Lavoro 20 Dicembre 2019

Legge 24/2017, Gelli: «In caso di contenzioso, magistrato tutela professionista formato e preparato»

Al convegno promosso dalla Fondazione Italia in Salute, il Presidente Gelli ha precisato: «Linee guida e buone pratiche sono parametri di riferimento ai quali deve essere comparata la condotta del medico. Il professionista deve dimostrare di aver fatto un percorso formativo adeguato alla professione che svolge»

Prevenzione e gestione del rischio clinico, più che repressione dell’eventuale errore medico. L’intento della riforma 24/2017, voluta dall’onorevole Federico Gelli, ha avuto fin da subito un duplice intento: tutelare la sicurezza dei cittadini e creare le condizioni per garantire serenità agli operatori sanitari che svolgono ogni giorno un compito così difficile e delicato.

LEGGI ANCHE: FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE, PER L’ANNIVERSARIO FOCUS SU LINEE GUIDA. GELLI: «FONTE D’ISPIRAZIONE PER MEDICI»

A due anni dall’approvazione, c’è ancora molto da fare, soprattutto in merito all’elaborazione delle linee guida nella pratica clinica. Di questo si è parlato a Roma nel corso del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” promosso dalla Fondazione Italia in Salute. Federico Gelli, nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, esamina lo stato dell’arte della legge che porta il suo nome, nei panni di Presidente della giovane Fondazione.

La Legge 24/2017 porta il suo nome: dopo due anni, quali sono gli effetti della Legge? È riuscita ad arginare la medicina difensiva e ridurre il contenzioso?

«Non è sufficiente una Legge, c’è bisogno di un percorso lungo, innanzitutto culturale. L’obiettivo è far passare il messaggio che nel mondo della sanità del nostro Paese le cose sono cambiate, sia per quanto riguarda una maggiore sicurezza delle cure dei nostri pazienti sia per quanto riguarda una maggiore tranquillità e serenità per gli esercenti le professioni sanitarie nello svolgere la loro missione. La Legge, a due anni dalla sua emanazione, ha prodotto effetti molto positivi nelle regioni che hanno adottato il modello previsto dalla Legge. Alcune regioni, pochissime, non hanno recepito la norma, non hanno fatto una Legge regionale e, soprattutto non hanno istituito i Centri Regionali del rischio clinico. È ovvio che, in questi territori, è più difficile sapere quali saranno gli esiti dell’applicazione della norma. Per il resto, direi che la Legge ha prodotto effetti molto interessanti sui profili giuridici: ben tre sentenze della Corte di Cassazione della sezione penale e le dieci sentenze della Corte di Cassazione civile sulle sentenze di San Martino e sulla responsabilità civilistica della Legge. La piena efficacia della Legge è in azione e stiamo vedendo i primi risultati importanti. Restiamo in attesa dei decreti sulla parte assicurativa».

La Legge sottolinea in modo rilevante anche la formazione e l’aggiornamento professionale per tutelarsi in caso di contenzioso medico legale e per gestire e prevenire il rischio clinico…

«Si certo, la formazione dei professionisti è un altro pezzo del nostro ragionamento. Le linee guida e le buone pratiche cliniche assistenziali sono un fondamentale supporto, ma non sono sufficienti: il professionista deve dimostrare di aver fatto un percorso formativo adeguato alla professione che svolge. Siamo convinti che su questo tema si possa evidenziare l’importanza e soprattutto l’attenzione che un professionista ha alla propria formazione. Di fronte ad un professionista formato e preparato, il magistrato che sarà chiamato a decidere, avrà un comportamento diverso rispetto al professionista negligente che è distratto e non ha fatto quegli aggiornamenti che giustamente, devono fare tutti i professionisti del nostro Paese».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE ECM, SI CAMBIA. UN ANNO PER LA RIFORMA E LA VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA

Articoli correlati
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli