Salute 2 Settembre 2021 10:24

Secondo l’ECDC le terze dosi per gli immunodepressi dovrebbero già essere considerate

L’ECDC si è espressa sulle terze dosi. Dai primi report va fatta una differenza tra persone immunodepresse e non: nel primo caso un terzo richiamo è già da mettere in conto mentre nel secondo non c’è urgenza

Secondo l’ECDC le terze dosi per gli immunodepressi dovrebbero già essere considerate

«Non c’è urgente necessità di una terza dose di richiamo per la popolazione generale che ha completato il ciclo di vaccinazione contro Covid-19». Lo stabilisce un report tecnico diffuso dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC). Al contrario, dosi addizionali dovrebbero già essere considerate per «persone con severa deficienza immunitaria se non raggiungono un livello di protezione adeguata con il primo ciclo di vaccinazione».

Il report mette in luce come tutti i vaccini autorizzati dall’Agenzia europea del Farmaco siano «molto protettivi contro ospedalizzazione, malattia severa e morte». Tuttavia, circa un adulto su tre in Europa non è ancora vaccinato in maniera completa. La priorità, in questo caso, dovrebbe tradursi nella vaccinazione prioritaria di quegli individui che non hanno ancora provveduto. Affiancando a questa necessità il rispetto delle misure di distanziamento, igiene delle mani e uso di mascherine protettive.

Terza dose, c’è una distinzione da fare

L’ECDC ribadisce che è necessario fare una distinzione tra terze dosi per persone con un buon sistema immunitario e soggetti immunodepressi. Recenti studi hanno provato che una dose ulteriore di vaccino anti-Covid può essere d’aiuto a questi ultimi. Specie persone che hanno ricevuto un trapianto, la cui iniziale risposta al vaccino può essere molto bassa. «In questi casi la somministrazione di una terza dose dovrebbe già essere stata considerata», si legge. Allo stesso modo, come misura precauzionale, per «individui anziani fragili, specie residenti in RSA».

Si specifica comunque che ogni Comitato dedicato all’emergenza dovrebbe tener conto della situazione epidemiologica prima di prendere decisioni per il proprio paese, valutando anche le possibilità del sistema sanitario nazionale e la disponibilità di vaccini.

Nel continuare a monitorare la situazione vaccinale, l’ECDC ribadisce di mantenere alta l’attenzione sulle terze dosi. «Gli stati membri nel frattempo devono prepararsi a possibili adattamenti dei loro programmi vaccinali per eventuali sostanziali decrescite nell’efficacia dei vaccini in uno o più gruppi della popolazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...