Lavoro 27 Novembre 2019

Legge Gelli, Panella (Umberto I): «Contenziosi sempre più aggressivi verso professionisti sanitari, ora c’è cambiamento»

Il Direttore generale del Policlinico Umberto I ha partecipato a un evento alla presenza del padre della legge sulla responsabilità professionale Federico Gelli. E racconta come la regione Lazio si è adeguata alla norma per prevenire gli eventi avversi

«La Legge Gelli ha dato un contributo importante nella prevenzione del rischio costringendo le strutture a mettere in piedi dei meccanismi di prevenzione degli eventi avversi». Lo sostiene ai microfoni di Sanità Informazione Vincenzo Panella, Direttore generale del Policlinico Umberto I, uno dei nosocomi più grandi d’Italia. L’occasione è il convegno “Lo stato dell’arte a due anni dall’approvazione della Legge Gelli” promosso dall’ospedale San Giovanni Battista e dalla Simedet, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, che ha visto la partecipazione dello stesso Federico Gelli, padre della legge sulla responsabilità professionale. «Prima di questa legge, i professionisti sanitari hanno subìto in maniera passiva il crescere e l’evolvere di un contenzioso sempre più aggressivo», sottolinea Panella facendo riferimento all’enorme numero di contenziosi medico-pazienti che si sviluppano nel nostro Paese che secondo alcune stime raggiungerebbe la cifra di 300mila cause giacenti nei tribunali.

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, FEDERICO GELLI: «SULLA GESTIONE DEL RISCHIO TRE REGIONI IN RITARDO. POLIZZA PRIMO RISCHIO, ECCO QUANDO FARLA…»

Oggi parliamo della legge 24 del 2017. Lei è il direttore di un grande ospedale della Capitale. A che punto siamo sull’applicazione di questa norma?

«Comincia ad esserci giurisprudenza di Cassazione quindi vuol dire che siamo andati parecchio avanti. La legge ha prodotto un cambiamento sia dal punto di vista del cittadino che ha degli strumenti più chiari e più delineati per sentirsi tutelato sia dal punto di vista dei professionisti sanitari che hanno subìto in maniera passiva fino a prima di questa legge il crescere e l’evolvere di un contenzioso sempre più aggressivo. Soprattutto la legge ha spinto, vorrei dire ha costretto le aziende sanitarie a mettere in piedi sistemi di gestione del rischio, quindi meccanismi di prevenzione degli eventi avversi, del contenzioso che prima non erano così diffusi come oggi».

Nella regione Lazio c’è già un meccanismo di questo tipo?

«Sì, la regione Lazio ha normato questo percorso. C’è il comitato regionale di valutazione sinistri, quindi poi ci sono i comitati aziendali di valutazione sinistri che sono il luogo costituito da esperti medici legali e avvocati che analizzano i contenziosi ma anche tutte le cose che non hanno funzionato ma che non sono andate a finire in contenzioso, quelli che noi chiamiamo gli eventi sentinella, cioè ciò che comunque non sarebbe dovuto succedere e questo migliora la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti».

Articoli correlati
Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»
Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»
Legge 24/2017, Gelli: «In caso di contenzioso, magistrato tutela professionista formato e preparato»
Al convegno promosso dalla Fondazione Italia in Salute, il Presidente Gelli ha precisato: «Linee guida e buone pratiche sono parametri di riferimento ai quali deve essere comparata la condotta del medico. Il professionista deve dimostrare di aver fatto un percorso formativo adeguato alla professione che svolge»
Fondazione Italia in Salute, per l’anniversario focus su linee guida. Gelli: «Fonte d’ispirazione per medici»
A un anno dalla nascita della Fondazione, tante le attività di ricerca portate avanti. Ricciardi (Comitato scientifico): «Il Paese necessita l’elaborazione delle linee guida; di fatto, la pratica clinica oggi è purtroppo molto eterogenea non solo tra regioni ma anche all’interno delle stesse aziende sanitarie locali»
Manovra 2020, Lorenzin (PD): «Grande soddisfazione. Lavorare per incremento borse e sblocco turnover»
«Con il Patto per la salute si avrà una nuova stagione di programmazione sanitaria. I due miliardi di quest’anno e quelli del prossimo anno segnano un aumento e un rifinanziamento del fondo. A questo si aggiungono le 1200 borse di specializzazione in più e l’aumento del contratto». Così la deputata PD a margine di un evento della Fondazione Italia in Salute al Senato
Responsabilità sanitaria, Cassazione deposita 10 decisioni. Gelli: «Presa una posizione chiara per risolvere alcuni contrasti»
I temi trattati riguardano aspetti come l’onere probatorio nella responsabilità contrattuale sanitaria, la rivalsa della struttura verso il medico, la lesione del diritto all'autodeterminazione terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...