Formazione 5 Dicembre 2019 17:09

Aggiornamento professionale, Carli (Careggi): «Formazione e linee guida fondamentali in caso di contenzioso»

La Direttrice della Formazione dell’Ospedale Careggi di Firenze spiega il grande impegno del nosocomio per l’aggiornamento professionale dei lavoratori: «Abbiamo un piano di formazione che ha circa 250 eventi suddivisi in aree tematiche. Nel 2019 sono stati 29mila gli operatori formati»

Aggiornamento professionale, Carli (Careggi): «Formazione e linee guida fondamentali in caso di contenzioso»

L’aggiornamento professionale è ormai un dovere imprescindibile per ogni professionista sanitario, sia per motivi deontologici che per gli obblighi legislativi sulla formazione. Così anche le aziende ospedaliere si stanno attrezzando per garantire ai propri lavoratori di essere sempre aggiornati sulle ultime novità in ambito scientifico ma anche sulle novità in ambito di gestione del rischio e responsabilità professionale. Un esempio è l’Ospedale Careggi di Firenze che, come racconta Simona Carli, Direttore U.O. Formazione del nosocomio fiorentino, ha messo in piedi un sistema che ha portato nel 2019 a formare 29mila operatori tra medici e professioni sanitarie non mediche. Uno sforzo importante che è stato portato da esempio al convegno “Lo stato dell’arte a due anni dall’approvazione della Legge Gelli” che si è svolto a Roma all’Ospedale San Giovanni Battista e che ha avuto il patrocinio del Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica.

Direttrice, lei si occupa della Formazione in un grande struttura ospedaliera che è il Careggi di Firenze. Come vi state organizzando nella grande sfida di formare gli operatori?

«Questa è una sfida perché oggi si parla di qualità e sicurezza ma la formazione è uno strumento di qualità e sicurezza perché operatori formati sono operatori più sicuri ed erogano più cure di qualità e sicurezza. Noi ci stiamo organizzando essendo Careggi una grande struttura con 5mila dipendenti. Abbiamo un piano di formazione che ha circa 250 eventi suddivisi in aree tematiche. Ancora tra le aree tematiche prevalenti sono ancora troppe quelle tecnico-professionalizzanti e non tantissime quanto dovrebbero essere su questi argomenti. Ci stiamo lavorando facendo un piano condiviso con i capi dipartimento quindi non recependo semplicemente i loro desiderata ma cercando di indirizzarli appunto verso questi argomenti utilizzando metodiche innovative perché ormai il corso in aula, la lezione frontale è un po’ datata quindi vogliamo andare incontro anche alle esigenze mutate di lavoro, carenze di personale, quindi corsi in aula e sul campo, formazione sul campo, formazione a distanza aprendoci anche a richieste che ci pervengono da ordini come gli ordini degli avvocati, gli ordini degli ingegneri. Soprattutto gli ordini degli avvocati perché questi temi li coinvolgono. È difficile a volte fare un discrimine tra sanità e legge».

Gli operatori si stanno formando?

«Nel 2019 sono stati 29mila gli operatori formati al Careggi tra tutte le professioni sanitarie».

Un bel numero. Ricordiamo che la formazione è importante ai fini della responsabilità e può essere uno strumento di difesa di fronte a una chiamata in causa…

«Assolutamente. Io credo che gli strumenti più forti siano la formazione e anche le lineee guida perché in una professione che cambia così velocemente non si può rimanere indietro rispetto alle normative. Basta solo una delibera aziendale che va più lenta di un progresso scientifico. Quindi credo che le linee guida e le raccomandazioni siano una difesa enorme del professionista».

Articoli correlati
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Porpora Trombotica Trombocitopenica, Angelucci (ematologo): «Malattia rara subdola. Prima si arrivava al 15% di mortalità all’esordio»
«Si manifesta con sintomi aspecifici e generici, spesso trascurati dal paziente stesso. La diagnosi precoce e accurata è fondamentale per la guarigione dalla Porpora trombotica trombocitopenica» spiega il Direttore dell’UO Ematologia dell’IRCCS Policlinico S. Martino di Genova a Sanità Informazione
Porpora trombotica trombocitopenica: disparità regionali, diagnosi e monitoraggio a rilento
Le storie e i bisogni dei pazienti raccontati in un convegno. L’Associazione ANPTT e i clinici di riferimento chiedono che il test indispensabile alla diagnosi e al monitoraggio della patologia sia inserito nei LEA: «La richiesta è stata fatta, fiduciosi che avvenga prima della fine della legislatura». La Sen. Paola Binetti ha depositato un disegno di legge per istituire una Giornata Nazionale dedicata
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Endometriosi, la Società Europea aggiorna le Linee Guida. Viganò (SIRU): «In Italia ancora tutto fermo»
«Non possiamo dire lo stesso per le linee guida italiane che ancora attendono di essere implementate, rendendo difficile una standardizzazione dei trattamenti» spiega la co-presidente della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa