Formazione 5 Dicembre 2019

Aggiornamento professionale, Carli (Careggi): «Formazione e linee guida fondamentali in caso di contenzioso»

La Direttrice della Formazione dell’Ospedale Careggi di Firenze spiega il grande impegno del nosocomio per l’aggiornamento professionale dei lavoratori: «Abbiamo un piano di formazione che ha circa 250 eventi suddivisi in aree tematiche. Nel 2019 sono stati 29mila gli operatori formati»

Aggiornamento professionale, Carli (Careggi): «Formazione e linee guida fondamentali in caso di contenzioso»

L’aggiornamento professionale è ormai un dovere imprescindibile per ogni professionista sanitario, sia per motivi deontologici che per gli obblighi legislativi sulla formazione. Così anche le aziende ospedaliere si stanno attrezzando per garantire ai propri lavoratori di essere sempre aggiornati sulle ultime novità in ambito scientifico ma anche sulle novità in ambito di gestione del rischio e responsabilità professionale. Un esempio è l’Ospedale Careggi di Firenze che, come racconta Simona Carli, Direttore U.O. Formazione del nosocomio fiorentino, ha messo in piedi un sistema che ha portato nel 2019 a formare 29mila operatori tra medici e professioni sanitarie non mediche. Uno sforzo importante che è stato portato da esempio al convegno “Lo stato dell’arte a due anni dall’approvazione della Legge Gelli” che si è svolto a Roma all’Ospedale San Giovanni Battista e che ha avuto il patrocinio del Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica.

Direttrice, lei si occupa della Formazione in un grande struttura ospedaliera che è il Careggi di Firenze. Come vi state organizzando nella grande sfida di formare gli operatori?

«Questa è una sfida perché oggi si parla di qualità e sicurezza ma la formazione è uno strumento di qualità e sicurezza perché operatori formati sono operatori più sicuri ed erogano più cure di qualità e sicurezza. Noi ci stiamo organizzando essendo Careggi una grande struttura con 5mila dipendenti. Abbiamo un piano di formazione che ha circa 250 eventi suddivisi in aree tematiche. Ancora tra le aree tematiche prevalenti sono ancora troppe quelle tecnico-professionalizzanti e non tantissime quanto dovrebbero essere su questi argomenti. Ci stiamo lavorando facendo un piano condiviso con i capi dipartimento quindi non recependo semplicemente i loro desiderata ma cercando di indirizzarli appunto verso questi argomenti utilizzando metodiche innovative perché ormai il corso in aula, la lezione frontale è un po’ datata quindi vogliamo andare incontro anche alle esigenze mutate di lavoro, carenze di personale, quindi corsi in aula e sul campo, formazione sul campo, formazione a distanza aprendoci anche a richieste che ci pervengono da ordini come gli ordini degli avvocati, gli ordini degli ingegneri. Soprattutto gli ordini degli avvocati perché questi temi li coinvolgono. È difficile a volte fare un discrimine tra sanità e legge».

Gli operatori si stanno formando?

«Nel 2019 sono stati 29mila gli operatori formati al Careggi tra tutte le professioni sanitarie».

Un bel numero. Ricordiamo che la formazione è importante ai fini della responsabilità e può essere uno strumento di difesa di fronte a una chiamata in causa…

«Assolutamente. Io credo che gli strumenti più forti siano la formazione e anche le lineee guida perché in una professione che cambia così velocemente non si può rimanere indietro rispetto alle normative. Basta solo una delibera aziendale che va più lenta di un progresso scientifico. Quindi credo che le linee guida e le raccomandazioni siano una difesa enorme del professionista».

Articoli correlati
BLSD e Covid-19: cosa cambia? In un corso FAD le linee guida per tutelare pazienti e operatori
Il corso fa parte della collana dedicata al Covid-19 del provider Sanità in-Formazione. Giulia Driussi (responsabile scientifico): «Si può garantire una rianimazione efficace per le vittime e al contempo sicura per l’operatore che la effettua»
Bonus ECM nel Decreto Scuola, l’Associazione Provider: «Legge farsa e incostituzionale»
Il presidente Simone Colombati: «Attendiamo atto di responsabilità della Commissione ECM: proprio il Covid-19 ha certificato l’importanza della formazione. In 5 mesi del 2020 boom della Fad: oltre 3800 corsi contro i 1500 dello scorso anno».
Odontoiatri, CTS approva indicazioni operative per la fase 2 elaborate dal Tavolo ministeriale
Dal triage alla ‘svestizione’, dai dispositivi di protezione individuale all’aerazione degli ambienti, passando per la disinfezione delle superfici alla tenuta dell’agenda e il consenso informato fino ad arrivare ai tamponi e ai test sierologici. Le linee guida per gli studi odontoiatrici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli