Salute 21 Dicembre 2023 09:30

Covid: spunta la variante JN.1, nuova “sorvegliata speciale” dell’Oms. Ciccozzi: “Aumentano le reinfezioni”

Una nuova “sorella” di Omicron è stata classificata come “variante di interesse” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, a causa “della sua diffusione in rapido aumento”. Si tratta di JN.1, rilevata in molti paesi in tutto il mondo. Inoltre, uno studio italiano che sarà pubblicato sulla rivista “Pathogen and Global Health” ha analizzato JN.1, concludendo che questa variante “va seguita e monitorata”

Covid: spunta la variante JN.1, nuova “sorvegliata speciale” dell’Oms. Ciccozzi: “Aumentano le reinfezioni”

Una nuova “sorella” di Omicron è stata classificata come “variante di interesse” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, a causa “della sua diffusione in rapido aumento”. Si tratta di JN.1, rilevata in molti paesi in tutto il mondo, tra cui India, Cina, Regno Unito e Stati Uniti. Secondo l’Oms, il rischio per la popolazione è attualmente basso e gli attuali vaccini continuano a offrire protezione. Ma avverte che le infezioni Covid e altre virali e batteriche potrebbero aumentare quest’inverno. Anche i virus respiratori come l’influenza, il virus respiratorio sinciziale e la polmonite infantile sono infatti in crescita nell’emisfero settentrionale. Inoltre, uno studio italiano che sarà pubblicato sulla rivista “Pathogen and Global Health” ha analizzato JN.1, concludendo che questa variante “va seguita e monitorata”, spiega Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di Statistica medica ed Epidemiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma, tra gli autori.

Ciccozzi: “Con la variante JN.1 aumentano le reinfezioni”

JN.1 non preoccupa più delle altre che abbiamo visto in questi mesi”, dice Ciccozzi. “Quello che notiamo è che oggi con JN.1 aumentano le reinfenzioni. Faccio un esempio: chi ha è stato contagiato a fine estate o inizio autunno – spiega – magari con Pirola, può anche essere ricontagiato di nuovo”. Secondo l’Oms JN.1 si sta diffondendo rapidamente in molti angoli del mondo. Attualmente è la variante in più rapida crescita negli Stati Uniti, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, rappresentando il 15-29% delle infezioni. L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito afferma che JN.1 costituisce attualmente circa il 7% dei test Covid positivi analizzati in un laboratorio.

Preoccupa l’aumento dei contagi in mezzo a un’ondata di altre infezioni virali e batteriche

JN.1 si sta diffondendo rapidamente probabilmente perché presenta una mutazione aggiuntiva nella proteina spike rispetto alla variante BA.2.86 da cui discende. “Si prevede che questa variante possa causare un aumento dei casi di Sars-Cov-2 in mezzo a un’ondata di altre infezioni virali e batteriche, soprattutto nei paesi che entrano nella stagione invernale”, afferma l’Oms. Esistono ancora prove limitate sulla capacità di JN.1 di aggirare l’immunità offerta dai vaccini, ma non ci sono segnalazioni di persone che si ammalano più gravemente con questa variante rispetto alle precedenti. L’Oms afferma che sono necessari ulteriori studi per valutare l’impatto sulla salute poiché il numero di paesi che riportano dati sulle persone ricoverate in ospedale con Covid si è drasticamente ridotto.

Per prevenire infezioni e malattie gravi, l’Oms consiglia:

  • indossare una mascherina in aree affollate e chiuse
  • coprire la bocca e il naso in caso di tosse e starnuti
  • lavare le mani regolarmente
  • rimanere aggiornati sulle vaccinazioni anti-Covid e antinfluenzali, soprattutto se vulnerabili
  • restare a casa se si è malati
  • fare il test se si hanno sintomi.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: Oms, Acrux diventa variante sotto monitoraggio
L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito dal 18 maggio la variante XBB.2.3 di Sars-CoV-2, battezzata Acrux dagli esperti sui social, fra le varianti sotto monitoraggio (Vum), dopo che questo mutante è cresciuto nell’arco di 5 settimane, da 1,8% del totale sequenze rilevate nel mondo a 4,64% (ultimo dato, relativo al 24-30 aprile). E’ quanto […]
Usa: caccia al paziente Covid più “lungo” di sempre. Si temono mutazioni pericolose
Negli Stati Uniti è caccia aperta al paziente Covid più longevo di sempre. Più precisamente al paziente che si pensa sia positivo da più tempo. Quello che i ricercatori oggi sanno è che il paziente potrebbe vivere nell'area di Columbus, la più grande città dello stato di quasi 1 milione di abitanti,  e che è portatore di una versione altamente mutata del virus Sars-CoV-2 che «è diversa da qualsiasi cosa» che gli esperti abbiano visto
Dobbiamo temere la nuova variante identificata in Polonia?
Una nuova variante del virus Sars-CoV-2 è stata rilevata per la prima volta in Polonia. In realtà, è nuova solo perché è stata identificata di recente. Uno studio pubblicato sulla rivista Eurosurveillance, infatti, ha dimostrato che il ceppo individuato potrebbe essere in circolazione da diverso tempo. Sembra infatti che la variante sia imparentata con una già visto oltre due anni fa nell'uomo
Si può sviluppare il Long Covid alla seconda infezione?
Anche in caso di reinfezione è possibile sviluppare il Long Covid, la sindrome che insorge anche molte settimane dopo l'infezione acuta. Tuttavia, è più probabile svilupparla alla prima infezione piuttosto che alla seconda, almeno secondo una ricerca britannica
Arturo, ecco perché la sorella di Omicron colpisce gli occhi e i bambini
La nuova variante XBB 1.16, ribattezzata Arturo, è attualmente responsabile dell'aumento di contagi e infezioni Covid-19 in India. E' caratterizzata da un sintomo raramente presente nei contagi da altre varianti Omicron, la congiuntivite
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.