Formazione 3 Dicembre 2019

Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Diritto e dovere dell’aggiornamento si scontra con carenza di personale»

A ridosso della scadenza del triennio ECM per la formazione continua dei medici il segretario FNOMCeO, Roberto Monaco sottolinea: «Dobbiamo capire se tutti i crediti sono stati inseriti in quel contenitore nel CoGeAPS dopodiché si comincerà a valutare il da farsi»

Immagine articolo

«La formazione è un elemento fondamentale per il lavoro del professionista sanitario». Lo ha ricordato Roberto Monaco, segretario della FNOMCeO a margine del 14° Forum Risk Management, tenutosi a Firenze. Dichiarazioni che arrivano a ridosso della scadenza del triennio ECM per la formazione continua dei medici e dei professionisti sanitari. Il termine è previsto per fine dicembre e potrebbe sorprendere molti camici bianchi ancora non in regola con i crediti formativi.

«Tante ore che dovrebbero servire al medico per formarsi sono ormai estirpate per essere date all’assistenza» spiega il segretario FNOMCeO. «Mancano tanti specialisti e mancano i medici di medicina generale. Noi dobbiamo fare in modo che questo non avvenga». Del resto, il diritto e dovere di ogni medico a curare il proprio aggiornamento professionale si scontra con la cronica carenza di personale. Situazione causata, tra le cose, proprio dalla mancata tutela di un altro diritto alla formazione, quello che riguarda i neo dottori tagliati fuori dalle scuole di specializzazione a causa del ridotto numero di borse di studio. «Pensare che un ragazzo non possa entrare nelle scuole di specializzazione perché mancano le borse di studio. Ecco, questo a noi crea un grande dolore, perché si parla di cittadini non solo di medici, che hanno diritto a dei sogni. La formazione deve essere garantita fin dall’inizio. Ad ogni laurea deve corrispondere una borsa».

Tuttavia, per quanto riguarda l’aggiornamento professionale e i crediti ECM Monaco punta a una riforma del sistema. «Pensiamo che sia il momento di attuare quella riforma di cui il Ministro parla. La formazione deve essere una valorizzazione del lavoro quotidiano che il medico fa tutti i giorni e tutte le notti sul campo, non soltanto una partecipazione ad un convegno». Ci saranno sanzioni? «Prima di pensare a dare sanzioni dobbiamo capire se tutti i crediti sono stati inseriti in quel contenitore che è il CoGeAPS – spiega infine Monaco – dopodiché si comincerà a valutare il da farsi. Ne parleremo e troveremo le soluzioni più adeguate, sempre dando per scontato che la formazione del medico è a tutela dei cittadini».

LEGGI: ECM, UN MESE ALLA FINE DEL TRIENNIO. BOVENGA (COGEAPS): «ATTENZIONE A CONTENZIOSI, CONCORSI E LETTERE DI RICHIAMO»

Articoli correlati
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
“Io medico giuro”: al via la nuova campagna di FNOMCeO in omaggio ai medici impegnati contro il Covid-19
«Ci hanno chiamati angeli, ci hanno chiamati eroi. La parola che meglio e pienamente ci definisce è ‘medici’ – spiega Filippo Anelli - perché il medico giura di tener fede ai valori che informano la professione e non viene mai meno a questo giuramento, nelle emergenze come nella quotidianità, anche a costo della propria vita»
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
Giovani medici in piazza con FNOMCeO. Cosa sta succedendo con i 13mila posti di Medicina e “l’imbuto formativo”
1500 posti in più e il rischio di allargare il bacino dei laureati precari. In piazza Giovani Medici con FNOMCeO e Anaao: «Chiediamo al Ministro contratti in rapporto 1:1 con le lauree, come in altri Paesi europei». Consulcesi: «Si tenga conto anche della meritocrazia. Ogni anno 18mila ricorsi per irregolarità ai test»
13 mila nuovi posti a Medicina. Fnomceo pronta al ricorso: «Ingiusto illudere giovani, cifra troppo alta»
Il presidente Anelli preoccupato per l'imbuto formativo: «Tutto questo deve essere legato a una riforma che porti a uno a uno il rapporto tra le lauree e le specializzazioni. Di questa riforma, però, attualmente non si vede traccia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)