Salute 15 Ottobre 2020 15:20

Vaccino Covid-19, a chi saranno somministrate le prime dosi? Le indicazioni della Commissione europea

«Gli Stati lavorino per l’arrivo del vaccino: preparare i servizi vaccinali, i trasporti e i luoghi di conservazione. È questo il momento di agire»

Vaccino Covid-19, a chi saranno somministrate le prime dosi? Le indicazioni della Commissione europea

L’emergenza Covid torna a far paura in Europa. La parola lockdown ricomincia a risuonare e rimbalzare tra un Paese e l’altro, e la corsa al vaccino sembra l’unica in grado di porre fine alla crisi. Perché «tutte le altre misure impiegate, dall’utilizzo delle mascherine al rispetto del distanziamento, sono essenziali per rallentare la diffusione del coronavirus, ma non riescono a controllarlo in modo sostenibile».

Ad evidenziarlo è la Commissione europea in una comunicazione al Parlamento e al Consiglio, in cui si incoraggiano gli Stati membri a «trovare strategie coordinate per la distribuzione dei vaccini contro il Covid-19».

Quando arriverà, il vaccino, non sarà infatti immediatamente disponibile per tutti gli oltre 500 milioni di cittadini europei. E per quanto la Commissione stia lavorando ad un piano per distribuire i vaccini in tutti gli Stati membri, assicurando che «ciascuno avrà accesso contemporaneamente alle dosi disponibili sulla base della popolazione», è necessario stabilire delle priorità. E saranno gli Stati membri a doverle definire, seguendo due criteri: «Proteggere i più vulnerabili e rallentare, fino a fermare, la diffusione della malattia».

VACCINO COVID-19, I GRUPPI CHE AVRANNO LA PRIORITÀ

La Commissione, però, dà in questo documento alcuni suggerimenti: tra i gruppi da vaccinare prima, ci sono i lavoratori del settore sanitario e delle strutture residenziali, che svolgono un ruolo fondamentale nella lotta al virus e sono particolarmente esposti al rischio di infezione; gli ultrasessantenni, specialmente se vivono in RSA; i malati cronici e i pazienti con più malattie (obesi, ipertesi, asmatici, pazienti cardiovascolari, donne in gravidanza); i lavoratori dei servizi essenziali (insegnanti, impiegati del settore agro alimentare o dei trasporti, le forze dell’ordine); le persone che vivono o lavorano in luoghi in cui non è possibile mantenere il distanziamento fisico (carceri o campi profughi, fabbriche, mattatoi); i gruppi più vulnerabili da un punto di vista socio-economico.

Ma informazioni più dettagliate arriveranno quando saranno note le specificità del vaccino che sarà autorizzato. Se infatti sarà efficace contro il peggioramento della malattia, dovrà essere somministrato in via prioritaria ai gruppi più vulnerabili; ma se sarà invece in grado di interrompere la trasmissibilità del virus, dovrà essere dato prima ai gruppi che più probabilmente diffondono la malattia.

Altri elementi che gli Stati dovranno tenere in considerazione sono la situazione epidemiologica specifica del Paese al momento della distribuzione del vaccino, la demografia, l’organizzazione e la capacità sanitaria messe in campo, eccetera. E se all’inizio l’obiettivo della vaccinazione dovrà essere la riduzione del tasso di mortalità e dell’impatto della pandemia sui servizi essenziali, in un secondo momento dovrà servire a ridurre le restrizioni e l’impatto economico e sociale.

«PREPARARE ADESSO I SERVIZI VACCINALI»

Ad ogni modo, è questo il momento in cui gli Stati membri devono iniziare a prepararsi per distribuire i vaccini alla popolazione: «I servizi vaccinali – spiega la Commissione – dovranno avere risorse sufficienti, sia in termini di personale che di strumenti necessari, prestando particolare attenzione al rischio di colli di bottiglia nell’industria manifatturiera. Nel caso fosse necessario, gli Stati dovrebbero iniziare sin da ora a pensare a nuove assunzioni e a programmi di formazione, da indirizzare anche a studenti o personale in pensione».

«Quindi – aggiunge la Commissione – i servizi vaccinali dovranno essere facilmente accessibili, sia da un punto di vista economico», e in questo caso si consiglia la somministrazione gratuita del vaccino, «che logistico, sfruttando per quanto possibile le strutture centralizzate e i più importanti luoghi di contatto con la popolazione. L’elenco di queste strutture – specifica il documento – deve essere redatto adesso e approntato entro la fine dell’anno».

ATTENZIONE AL TRASPORTO E ALLA CONSERVAZIONE DEI VACCINI

Inoltre, è necessario prestare attenzione – suggerisce la Commissione – al trasporto e ai luoghi di conservazione dei vaccini, ricordando che serviranno spazi refrigerati anche a -70°C. Gli Stati dovranno quindi strutturare dei registri adatti a raccogliere tutti i dati e a monitorare l’efficacia delle strategie vaccinali. Probabilmente saranno necessarie due dosi di vaccino ciascuno, quindi bisognerà anche mettere in piedi un sistema di recall che funzioni in modo efficiente.

LA FIDUCIA DELLA POPOLAZIONE

Importante anche che la popolazione si fidi della sicurezza, la qualità e l’efficacia del vaccino che sarà autorizzato, per evitare coperture vaccinali troppo basse che potrebbero far scoppiare nuovi focolai, proprio come è successo negli scorsi anni con il morbillo. Fondamentali, in questo, la collaborazione con medici e professionisti sanitari ed il ruolo della comunicazione e dei mezzi di informazione: gli Stati membri dovranno fornire ai cittadini informazioni «oggettive, accurate, fattuali e targetizzate sull’importanza dei vaccini contro il Covid-19. Bisogna spiegare che i vaccini sono probabilmente l’unica via di uscita che abbiamo da questa pandemia e che, considerato le procedure di autorizzazione presenti nell’Unione, non c’è da preoccuparsi in merito alla sicurezza e all’efficacia del vaccino».

GLI ACCORDI FIRMATI CON LE FARMACEUTICHE

Sono tre gli accordi firmati dalla Commissione con le aziende farmaceutiche che stanno lavorando allo sviluppo del vaccino: AstraZeneca (per 300 milioni di dosi), Sanofi-GSK (per 300 milioni di dosi) e Johnson&Johnson (per 200 milioni di dosi). Inoltre, sono in corso negoziati anche con CureVac, Moderna e BioNTech/Pfizer. Questo per «massimizzare le possibilità di sviluppare, produrre e distribuire un vaccino» che sia sicuro, di qualità ed efficace «a tutti gli europei».

KYRIAKIDES: «PREPARARCI AI PROSSIMI PASSAGGI»

«Se vogliamo che le vaccinazioni siano un successo, dobbiamo prepararci adesso», ha commentato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. Stella Kyriakides, Commissario per la salute e la sicurezza alimentare, ha aggiunto: «Assisto con preoccupazione all’aumento dei tassi di infezione in tutta Europa. Il tempo sta per finire. La priorità di tutti deve essere fare ciò che è necessario per evitare le conseguenze devastanti di lockdown generalizzati. E dobbiamo prepararci tutti ai prossimi passaggi. Non saranno i vaccini a salvare delle vite, ma le vaccinazioni. E quando si troverà un vaccino sicuro ed efficace, dovremo essere pronti».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Emoglobinuria parossistica notturna: la Commissione Europea approva iptacopan come prima monoterapia orale
L'approvazione è arrivata in seguito al parere positivo del CHMP, ottenuto a marzo, sulla base dei dati dello studio di Fase III APPLY-PNH
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...