Salute 18 Dicembre 2023 10:51

Infezioni respiratorie. Ecdc: “Covid è predominante. Influenza e RSV co-circolano di meno ma con tendenza in aumento. Raccomandare mascherine in spazi affollati” 

Le raccomandazioni arrivano in un momento in cui le richieste di assistenza primaria per malattie respiratorie sono gradualmente aumentate da settembre a oggi e diversi agenti patogeni respiratori co-circolano a livelli variabili, contribuendo ad aumentare la morbilità e la mortalità. Tra le indicazioni anche il potenziamento delle campagne vaccinali e il rafforzamento di Pronto soccorso e terapie intensive

Infezioni respiratorie. Ecdc: “Covid è predominante. Influenza e RSV co-circolano di meno ma con tendenza in aumento. Raccomandare mascherine in spazi affollati” 

In un aggiornamento epidemiologico  appena pubblicato, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) esorta gli Stati membri dell’UE/SEE a rafforzare le campagne di vaccinazione e a prepararsi all’eventuale necessità di aumentare la capacità dei reparti di emergenza e delle unità di terapia intensiva, nonché a prendere in considerazione una serie di misure di sanità pubblica per ridurre l’impatto degli agenti patogeni respiratori circolanti quest’inverno: influenzaCovid-19virus respiratorio sinciziale. Secondo l’Ecdc, il virus SARS-CoV-2 è attualmente predominante, mentre il virus respiratorio sinciziale (RSV), l’influenza stagionale e altri virus co-circolano a livelli inferiori, ma con una tendenza in aumento.

La percentuale di infezioni respiratorie acute dovute a SARS-CoV-2 è rimasta elevata (superiore al 10%) dalla settimana 25, con una sensibile tendenza al rialzo dalla settimana 40. Nella settimana 48, l’ultima rilevata, la positività complessiva dei test nell’assistenza primaria è stata del 24% (media del 19%, dati provenienti da 14 paesi). A livello nazionale, durante questo periodo sono state osservate tendenze in aumento e in diminuzione per la positività al test SARS-CoV-2, indicando una certa variabilità fra Paesi. Oltre a SARS-CoV-2, nelle ultime settimane sono aumentate costantemente le infezioni dovute al virus respiratorio sinciziale (RSV). A livello UE/SEE, la positività complessiva dei test nell’assistenza primaria è stata dell’11% (mediana 3%, dati provenienti da 12 paesi) alla settimana 48. Nel complesso, la circolazione del RSV si è intensificata più tardi rispetto all’anno precedente e la positività è ancora inferiore alla metà del massimo raggiunto lo scorso anno. L’attività influenzale stagionale rimane a un livello basso, sebbene le valutazioni qualitative effettuate dai paesi indichino una crescente intensità dell’attività influenzale e una diffusione geografica in un certo numero di paesi. Nel complesso, la positività complessiva del test nell’assistenza primaria è stata del 4% alla settimana 48 (mediana 3%, dati provenienti da 15 paesi), con tre paesi (Estonia, Grecia, Lituania) che hanno superato il 10% di positività al test nell’assistenza primaria sentinella. Tutti e tre i tipi/sottotipi di virus dell’influenza (A(H1)pdm09, A(H3) e B) co-circolano. Non è ancora possibile determinare se questi aumenti iniziali rappresentino l’inizio della stagione influenzale 2023/24 poiché non esiste un chiaro sottotipo virale dominante, né aumenti sostenuti confermati per un numero sufficiente di settimane, segnala l’Ecdc.

Le raccomandazioni – ricorda l’Ecdc – arrivano in un momento in cui le richieste di assistenza primaria per malattie respiratorie sono gradualmente aumentate da settembre a oggi e diversi agenti patogeni respiratori co-circolano a livelli variabili, contribuendo ad aumentare la morbilità e la mortalità. “Nelle ultime settimane abbiamo riscontrato segnali di un aumento della trasmissione comunitaria di virus respiratori, tipico della stagione invernale – ricorda Andrea Ammon, direttore dell’ECDC. “Ci sono diversi passi da compiere che possono salvare vite umane ed evitare il sovraccarico dei sistemi sanitari. Questo include la vaccinazione, l’aumento della capacità ospedaliera, il rafforzamento dell’opera di sensibilizzazione alla popolazione, misure di controllo delle infezioni, test rapidi e uso di antivirali”.

La malattia grave correlata al virus SARS-CoV-2 colpisce in questo momento principalmente le persone di età pari o superiore a 65 anni; l’aumento dell’attività dell’RSV ha comportato un aumento dei ricoveri ospedalieri, in particolare tra i bambini piccoli. Sebbene attualmente bassa, si prevede che l’attività influenzale aumenterà ulteriormente durante i mesi invernali. Anche le epidemie stagionali di vari altri agenti patogeni che causano sintomi respiratori che si verificano ogni pochi anni (come Mycoplasma pneumoniae, su cui Ecdc evidenzia che date le attuali segnalazioni di rilevamenti elevati in diversi paesi dell’UE/SEE, resta importante monitorare l’insorgenza di forme di malattia atipiche e/o gravi o prove di resistenza agli antibiotici. Qualsiasi informazione di questo tipo deve essere segnalata tramite EpiPulse) contribuiscono all’aumento del numero di pazienti che si presentano alle cure primarie e secondarie.

Le raccomandazioni dell’ECDC includono:

  • vaccinare i più vulnerabili contro la SARS-CoV-2 e l’influenza (nonché contro l’RSV nei paesi che stanno introducendo questo vaccino) al fine di prevenire la progressione dell’infezione verso una malattia grave; aumento della capacità dei pronto soccorso e delle unità di terapia intensiva (secondo necessità in termini di personale adeguato e capacità di posti letto) sia per gli ospedali per adulti che per quelli pediatrici;
  • garantire che il personale sanitario sia formato per implementare adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni per contribuire a ridurre il carico nelle strutture sanitarie ed evitare epidemie all’interno di queste strutture, comprese le strutture di assistenza a lungo termine; sensibilizzare gli operatori sanitari per garantire una diagnosi tempestiva dei casi e migliorare la preparazione dell’ospedale per gestire l’aumento del carico di pazienti nelle unità di emergenza e di terapia intensiva (ICU), sia negli ospedali pediatrici che per adulti;
  • esecuzione di test rapidi per facilitare la diagnosi precoce e le decisioni di gestione, il trattamento appropriato e l’implementazione di misure di sanità pubblica quando appropriato; ricordare ai medici che, quando indicato, l’uso precoce di trattamenti antivirali per COVID-19 e influenza può prevenire la progressione verso una malattia grave nei gruppi vulnerabili e che può essere presa in considerazione la profilassi dell’RSV per i neonati (in conformità con le linee guida nazionali).
  • L’uso di antibiotici per le infezioni respiratorie batteriche dovrebbe seguire una valutazione medica poiché gli antibiotici non trattano le infezioni virali;
  • implementare attività di comunicazione del rischio per il pubblico, compreso il rafforzamento della promozione della vaccinazione contro l’influenza stagionale, il COVID-19 e l’RSV secondo le raccomandazioni nazionali. Il messaggio lanciato dovrebbe anche promuovere una buona igiene delle mani e delle vie respiratorie, incoraggiare le persone a rimanere a casa quando sono malate e garantire un’adeguata ventilazione degli spazi interni;
  • raccomandare l’uso di mascherine in spazi pubblici affollati e in presenza di persone ad alto rischio di malattie gravi;
  • considerare l’uso del modello diagnostico 5C per la vaccinazione dell’ECDC (Confidence, Complacency, Constraints, Collective Responsibility e Calculation) per una promozione più efficace dell’adozione della vaccinazione dei vaccini raccomandati.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...