Politica 19 Dicembre 2019 11:46

Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»

A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»

La Fondazione Italia in Salute  compie un anno. Ed è il presidente Federico Gelli, padre della legge sulla responsabilità professionale che porta il suo nome, a trarre un bilancio di questi primi mesi di attività a margine del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” che si è svolto ieri al Senato: «Abbiamo lavorato su tanti settori di ricerca, dall’elaborazione dei Quaderni della Fondazione sui due anni dall’applicazione della Legge 24/2017 passando per gli approfondimenti nell’ambito delle sentenze di San Martino della Corte di Cassazione, con una particolare attenzione sul fronte delle linee guida in sanità e sui profili di ricerca legati all’innovazione tecnologica. In attesa degli ultimi decreti della Legge – ha precisato Gelli – ci siamo soffermati sul mondo assicurativo, con una ricerca sul mercato assicurativo nel nostro Paese».

Un’attività che Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità  e presidente del Comitato Scientifico della Fondazione, definisce «intensa per essere una Fondazione giovane. L’abbiamo concentrata su quella che è l’eredità che l’onorevole Gelli ha lasciato al Paese: il sistema nazionale delle linee guida. Abbiamo accertato la straordinaria necessità di elaborare le linee guida perché di fatto, la pratica clinica, oggi, configura un effetto taxi: salendo sulla vettura, al cliente può capitare di incontrare un conducente gentile e educato o, addirittura, prendere un pugno in faccia dal tassista come è capitato recentemente a Roma. Ecco, questo paradosso, applicato alla sanità, significa che alcuni pazienti hanno un’ottima assistenza e altri invece rischiano la vita e noi questo non ce lo possiamo permettere».

La pratica clinica è «purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali o anche dello stesso ospedale» ha specificato Ricciardi. Per questo, le linee guida hanno un ruolo cosi centrale: «Devono servire a sviluppare, con i professionisti sanitari, tutte quelle che sono le migliori strade per curare i pazienti; a partire dall’evidenza scientifica, unita all’esperienza dei singoli medici. Ogni paziente ha una sua storia personale – ha concluso Ricciardi -. Le linee guida non vanno “passivamente” bene per tutti, ma sono una base da cui non si può prescindere per evitare di fare errori. In un mondo in perenne e continuo mutamento, anche la medicina cambia in modo rapido e i medici non possono affidarsi solo alla propria esperienza personale che è importante, è vero, ma deve affiancarsi all’aggiornamento professionale sulle ultime novità per dare al paziente un’assistenza migliore e completa».

Articoli correlati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
Università e Metaverso: un avatar aiuta a scegliere il corso di laurea
È online il primo servizio di orientamento universitario del Metaverso: un avatar a cura di AteneiOnline assisterà gratuitamente i più giovani nella scelta del percorso di studio.
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa