Politica 16 Giugno 2022 09:47

Screening, farmaci innovativi, prevenzione: cosa prevede la mozione sulla lotta al cancro

La mozione unitaria è stata approvata quasi all’unanimità dalla Camera. Priorità è l’attuazione del Piano Oncologico Nazionale, in linea con quello europeo. Diagnosi in calo a causa delle visite saltate

di Francesco Torre
Screening, farmaci innovativi, prevenzione: cosa prevede la mozione sulla lotta al cancro

La lotta al cancro deve diventare una priorità dell’agenda politica. È questo, in sintesi, il messaggio che emerge dalla mozione unitaria approvata alla Camera quasi all’unanimità sul tema delle cure della cura e della prevenzione delle malattie oncologiche. Il tema è esploso con la fine della fase più acuta dell’emergenza Covid, quando è emerso che milioni di visite e screening oncologici sono saltati a causa della pressione sugli ospedali dei malati Covid.

Altro tema su cui è incentrata la mozione è quello relativo al miglioramento della vita dei pazienti oncologici sopravvissuti alla malattia. Le persone guarite dal tumore devono spesso affrontare ostacoli e discriminazioni dovuti per lo più ad una sorta di stigma sociale che impedirebbe agli stessi di accedere ad alcuni servizi considerati ad oggi un privilegio per persone sane: discriminazioni che possono ostacolare per l’accensione di un mutuo, per adottare un bambino, per l’avanzamento di carriera, per chiedere un prestito personale, per aprire un’attività, per richiedere una copertura assicurativa, per il reinserimento lavorativo.

Gli impegni della mozione

Sono 40 i punti della mozione con altrettanti impegni per il Governo. Tra gli impegni quello per adottare tutte le iniziative utili per la immediata attivazione delle principali misure contenute nel “Piano oncologico contro il cancro dell’Unione europea” e nel “Piano Samira” sull’impiego delle tecnologie radiologiche e nucleari, declinandoli in un Piano oncologico nazionale (PON) che coinvolga il Ministero della salute e le regioni in un’ottica One Health.

Altro punto è quello di tracciare una road map per perfezionare l’adozione definitiva del Piano Nazionale Oncologico, in linea con il Piano europeo, per completare il percorso istitutivo del Registro nazionale tumori e della rete dei registri regionali, assicurando un corretto conferimento dei dati regionali in unico e funzionante database nazionale. Per investire nella prevenzione, sviluppando forme di comunicazione sui corretti stili di vita dalla scuola fino ai luoghi di lavoro e aumentando le coperture vaccinali, per contrastare i fattori ambientali, incluso l’inquinamento, ritenuti in base alle evidenze disponibili corresponsabili dell’aumento del rischio di ammalarsi di tumore. Per potenziare l’attività di screening, per implementare la prevenzione terziaria per le persone sopravvissute ad un tumore con il miglioramento dei follow-up e dei corretti stili di vita, per garantire la cura a partire dalla presa in carico dei pazienti in modo uniforme su tutto il territorio nazionale.

Nella mozione c’è anche la richiesta di colmare le differenze dei servizi assistenziali per la cura del cancro, tra regioni caratterizzate dall’esistenza di reti oncologiche efficienti e all’avanguardia e regioni caratterizzate da una eccessiva mobilità passiva sull’oncologia, e di promuovere e facilitare la ricerca clinica sui farmaci oncologici innovativi e sulle nuove tecnologie, quali l’immunoterapia, le Car-t e le terapie radiocellulari di ultima generazione.

Si chiede anche, in caso di fondato sospetto, di assicurare l’esenzione temporanea dalla compartecipazione alla spesa sanitaria (ticket) anche nelle fasi di indagine. La mozione punta anche ad adottare iniziative per l’inserimento nei livelli essenziali di assistenza (Lea) dei test di diagnostica molecolare per patologie per le quali esistano farmaci di precisione disponibili, per indirizzare i pazienti verso le terapie più appropriate.

Sull’oncologia di precisione si chiede di istituire i Molecular Tumor Board (MTB) nell’ambito delle Reti Oncologiche Regionali (ROR) e l’istituzione dei Centri di profilazione genomica (Next Generation Sequencing – NGS). Un impegno riguarda anche la lotta al cancro infantile, valutando l’istituzione di un fondo permanente per il sostegno ai piccoli pazienti oncologici, alle loro famiglie e a tutte le associazioni del terzo settore impegnate all’interno degli istituti oncologici pediatrici.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cisl Lazio: «Sì agli incentivi a specialisti e specializzandi per svolgere la propria attività nelle province del Lazio»
«La Cisl Medici Lazio ha letto con estremo interesse la proposta della consigliera Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione – Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio, che in una mozione al Consiglio regionale del Lazio avente ad oggetto “incentivi ai medici specialisti e agli specializzandi per svolgere la propria attività nelle […]
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
Giornate della Ricerca, Bartolazzi: «È unico antidoto a fake news e a cure miracolose, al lavoro per trovare risorse»
Il Presidente della Repubblica ha aperto ufficialmente “I Giorni della Ricerca” al Palazzo del Quirinale ricevendo i più autorevoli rappresentanti del mondo dell’oncologia italiana e una rappresentanza dei sostenitori di AIRC, l’associazione che promuove l’evento dal 1995 quale momento fondamentale per informare e sensibilizzare il nostro Paese sui principali progressi compiuti nella lotta contro il cancro. È […]
Lilt di Monza: Arriva il nuovo mammografo digitale con Tomosintesi
È stato inaugurato il primo mammografo digitale con Tomosintesi della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori nello Spazio Prevenzione LILT di Monza. Al taglio del nastro erano presenti il Presidente di LILT Milano Marco Alloisio, il Sindaco di Monza Dario Allevi, e l’Assessore alla Famiglia, Politiche Sociali Desirée Chiara Merlini. «Siamo orgogliosi di […]
Reti oncologiche: se efficienti si guarisce prima. Ecco i dati di Periplo (Oncologi Italiani)
Sono i dati diffusi da “Periplo”, associazione che riunisce i maggiori oncologi italiani, durante un convegno nazionale tenutosi a Roma nei giorni scorsi che sottolineano l’efficienza delle reti oncologiche: nelle 6 regioni italiane che le hanno realizzate pienamente, infatti, i pazienti colpiti dal cancro guariscono di più. Si tratta di Toscana, Piemonte, Veneto, Lombardia, Trentino […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...