviluppare il Long Covid, la sindrome che insorge anche molte settimane dopo l’infezione acuta. Tuttavia, è più probabile svilupparla alla prima infezione piuttosto che alla seconda, almeno secondo una ricerca britannica. «Sembra che il rischio sia significativamente inferiore la seconda volta rispetto alla prima volta», afferma Daniel Ayoubkhani, scienziato dell’Office for National Statistics nel Regno Unito. Tuttavia la ricerca britannica, che ha coinvolto oltre 500.000 persone al 5 marzo, conclude chiaramente che il rischio Long Covid non arriva mai a zero.

Il rischio «zero» non esiste, ma alla seconda infezione è più basso

«Il rischio è significativamente inferiore, … ma è ancora non trascurabile», dice Ayoubkhani. «Non è impossibile sviluppare il Long Covid la seconda volta se non lo si è sviluppato la prima volta. Penso che sia il punto chiave del nostro studio», aggiunge. Nella ricerca sono stati monitorati i sintomi del Long Covid, come affaticamento, dolori muscolari, mancanza di respiro e problemi di concentrazione. La «fatigue» e la difficoltà di concentrazione sono risultate le manifestazioni più comuni. Tra gli adulti, il 4% ha riportato sintomi che persistevano almeno quattro settimane dopo la loro prima infezione. Al contrario, solo il 2,4% di coloro che non avevano sviluppato problemi persistenti dopo la prima infezione ha riportato sintomi  dopo il secondo contagio. «Questa è una significativa riduzione delle probabilità», sottolineano i ricercatori.

Rischio Long Covid più basso per immunità acquisita o naturale resistenza

Lo studio non ha esaminato il motivo per cui il rischio di Long Covid sarebbe inferiore in una seconda infezione rispetto a una prima. Ma Ayoubkhani dice che potrebbero esserci diverse ragioni, come ad esempio l’immunità acquisita da precedenti infezioni o una naturale resistenza alla sindrome post-infezione. I risultati della ricerca britannica sono coerenti con uno studio americano precedente, condotto esaminando i dati di centinaia di migliaia di pazienti trattati attraverso la US Veterans Administration. Lo studio, pubblicato lo scorso novembre, ha rilevato che il rischio di avere ancora problemi di salute un anno dopo aver contratto il Covid è sceso da circa il 10% da una prima infezione a circa il 6% da una seconda infezione.

Omicron legata a un minor rischio di sindrome post-infezione

«Innegabilmente, stiamo vedendo molto, molto chiaramente che per la seconda infezione il rischio è inferiore rispetto alla prima infezione», afferma Ziyad Al-Aly , un epidemiologo della Washington University di St. Louis che ha condotto lo studio. Al-Aly concorda sul fatto che potrebbe essere dovuto in parte all’immunità acquisita dalla prima infezione. Un altro fattore è che i ceppi successivi del virus sembrano causare malattie più lievi, il che potrebbe renderli meno propensi a portare il Long Covid. «Quando le persone sono state reinfettate, generalmente sono state nuovamente infettate da Omicron, che è certamente più mite», dice Al-Aly.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spunta la variante JN.1, nuova “sorvegliata speciale” dell’Oms. Ciccozzi: “Aumentano le reinfezioni”
Una nuova "sorella" di Omicron è stata classificata come “variante di interesse” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, a causa “della sua diffusione in rapido aumento”. Si tratta di JN.1, rilevata in molti paesi in tutto il mondo. Inoltre, uno studio italiano che sarà pubblicato sulla rivista "Pathogen and Global Health" ha analizzato JN.1, concludendo che questa variante "va seguita e monitorata"
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
Long Covid: scoperto meccanismo autoimmune dietro complicanze cardiache
Nella metà dei casi, i pazienti ricoverati per Covid-19 con conseguente danno cardiaco soffrono di complicanze al cuore per diversi mesi dopo le dimissioni. Un gruppo di ricercatori Humanitas ha studiato il meccanismo all’origine del fenomeno: una reazione autoimmune che potrebbe spiegare la varietà delle manifestazioni - anche non cardiache – del Long Covid. I risultati pubblicati su Circulation.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...