Formazione 3 Dicembre 2019

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Diritto e dovere dell’aggiornamento si scontra con carenza di personale»

A ridosso della scadenza del triennio ECM per la formazione continua dei medici il segretario FNOMCeO, Roberto Monaco sottolinea: «Dobbiamo capire se tutti i crediti sono stati inseriti in quel contenitore nel CoGeAPS dopodiché si comincerà a valutare il da farsi»

Immagine articolo

«La formazione è un elemento fondamentale per il lavoro del professionista sanitario». Lo ha ricordato Roberto Monaco, segretario della FNOMCeO a margine del 14° Forum Risk Management, tenutosi a Firenze. Dichiarazioni che arrivano a ridosso della scadenza del triennio ECM per la formazione continua dei medici e dei professionisti sanitari. Il termine è previsto per fine dicembre e potrebbe sorprendere molti camici bianchi ancora non in regola con i crediti formativi.

«Tante ore che dovrebbero servire al medico per formarsi sono ormai estirpate per essere date all’assistenza» spiega il segretario FNOMCeO. «Mancano tanti specialisti e mancano i medici di medicina generale. Noi dobbiamo fare in modo che questo non avvenga». Del resto, il diritto e dovere di ogni medico a curare il proprio aggiornamento professionale si scontra con la cronica carenza di personale. Situazione causata, tra le cose, proprio dalla mancata tutela di un altro diritto alla formazione, quello che riguarda i neo dottori tagliati fuori dalle scuole di specializzazione a causa del ridotto numero di borse di studio. «Pensare che un ragazzo non possa entrare nelle scuole di specializzazione perché mancano le borse di studio. Ecco, questo a noi crea un grande dolore, perché si parla di cittadini non solo di medici, che hanno diritto a dei sogni. La formazione deve essere garantita fin dall’inizio. Ad ogni laurea deve corrispondere una borsa».

Tuttavia, per quanto riguarda l’aggiornamento professionale e i crediti ECM Monaco punta a una riforma del sistema. «Pensiamo che sia il momento di attuare quella riforma di cui il Ministro parla. La formazione deve essere una valorizzazione del lavoro quotidiano che il medico fa tutti i giorni e tutte le notti sul campo, non soltanto una partecipazione ad un convegno». Ci saranno sanzioni? «Prima di pensare a dare sanzioni dobbiamo capire se tutti i crediti sono stati inseriti in quel contenitore che è il CoGeAPS – spiega infine Monaco – dopodiché si comincerà a valutare il da farsi. Ne parleremo e troveremo le soluzioni più adeguate, sempre dando per scontato che la formazione del medico è a tutela dei cittadini».

LEGGI: ECM, UN MESE ALLA FINE DEL TRIENNIO. BOVENGA (COGEAPS): «ATTENZIONE A CONTENZIOSI, CONCORSI E LETTERE DI RICHIAMO»

Articoli correlati
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare