Lavoro 28 Novembre 2019

Legge Gelli, la denuncia di Macrì (Medicina Legale): «Giudici spesso non si avvalgono di medici legali specialisti»

Il Direttore U.O.C Medicina Legale U.S.L 8 Arezzo parla del tema degli accertamenti peritali e sottolinea: «L’articolo 15 della Legge Gelli è applicato solo dal 50% dei giudici, proporremo un emendamento quanto prima perché si preveda una clausola di nullità per le perizie monografiche»

Se è vero, come dicono le ultime statistiche, che i contenziosi medico-paziente non accennano a diminuire con i tribunali troppo spesso ingolfati da cause se finiscono in un nulla di fatto, è anche vero che le novità introdotte dalla Legge 24 del 2017 sulla responsabilità garantiscono una maggior tutela del professionista e, permettendo al professionista di lavorare in serenità, anche una miglior tutela dei pazienti.

Tuttavia, non tutte le prescrizioni della Legge Gelli sono puntualmente applicate dai tribunali della penisola, come nel caso dell’articolo 15. La denuncia arriva dal professor Pasquale Giuseppe Macrì, Direttore U.O.C Medicina Legale U.S.L 8 Arezzo e Docente di Medicina Legale all’Università di Siena: la norma che prevede che non può essere più un solo medico a giudicare un fatto che possa aver dato profili di responsabilità professionale viene applicata solo nel 50% dei casi. Deve essere nominato un medico legale specialista in medicina legale e un medico specialista nella branca di cui si controverte. Ma non basta che sia specialista: la legge prescrive che abbia specifica e pratica conoscenza» sottolinea Macrì che poi puntualizza: «Quei magistrati illuminati e che seguono il processo civile con particolare impegno continuano a farlo nella stessa proporzione. Purtroppo nella legge non è stata prevista una penalità».

I professionisti sono più tutelati dalla Legge 24, sta funzionando?
«Bisogna chiarire subito la questione. La Legge 24 del 2017 non è una legge “ad professionem”. Non è stata né voluta, né fatta nè era nello scopo del legislatore quello di tutelare una categoria anche se questa svolge un ruolo socialmente importante, direi esiziale. Però ci sono sicuramente ricadute che tranquillizzano l’operato del medico e di tutti gli esercenti le professioni sanitarie nella misura in cui tale tranquillità si riflette sulla sicurezza delle cure. Perché l’obiettivo principale della legge Bianco – Gelli è proprio quello di arrivare ad avere cure più sicure e quindi meno sinistri, una maggior tutela di tutti i professionisti ma che sia finalizzata alla miglior tutela dei pazienti».

Lei ha una relazione su periti e perizie. È un ambito toccato dalla legge Gelli. Che novità ci sono?
«Questo è un ambito assolutamente innovativo. Purtroppo molte innovazioni fanno fatica ad entrare nella prassi soprattutto quando le prassi sono in mano ad un Ordine dello Stato che è la magistratura. L’articolo 15 della legge Gelli fa una riforma completa del sottosistema sanitario in Ordine agli accertamenti peritali e consulenziali perché stabilisce che non può essere più un solo medico a giudicare un fatto che possa aver dato profili di responsabilità professionale ma deve essere nominato un medico legale specialista in medicina legale e un medico specialista nella branca di cui si controverte. Ma non basta che sia specialista: la legge prescrive che abbia specifica e pratica conoscenza. Per esempio, se il caso è di ginecologia e il caso riguarda un danno da una fivet, cioè da un embryo transfer, una fecondazione medicalmente assistita, non posso chiamare il ginecologo che toglie i tumori dalle ovaie, perché pur essendo uno specialista in ostetricia e ginecologia non avrà quella specifica e pratica conoscenza che è necessaria per portare alla cognizione del giudice gli elementi tecnici per dirimere la controversia».

Viene fatto questo?
«No. O meglio, chi lo faceva prima della legge continua a farlo. Quei magistrati illuminati e che seguono il processo civile con particolare impegno continuano a farlo nella stessa proporzione. Purtroppo nella legge non è stata prevista una penalità: ritenevamo che fosse sufficiente per i giudici l’ordine della norma e che il giudice seguisse la legge ma così purtroppo non è perché ho una statistica che ho fatto a livello personale anche recependo le comunicazioni di numerosissimi colleghi e questo dato ci dice che in tutti i tribunali d’Italia siamo al 50%. Il 50% segue la legge e il 50% no. Questo sarà uno dei motivi per cui proporremo un emendamento quanto prima perché si preveda una clausola di nullità per le perizie monografiche».

LEGGI: LEGGE GELLI, PANELLA (UMBERTO I): «CONTENZIOSI SEMPRE PIÙ AGGRESSIVI VERSO PROFESSIONISTI SANITARI, ORA C’È CAMBIAMENTO»

Articoli correlati
Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»
Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»
Legge 24/2017, Gelli: «In caso di contenzioso, magistrato tutela professionista formato e preparato»
Al convegno promosso dalla Fondazione Italia in Salute, il Presidente Gelli ha precisato: «Linee guida e buone pratiche sono parametri di riferimento ai quali deve essere comparata la condotta del medico. Il professionista deve dimostrare di aver fatto un percorso formativo adeguato alla professione che svolge»
Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»
A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»
Manovra 2020, Lorenzin (PD): «Grande soddisfazione. Lavorare per incremento borse e sblocco turnover»
«Con il Patto per la salute si avrà una nuova stagione di programmazione sanitaria. I due miliardi di quest’anno e quelli del prossimo anno segnano un aumento e un rifinanziamento del fondo. A questo si aggiungono le 1200 borse di specializzazione in più e l’aumento del contratto». Così la deputata PD a margine di un evento della Fondazione Italia in Salute al Senato
Responsabilità sanitaria, Cassazione deposita 10 decisioni. Gelli: «Presa una posizione chiara per risolvere alcuni contrasti»
I temi trattati riguardano aspetti come l’onere probatorio nella responsabilità contrattuale sanitaria, la rivalsa della struttura verso il medico, la lesione del diritto all'autodeterminazione terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...