Salute 11 Agosto 2022 11:05

Liste d’attesa: Piemonte rivoluzione sistema presa in carico e punta ad abbatterle entro fine anno

Grazie ad un budget supplementare di 50 milioni di euro già recuperati il 45 percento dei ricoveri e il 44 percento delle prestazioni ambulatoriali arretrate. A settembre al via la fase pilota del nuovo sistema per mammografie e visite cardiologiche

Liste d’attesa: Piemonte rivoluzione sistema presa in carico e punta ad abbatterle entro fine anno

Abbattere le liste d’attesa entro la fine di dicembre e riportare la sanità piemontese alla situazione pre-pandemica del 2019. Con questo obiettivo la giunta Cirio di Regione Piemonte sta lavorando da mesi con investimenti e nuove strategie, ma soprattutto con una vera rivoluzione del sistema di presa in carico delle prescrizioni di primo accesso che partirà entro il prossimo mese di settembre.

Mammografia e visita cardiologica: il sistema avvisa il paziente quando c’è posto

La novità riguarda due prestazioni che daranno il via alla fase pilota: la mammografia e la visita cardiologica per le quali, una volta contattato il Cup, qualora non fossero ancora aperte le agende, non sarà più necessario richiamare, ma sarà il sistema stesso ad avvisare il paziente, comunicandogli, non appena disponibile la data, il luogo e l’ora dell’appuntamento tramite sms o via e-mail, come tra l’altro già avviene per i vaccini. Un cambio di passo che sarà possibile grazie anche ad uno stanziamento di 3 milioni di euro investiti per gestire la fase pandemica e che ha poi permesso di ampliare lo spazio di caricamento delle agende per gli appuntamenti delle aziende sanitarie, compresi i privati accreditati, incrementare i call center fino ad arrivare a 4 milioni di chiamate processabili all’anno (attualmente sono gestite 85 mila chiamate a settimana).

In sei mesi realizzati il 98 percento degli screening oncologici nell’anno pre-pandemia

La sfida è partita lo scorso 29 gennaio quando è stato approvato il piano di recupero delle liste d’attesa a cui è stato destinato un budget supplementare di 50 milioni di euro. Entrato in vigore nel mese di marzo, il piano straordinario ha permesso di recuperare a fine giugno il 45 percento dei ricoveri e il 44 percento delle visite e delle prestazioni ambulatoriali arretrate, quando l’obiettivo fissato era del 30 percento.

Un traguardo che porta la firma dell’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi e del Presidente Alberto Cirio che hanno creduto in un progetto ad ampio raggio con  rimodulazione dei piani aziendali, riparto dei fondi alle Asl per l’incremento delle attività, integrazione tra agende pubbliche e private, incremento degli operatori call center del centro unico di prenotazione, ottimizzazione della presa in carico delle prescrizioni, efficientamento delle sale operatorie, monitoraggio settimanale degli obiettivi.

Screening oncologici

Il dato che balza subito agli occhi guardando le statistiche riguarda gli screening oncologici: sono stati 212.500 nei primi sei mesi del 2022, ovvero il 98 percento di quelli eseguiti nel 2019, di cui 86 mila al seno, 77 mila all’utero, 49 mila al colon retto. Anche i ricoveri sono aumentati, in particolare nel periodo marzo- maggio sono stati 14 mila in più, mentre le visite e le prestazioni ambulatoriali sono state 92 mila in più.

Tempi di attesa: si punta a migliorare la media del 2018

Anche per i tempi di attesa – da sempre nota dolente della sanità italiana – i dati dei primi sei mesi del 2022 sono incoraggianti: la media è di 38 giorni, in linea con il 2018, ma per alcune prestazioni è già inferiore di sette giorni e per altre si lavora per raggiungere uno scostamento in media inferiore di 10 giorni.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lazio, via a piano straordinario per recuperare le liste di attesa
La Giunta regionale del Lazio presenta il Piano di recupero delle liste d'attesa per un investimento pari a 48 milioni di euro. Previste strutture aperte la sera e nel weekend
Liste d’attesa, la proposta CIMO-FESMED per recuperare 22 milioni di ore di assistenza l’anno
Il sindacato: «Dedicare le 4 ore a settimana previste per attività non assistenziali a prestazioni mediche aggiuntive per abbattere le liste d’attesa, prevedendo una retribuzione extra-contrattuale»
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi
La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi