Lavoro 27 Novembre 2019

Legge Gelli, Panella (Umberto I): «Contenziosi sempre più aggressivi verso professionisti sanitari, ora c’è cambiamento»

Il Direttore generale del Policlinico Umberto I ha partecipato a un evento alla presenza del padre della legge sulla responsabilità professionale Federico Gelli. E racconta come la regione Lazio si è adeguata alla norma per prevenire gli eventi avversi

«La Legge Gelli ha dato un contributo importante nella prevenzione del rischio costringendo le strutture a mettere in piedi dei meccanismi di prevenzione degli eventi avversi». Lo sostiene ai microfoni di Sanità Informazione Vincenzo Panella, Direttore generale del Policlinico Umberto I, uno dei nosocomi più grandi d’Italia. L’occasione è il convegno “Lo stato dell’arte a due anni dall’approvazione della Legge Gelli” promosso dall’ospedale San Giovanni Battista e dalla Simedet, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, che ha visto la partecipazione dello stesso Federico Gelli, padre della legge sulla responsabilità professionale. «Prima di questa legge, i professionisti sanitari hanno subìto in maniera passiva il crescere e l’evolvere di un contenzioso sempre più aggressivo», sottolinea Panella facendo riferimento all’enorme numero di contenziosi medico-pazienti che si sviluppano nel nostro Paese che secondo alcune stime raggiungerebbe la cifra di 300mila cause giacenti nei tribunali.

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, FEDERICO GELLI: «SULLA GESTIONE DEL RISCHIO TRE REGIONI IN RITARDO. POLIZZA PRIMO RISCHIO, ECCO QUANDO FARLA…»

Oggi parliamo della legge 24 del 2017. Lei è il direttore di un grande ospedale della Capitale. A che punto siamo sull’applicazione di questa norma?

«Comincia ad esserci giurisprudenza di Cassazione quindi vuol dire che siamo andati parecchio avanti. La legge ha prodotto un cambiamento sia dal punto di vista del cittadino che ha degli strumenti più chiari e più delineati per sentirsi tutelato sia dal punto di vista dei professionisti sanitari che hanno subìto in maniera passiva fino a prima di questa legge il crescere e l’evolvere di un contenzioso sempre più aggressivo. Soprattutto la legge ha spinto, vorrei dire ha costretto le aziende sanitarie a mettere in piedi sistemi di gestione del rischio, quindi meccanismi di prevenzione degli eventi avversi, del contenzioso che prima non erano così diffusi come oggi».

Nella regione Lazio c’è già un meccanismo di questo tipo?

«Sì, la regione Lazio ha normato questo percorso. C’è il comitato regionale di valutazione sinistri, quindi poi ci sono i comitati aziendali di valutazione sinistri che sono il luogo costituito da esperti medici legali e avvocati che analizzano i contenziosi ma anche tutte le cose che non hanno funzionato ma che non sono andate a finire in contenzioso, quelli che noi chiamiamo gli eventi sentinella, cioè ciò che comunque non sarebbe dovuto succedere e questo migliora la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti».

Articoli correlati
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 ottobre, sono 40.792.599 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.124.918 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...