Salute 30 Settembre 2022 11:38

Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»

Alla vigilia della scadenza dell’obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi

Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»

Alla vigilia della scadenza dell’obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale, curato dalla Cabina di regia del Ministero della Salute e dall’Istituto superiore di sanità, indicano un improvviso aumento dei contagi: nei sette giorni tra il 23 e il 29 settembre i casi di positività sono passati da 215 a 325 su 100mila abitanti. Un balzo in avanti molto maggiore rispetto a quello della settimana precedente, quando i positivi ogni 100mila abitanti erano cresciuti da 188 a 215. Era dalla prima metà di agosto che la quota di positivi non saliva sopra i 300 per 100mila abitanti.

Cresce Rt, da 0,91 a 1 in una settimana

Cresce anche l’indice di trasmissibilità (indice Rt), che indica sostanzialmente quante persone vengono infettate da ciascuna persona positiva al Covid: nel periodo dal 7 settembre al 20 settembre passa da 0,91 a 1. Questo dato riguarda tutte le persone positive che mostrano dei sintomi, non solo quelle che richiedono un ricovero in ospedale. Per quest’ultimi l’indice Rt è leggermente più basso, a 0,95, ma comunque in aumento. Se questo numero sale sopra la soglia di 1, vuol dire che ciascuna persona malata di Covid ne infetta almeno un’altra, e quindi la malattia è in una fase di espansione certificata. Negli anni scorsi, durante le fasi più intense della pandemia, l’indice Rt arrivò anche a superare il 3.

Le Regioni a rischio passano da 2 a 5

Tra le Regioni e Province autonome italiane, quelle considerate a «rischio alto» passano da due a cinque, tutte per la presenza di molteplici «allerte di resilienza». Significa che i dati, in queste Regioni e Pa, hanno superato le soglie di allerta per quel che riguarda i criteri che misurano la «resilienza territoriale»: aumento della percentuale di positività ai tamponi, l’allungamento dei tempi tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi, la quantità di risorse umane dedicate al contenimento della pandemia, e la capacità di rintracciare i contatti stretti delle persone positive. Questi criteri rimangono gli stessi dal Decreto ministeriale del 30 aprile 2020.

Stabili gli accessi in terapia intensiva, in lieve aumento ricoveri ordinari

Le restanti 16 Regioni e Province autonome sono considerate invece a rischio moderato. Di queste, 14 riportano almeno un’allerta di resilienza.
Il maggior numero di casi si riflette solo in parte, per ora, negli ospedali. Nella scorsa settimana, infatti, il tasso di occupazione delle aree mediche a livello nazionale è passato dal 5,3% al 6%. Ciò significa che nella settimana precedente, per ogni 100 posti letto nelle aree mediche, ce n’erano 5,3 che erano occupati da pazienti Covid, mentre ora i letti riservati a persone malate di Covid-19 sono in media 6 su 100. Per quanto riguarda le terapie intensive, che aiutano a registrare l’andamento dei casi più gravi, il tasso di occupazione dei posti letto è dell’1,4% e resta quindi stabile rispetto alla settimana del 12-18 settembre.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
West Nile: nuovo caso in Sardegna, emergenza in crescita
Continua a cresce l'emergenza West Nile in Italia. Ieri è stato registrato l'ottavo caso in Sardegna. La donna non è in condizioni gravi
Una persona su 8 è ipertesa e non lo sa, nel 15% picchi di pressione di notte
Uno studio dell'Università di Oxford ha rilevato che in alcune persone la pressione sanguigna aumenta pericolosamente di notte ed è per questo che non si arriva correttamente a una diagnosi di ipertensione
Infezioni sessualmente trasmesse in calo: “solo” merito della pandemia? Attenzione all’estate
Nel 2020 si è registrato un calo delle diagnosi delle infezioni sessualmente trasmesse, in buona parte dovuto al minor numero di test. Ma la scarsa consapevolezza preoccupa: in Italia sono diminuiti i vaccini contro il papilloma. Squillace (infettivologo): «Indagare sul fenomeno del chemsex, ovvero l’uso di sostanze tossiche per incrementare la durata delle prestazioni sessuali fino a 24 ore consecutive: disinibiscono e alterano la percezione del rischio»
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa