Sanità internazionale 19 Ottobre 2021 10:39

Regno Unito, si alzano di nuovo i contagi ma decessi al minimo

Il “libera tutti”, le vaccinazioni dei più giovani ritardate e tutte le scelte che hanno portato in UK l’ennesima ondata di contagi da Covid, sebbene la protezione del vaccino tenga molto bassi i decessi

Regno Unito, si alzano di nuovo i contagi ma decessi al minimo

Non c’è pace per il Regno Unito, mentre l’ennesima ondata di contagi Covid-19 si abbatte sul Paese con 45mila casi in un giorno. Un trend che non spaventa soltanto gli autoctoni, ma tutta l’Europa che guarda agli inglesi per i mesi a venire e le misure necessarie.

Qual è la ragione di un ritorno a numeri che sembravano scongiurati? Alcuni esperti riconducono questo salto alla decisione inglese, finora non condivisa da altri stati, di concedere il “libera tutti”. Nessuna restrizione in atto, niente Green pass e senza mascherine anche al chiuso. Discussa anche prima di essere applicata e ritardata due volte prima dell’applicazione, questa misura ha fatto sì che il virus tornasse a circolare più rapidamente di quanto ci si aspettasse.

Vaccini e giovani

Le vaccinazioni poi, che in UK sono iniziate molto presto rispetto agli altri paesi d’Europa, hanno seguito un iter più movimentato del previsto. Inizialmente la somministrazione di massa con AstraZeneca, il vaccino realizzato con Oxford, ha permesso di vaccinare tanti con una sola dose rimandando di tre mesi la seconda somministrazione. Vista la protezione necessaria per combattere Sars-CoV-2 però, questa decisione non ha pagato quanto avrebbe dovuto e la variante Delta ha trovato terreno per proliferare tra persone “protette a metà”.

Ora però che i cicli sono completi, il Regno Unito vive un importante aumento di ricoveri tra i più giovani (+34% rispetto a gennaio), sebbene i decessi restino bassi. Anche questa tendenza è spiegabile con la decisione inglese di aprire le vaccinazioni per i più giovani (12-19) molto in là rispetto al resto del mondo: solo da un mese è possibile prenotare.

Esperti invitano all’attenzione

Alcuni esperti italiani, tra cui il professor Massimo Andreoni, hanno ribadito che in questo senso l’Italia è stata lungimirante ma anche che è importante conservare questi progressi ottenuti. «Un pensiero di preoccupazione c’è – ha detto ad AdnKronos Salute – è il segnale che se si molla il virus è pronto a ripartire e, se arriva una variante brutta, anche noi siamo a rischio». La richiesta del professore è stata quella di riconsiderare una quarantena di una settimana per chi arriva dall’UK, proprio per evitare qualsiasi possibilità.

L’aspetto positivo resta il numero basso di decessi, nonostante i tanti contagi. Segnale che il vaccino sta realizzando il proprio scopo e proteggendo dagli esiti più infausti di Covid-19. Ora si attende una decisione unanime sulle terze dosi e sul boost all’immunità vaccinale, che in UK a breve compirà un anno nei primissimi vaccinati.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gimbe: «Diminuiscono nuovi casi ma circolazione virale resta elevata. Mantenere mascherine al chiuso»
«Scendono contagi (-8,9%), terapie intensive (-10,5%), ricoveri ordinari (-6,1%) e decessi (-7%). Scoperte quasi 2,7 mln di persone per terza dose, quarta dose al ralenti. Circolazione del virus elevata e ampiamente sottostimata»
Covid, via libera a vaccino Valneva in Uk
Il vaccino sarà somministrato alla popolazione adulta dai 18 ai 50 anni. Le differenze rispetto ai vaccini a mRna
Gimbe: «Mezzo milione di nuovi casi Covid in una settimana. Il contagio corre al sud»
«Aumentano i ricoveri ordinari (+5,9%), frena la discesa delle terapie intensive. La campagna vaccinale è al palo: serve una forte spinta per non compromettere roadmap riaperture»
Covid-19, Iss: Rt stabile a 1,21 incidenza sale a 98 ogni 100mila abitanti
I dati principali emersi dalla cabina di regia: tutte le Regioni sono a rischio moderato. Sotto la lente Friuli-Venezia Giulia, Bolzano, Trentino-Alto Adige, Marche e Calabria
La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi
I governi corrono ai ripari: la Francia torna alle mascherine obbligatorie, la Svizzera spinge l'offensiva vaccinale, la Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro. Ema: «Quadro molto preoccupante, più ricoveri e morti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...