Salute 12 Aprile 2023 11:41

Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»

In vista della scadenza dell’obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e nelle strutture sanitarie italiane, fissata per il 30 aprile, la scienza ragiona su vantaggi e benefici. Dal Regno Unito arriva una nuova ricerca: «Nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali

Obbligo mascherina in ospedale via tra due settimane? Scienziati divisi, nuovo studio inglese: «Benefici modesti»

In vista della scadenza dell’obbligo di indossare la mascherina negli ospedali e in tutte le strutture sanitarie in Italia, dal Regno Unito arriva una nuova ricerca che prova a rispondere ai timori di molti legati alla fine di una delle ultime misure anti-Covid rimaste. Lo studio del St George’s Hospital di Londra ha concluso che le mascherine non hanno fatto «nessuna differenza significativa» sui tassi di trasmissione di Covid-19 negli ospedali. Quando infatti nel Regno Unito è stato rimosso l’obbligo nelle strutture sanitarie durante l’ondata di Omicron, le infezioni non sono aumentate. La ricerca sarà presentata alla fine di questo mese al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive a Copenaghen, in Danimarca

«Benefici modesti» dall’obbligo di indossare le mascherine negli ospedali

Tuttavia, i ricercatori precisano che le loro conclusioni non significano che le mascherine siano «prive di valore», ma che servirebbero sull’argomento politiche «razionali e proporzionate» negli ospedali durante le future riacutizzazioni di Covid perché i benefici sono «nella migliore delle ipotesi, modesti». Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori del St George’s Hospital hanno analizzato i dati raccolti regolarmente sul controllo delle infezioni per un periodo di 40 settimane, tra il 4 dicembre 2021 e il 10 settembre 2022. Lo studio è stato quindi condotto sui dati raccolti tra la prima settimana in cui Omicron è diventata la variante Covid dominante e la settimana in cui i test di screening «universali» sono stati eliminati per i pazienti ammessi in ospedale.

I contagi non sono aumentati con la rimozione dell’obbligo mascherina in ospedale

Durante la prima fase dello studio, dal 4 dicembre 2021 al 1 giugno 2022, tutto il personale sanitario e i visitatori dovevano indossare mascherine sia nelle aree cliniche che in quelle non cliniche. Nella seconda fase, l’obbligo è stato rimosso e le decisioni sulla politica delle mascherine sono state affidate ai singoli ospedali. I reparti ad alto rischio, compresi quelli che curano i malati di cancro e le unità di terapia intensiva, hanno mantenuto l’obbligo della mascherina. Ebbene, dall’analisi dei contagi i ricercatori hanno scoperto che la rimozione dell’obbligo di indossare la mascherina in ospedale nella fase due non ha prodotto un «cambiamento statisticamente significativo» nel tasso di infezione da Covid acquisita in ospedale e non è stato neanche osservato «un effetto ritardato». Nonostante tutto questo sia avvenuto in un momento in cui la trasmissione del virus ha avuto un picco all’interno della comunità. Nei reparti ad alto rischio, che hanno continuato a indossare le mascherine, «non hanno riscontrato cambiamenti immediati o ritardati nel tasso di infezione».

Nessuna evidenza che l’obbligo per il personale sanitario sia rilevante

Sull’efficacia delle mascherine sono stati diffusi messaggi contrastanti sin dall’inizio della pandemia. Gli studi non sono riusciti a dimostrare in modo definitivo che prevenissero il Covid. A febbraio, una delle meta-analisi più complete mai condotte sull’argomento, da parte del Cochrane Institute, ha rivelato che le mascherine facevano «poca o nessuna differenza» per l’infezione da Covid o i tassi di mortalità. L’ultimo studio britannico sembra darle ragione. Tuttavia, la ricerca presenta una serie di limiti, tra cui l’impossibilità di determinare i tassi di infezione del personale sanitario e di valutare l’aderenza all’obbligo di indossare la mascherina. «Il nostro studio non ha trovato prove che l’obbligo della mascherina al personale sanitario influisca sul tasso di infezione da Sars-CoV-2 ospedaliero con la variante Omicron», dice Ben Patterson, autore principale dello studio. «Questo non significa che le mascherine non abbiano valore contro Omicron, ma che il loro vantaggio nel mondo reale se isolate sembra essere, nella migliore delle ipotesi, modesto in un contesto sanitario».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Verso la fine dell’obbligo mascherina negli ospedali. Gemmato: «Oggi importante solo in alcuni reparti»
Ci stiamo avvicinando verso la scadenza dell'obbligo di indossare le mascherine nelle strutture sanitarie. Si iniziano a vagliare diverse ipotesi. Sanità Informazione ha intervistato il Sottosegretario alla Salute Marcello Gemmato. Cosa succederà?
Da novembre i medici No Vax tornano a lavoro, ma in ospedale resta obbligo mascherina
Il primo decreto del Governo Meloni ha concesso il reintegro dei medici No Vax, sospesi dal lavoro senza stipendio. Altre le novità, tra cui l'obbligo di mascherina nelle strutture sanitarie e l'abolizione del bollettino giornaliero
A Bologna il primo ospedale parco per la riabilitazione intensiva neurologica e ortopedica
La nuova Villa Bellombra realizzata con una sinergia pubblico-privato permette ai pazienti di usufruire di attrezzatura concepite con le più moderne tecnologie robotiche. Orta (AD Consorzio ospedaliero Colibrì) «I cittadini avranno una struttura paragonabile a quelle di Boston o Tokyo, senza dover pagare nulla»
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Rientro a scuola, c’è ancora l’obbligo della mascherina?
Nelle nuove linee guida per il rientro a scuola le misure sono meno stringenti: nessun obbligo mascherina per tutti. Ma le cose potranno cambiare qualora l'emergenza si aggravi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...