Lavoro 4 Giugno 2020 08:09

Coronavirus e liste d’attesa, al San Paolo di Milano una ‘week surgery Covid free’ per recuperare gli interventi rimandati

Il direttore del reparto Maurizio Verga: «Cerchiamo di recuperare lo stop di tre mesi con un modello di intensità di cure che permette, attraverso la week surgery, di organizzare il lavoro e liberare risorse per interventi più impegnativi»

di Federica Bosco
Coronavirus e liste d’attesa, al San Paolo di Milano una ‘week surgery Covid free’ per recuperare gli interventi rimandati

Liste d’attesa troppo lunghe addio. All’ospedale San Paolo di Milano dal 18 maggio è operativo il reparto “week surgery Covid free“, un progetto in cantiere da tempo ultimato ed entrato a regime con la riorganizzazione resa necessaria dal coronavirus. Il reparto, diretto dal dottor Maurizio Verga, si trova al terzo piano con 16 posti letto che  garantiscono misure di distanziamento sociale e sicurezza dei percorsi.

«È un reparto multidisciplinare a cui possono afferire tutti i pazienti di area chirurgica che devono essere sottoposti ad un intervento che prevede una degenza breve di una, due, massimo tre notti di ospedalizzazione – spiega il dottor Verga –, una scelta questa che è fondamentale. Ovviamente con il periodo Covid si sono interrotti tutti gli interventi chirurgici e quindi si è creata una lunga lista di attesa, e un reparto di questo tipo permette di aumentare molto l’efficienza e la produttività, e di recuperare quindi più velocemente possibile le liste d’attesa dei pazienti».

La nuova proposta organizzativa prevede un iter preciso: dalla visita specialistica, agli esami pre-ricovero, fino al tampone che deve garantire la negatività al virus.

LEGGI ANCHE: «LE LISTE D’ATTESA ERANO UN MALATO CRONICO. DOPO L’EMERGENZA SARANNO UN MALATO TERMINALE». L’INDAGINE DELLA FONDAZIONE THE BRIDGE

«Dopo essere stato chiamato per la pre-ospedalizzazione, al paziente viene fissata la data dell’intervento, e quarantotto ore prime viene convocato per il tampone. In questo modo siamo sicuri che non sia portatore anche asintomatico di Covid-19. Una volta accertata la negatività – illustra Verga -, si procede all’intervento chirurgico che può essere di diverse tipologie: colecisti, piccole laparoceli, chirurgia endocrina, tiroidi, urologia, ma anche specialità come otorino e maxillofacciali per interventi su corde vocali e parotide. Lo sforzo che facciamo è anche quello di aumentare l’attività per riuscire a recuperare i mesi persi. D’altro canto – prosegue il direttore del reparto -, oltre ad avere un’organizzazione strutturale ed operativa tra le varie unità operative, è molto importante che si sviluppino anche protocolli clinici comuni di trattamento post-operatorio: questo fa sì che ci sia un circolo virtuoso verso un’integrazione culturale tra varie specialità. Un modello ospedaliero di intensità di cure dal day surgery alla week surgery, fino ad interventi più complessi che richiedono un’altra assistenza. Anzi, il grosso vantaggio della week surgery è proprio quello di liberare risorse da dedicare ad interventi più impegnativi», conclude.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Pronto Senior Salute, 500 chiamate per il servizio di FederAnziani per le liste d’attesa
Messina: con oltre 8 milioni di prestazioni arretrate l’impresa è ardua
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
Regione Lazio, Terrinoni (Cisl Fnp): «Investire tassa di scopo in salute»
Intervista al Segretario generale di Cisl Fnp Lazio Paolo Terrinoni su vaccini sulle proposte da presentare alla Regione
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati
Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati
di Federica Bosco
Fials alle Regioni: «Piani operativi per recupero liste d’attesa dei pazienti non Covid»
Mentre al vertice Governo Regioni si discute di cenoni natalizi e impianti sciistici, il personale del Servizio Sanitario Nazionale richiama l’attenzione sul disastro dell’assistenza ai pazienti non Covid denunciando una voragine che non sarà riassorbita a meno che non si intervenga senza perdere altro tempo. «Chiediamo alle istituzioni l’immediato intervento di programmazione e riorganizzazione con […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...