Politica 19 Dicembre 2019 11:46

Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»

A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»

La Fondazione Italia in Salute  compie un anno. Ed è il presidente Federico Gelli, padre della legge sulla responsabilità professionale che porta il suo nome, a trarre un bilancio di questi primi mesi di attività a margine del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” che si è svolto ieri al Senato: «Abbiamo lavorato su tanti settori di ricerca, dall’elaborazione dei Quaderni della Fondazione sui due anni dall’applicazione della Legge 24/2017 passando per gli approfondimenti nell’ambito delle sentenze di San Martino della Corte di Cassazione, con una particolare attenzione sul fronte delle linee guida in sanità e sui profili di ricerca legati all’innovazione tecnologica. In attesa degli ultimi decreti della Legge – ha precisato Gelli – ci siamo soffermati sul mondo assicurativo, con una ricerca sul mercato assicurativo nel nostro Paese».

Un’attività che Walter Ricciardi, ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità  e presidente del Comitato Scientifico della Fondazione, definisce «intensa per essere una Fondazione giovane. L’abbiamo concentrata su quella che è l’eredità che l’onorevole Gelli ha lasciato al Paese: il sistema nazionale delle linee guida. Abbiamo accertato la straordinaria necessità di elaborare le linee guida perché di fatto, la pratica clinica, oggi, configura un effetto taxi: salendo sulla vettura, al cliente può capitare di incontrare un conducente gentile e educato o, addirittura, prendere un pugno in faccia dal tassista come è capitato recentemente a Roma. Ecco, questo paradosso, applicato alla sanità, significa che alcuni pazienti hanno un’ottima assistenza e altri invece rischiano la vita e noi questo non ce lo possiamo permettere».

La pratica clinica è «purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali o anche dello stesso ospedale» ha specificato Ricciardi. Per questo, le linee guida hanno un ruolo cosi centrale: «Devono servire a sviluppare, con i professionisti sanitari, tutte quelle che sono le migliori strade per curare i pazienti; a partire dall’evidenza scientifica, unita all’esperienza dei singoli medici. Ogni paziente ha una sua storia personale – ha concluso Ricciardi -. Le linee guida non vanno “passivamente” bene per tutti, ma sono una base da cui non si può prescindere per evitare di fare errori. In un mondo in perenne e continuo mutamento, anche la medicina cambia in modo rapido e i medici non possono affidarsi solo alla propria esperienza personale che è importante, è vero, ma deve affiancarsi all’aggiornamento professionale sulle ultime novità per dare al paziente un’assistenza migliore e completa».

Articoli correlati
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo
Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a tutti i medici dipendenti di una struttura sanitaria»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
Formazione, al vaglio un percorso universitario per transfrontalieri di Italia e Francia
Il coordinatore Ceruti: «Con il progetto Prosanté possibili percorsi con professionisti bilingue per integrare ospedale e territorio»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM