Politica 19 Dicembre 2019

Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»

A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»

La Fondazione Italia in Salute  compie un anno. Ed è il presidente Federico Gelli, padre della legge sulla responsabilità professionale che porta il suo nome, a trarre un bilancio di questi primi mesi di attività a margine del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” che si è svolto ieri al Senato: «Abbiamo lavorato su tanti settori di ricerca, dall’elaborazione dei Quaderni della Fondazione sui due anni dall’applicazione della Legge 24/2017 passando per gli approfondimenti nell’ambito delle sentenze di San Martino della Corte di Cassazione, con una particolare attenzione sul fronte delle linee guida in sanità e sui profili di ricerca legati all’innovazione tecnologica. In attesa degli ultimi decreti della Legge – ha precisato Gelli – ci siamo soffermati sul mondo assicurativo, con una ricerca sul mercato assicurativo nel nostro Paese».

Un’attività che Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità  e presidente del Comitato Scientifico della Fondazione, definisce «intensa per essere una Fondazione giovane. L’abbiamo concentrata su quella che è l’eredità che l’onorevole Gelli ha lasciato al Paese: il sistema nazionale delle linee guida. Abbiamo accertato la straordinaria necessità di elaborare le linee guida perché di fatto, la pratica clinica, oggi, configura un effetto taxi: salendo sulla vettura, al cliente può capitare di incontrare un conducente gentile e educato o, addirittura, prendere un pugno in faccia dal tassista come è capitato recentemente a Roma. Ecco, questo paradosso, applicato alla sanità, significa che alcuni pazienti hanno un’ottima assistenza e altri invece rischiano la vita e noi questo non ce lo possiamo permettere».

La pratica clinica è «purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali o anche dello stesso ospedale» ha specificato Ricciardi. Per questo, le linee guida hanno un ruolo cosi centrale: «Devono servire a sviluppare, con i professionisti sanitari, tutte quelle che sono le migliori strade per curare i pazienti; a partire dall’evidenza scientifica, unita all’esperienza dei singoli medici. Ogni paziente ha una sua storia personale – ha concluso Ricciardi -. Le linee guida non vanno “passivamente” bene per tutti, ma sono una base da cui non si può prescindere per evitare di fare errori. In un mondo in perenne e continuo mutamento, anche la medicina cambia in modo rapido e i medici non possono affidarsi solo alla propria esperienza personale che è importante, è vero, ma deve affiancarsi all’aggiornamento professionale sulle ultime novità per dare al paziente un’assistenza migliore e completa».

Articoli correlati
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...