Salute 7 Settembre 2020

Coperture vaccinali 2019: anti-polio sopra il 95%, anti-morbillo al 94%. Aumento maggiore per l’anti-varicella (+16%)

I dati del Ministero della Salute sulle coperture vaccinali in Italia confermano un trend in aumento. Contro la polio ben 14 regioni oltre il 95%

Immagine articolo

Notevole aumento nel 2019 della somministrazione del vaccino contro la varicella, il rotavirus e il meningococco B. Sono arrivati i dati delle coperture vaccinali in Italia, raccolti dal Ministero della Salute e forniti annualmente da Regioni e Province autonome. Aggiornamenti che forniscono importanti elementi sia sull’efficienza della vaccinazione territoriale che sulla sua implementazione. Le coorti di nascita coperte quest’anno sono 2017, 2016 e 2015 per i cicli di base e i recuperi, 2012 e 2011 per i richiami in età pre-scolare e 2001 e 2003 per i richiami in adolescenza.

COPERTURA A 24 E 36 MESI

Al 31 dicembre 2019 la copertura nazionale a 24 mesi e quindi ai nati 2017 per la polio ha raggiunto il 95,01%. Si è perso uno 0,08% rispetto al 2018, ma ben 14 regioni hanno superato il 95% e tre si avvicinano a quel risultato. Sale invece la copertura per il morbillo, che con un 1,27% in più raggiunge il 94,49%. Gli aumenti maggiori si registrano per varicella, che arriva al 90,50% con un +16,27%, rotavirus (+6,71% arrivando al 26,15%) e meningococco B, che con un +22,92 % supera il 68%.

Anche nella copertura a 36 mesi si conferma il trend positivo. Si tratta di bambini nati nel 2016 ed è una coorte utile per individuare i bambini “ritardatari”, che recuperano le vaccinazioni più tardi rispetto a quanto consigliato nel calendario vaccinale. Nel 2019 il 96,17% di bambini aveva la copertura anti-polio a 36 mesi, con un aumento dell’1,08% che si allarga ulteriormente con il morbillo (+1,98%). A 48 mesi poi, l’anti-polio arriva al 96,05% e l’antimorbillo a 95,16%, entrambi in aumento rispetto al 2018. Nel caso del morbillo con un guadagno del 3,32%.

COPERTURA IN ETÀ PRESCOLARE E ADOLESCENZIALE

Una diminuzione si registra invece in età pre-scolare, in cui le vaccinazioni sono scese del 2,09% per la quarta dose di anti-polio e dell’1,62% per la dose finale di anti-morbillo, portando all’88,62% la prima e all’87,58% la seconda. Si torna invece ad aumentare di un punto circa con entrambe le coperture entro gli 8 anni.

Le rilevazioni sugli adolescenti sono state fatte su due coorti separate: i ragazzi del 2003 (ora 16 anni) e quelli del 2001 (oggi 18 anni). Anche qui si riferisce un aumento, per quanto moderato rispetto agli altri anni. Un +o,44% per l’anti-difterica nei sedicenni e un 3,90% per l’anti-morbillo. Nei diciottenni un +3,33% per la prima e un +1,38% per il secondo.

COPERTURA VACCINALE: LE REGIONI

Differenti i risultati delle 21 regioni di Italia, sebbene sempre meno profonda la forbice che le distanzia. La copertura a 24 mesi per la poliomielite ha raggiunto i risultati migliori: solo nella Provincia autonoma di Bolzano si registra un 81,18%, all’Abruzzo il primo posto con 97,47% e 14 regioni oltre il 95%. Anche contro il morbillo è Bolzano che ha la percentuale più bassa (75,53%) mentre in Toscana si registra il 96,11% e in nessuna regione una copertura sotto il 91%.

Resta ancora l’obbiettivo di aumentare ulteriormente la copertura vaccinale contro la varicella, offerta gratuitamente e obbligatoriamente a partire dai nati nel 2017. Si punta a superare il 95% per la prima e la seconda dose, ma l’obbiettivo non è ancora stato raggiunto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo, Iss: «In Italia 101 casi da inizio anno, nessuno tra aprile e agosto»
Tutti concentrati nei primi due mesi dell'anno i casi di morbillo nel nostro paese. Da aprile segna zero. Il 93% non era vaccinato
Così in Africa la lotta contro il Coronavirus sta rinforzando il morbillo
Concentrarsi sul Covid interrompe le profilassi contro le altre malattie endemiche, come il morbillo. Ce ne parla Tiziano Pozzi, medico e missionario in Repubblica Centrafricana
di Tommaso Caldarelli
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
Morbillo, OMS: «Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania non sono più ‘free’». Rischiano anche gli USA
Nel primo semestre 2019, nella regione europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, registrati più casi di tutto il 2018: 90mila contagi e 37 decessi. E scendono in campo anche i social media
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...