Mondo 29 Agosto 2019

Morbillo, OMS: «Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania non sono più ‘free’». Rischiano anche gli USA

Nel primo semestre 2019, nella regione europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, registrati più casi di tutto il 2018: 90mila contagi e 37 decessi. E scendono in campo anche i social media

Immagine articolo

Non è una novità, ma il morbillo torna a far paura. Anche in Europa. Questa volta è l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a lanciare l’allarme. Il numero di casi registrati nella prima metà del 2019 ha superato quello di tutto l’anno scorso: sono quasi 90mila, infatti, con 37 decessi segnalati in 48 dei 53 Paesi della regione europea dell’OMS. In tutto il 2018, ne erano stati segnalati 84.462; nel solo primo semestre, circa 44mila. E a voler guardare ancora più indietro nel tempo, nel 2016 ci sono stati solo 5.273 casi.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

L’Ucraina sembra essere particolarmente colpita, con oltre 54mila contagi e 18 decessi nei primi 6 mesi del 2019. Quanto all’Italia, fa parte dei 12 Paesi europei, insieme anche a Francia e Germania, dove il morbillo è endemico: nei primi 6 mesi del 2019 si sono registrati 1.332 casi. Nel 2018, in totale, i casi sono stati 2.686, con un picco fra i 25 e 39 anni. Ma ci sono altri segnali di peggioramento della situazione: all’inizio di agosto il Regno Unito ha perso il suo status di Paese “libero dal morbillo“: sono stati segnalati 489 casi, 69 dei quali importati dall’estero. Il nuovo rapporto aggiunge che anche altri tre Paesi – Albania, Repubblica Ceca e Grecia – hanno perso questo importante status.

«I grandi sforzi fatti per controllare questa malattia altamente contagiosa ci hanno portato a fare molta strada verso l’eliminazione regionale – commenta Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’OMS per l’Europa -. Tuttavia, i focolai di morbillo in corso dimostrano che è necessario fare di più. Attraverso l’attivazione della risposta di emergenza, l’OMS ha aumentato la sua attenzione sull’eliminazione del morbillo e ha potenziato la sua azione. Questo è il momento di affrontare qualsiasi sistema, determinante sociale o altra sfida che possano aver permesso a questo virus mortale di persistere in questa regione».

LEGGI ANCHE: MORBILLO, QUEST’ANNO 864 CASI IN ITALIA: UN TERZO HA SVILUPPATO COMPLICANZE. ECDC: «AUMENTO IN TUTTA EUROPA»

Negli Stati Uniti, intanto, la situazione non è molto diversa: il direttore del dipartimento malattie infettive dei Centri per il Controllo e la prevenzione delle malattie, Nancy Messonnier, ha infatti dichiarato che ad ottobre anche gli USA potrebbero perdere lo status di Paese ‘free’ dal morbillo. La possibilità che questo accada è «ragionevole», e rappresenterebbe una grave sconfitta in termini di salute pubblica, soprattutto perché «abbiamo un vaccino perfettamente funzionante», ha precisato la dottoressa Messonnier.

Gli Stati Uniti avevano dichiarato l’eliminazione del morbillo nel 2000, ma la malattia continua a diffondersi: solo nell’ultima settimana sono stati riportati altri nuovi 12 casi di morbillo. Il primo focolaio è iniziato a fine settembre dello scorso anno e nel corso del 2019 ci sono state state 1.215 infezioni. Secondo gli esperti, con l’avvio dell’anno scolastico, i casi non potranno altro che crescere. Anche a fronte dell’aumento del numero di bimbi non vaccinati.

E per combattere l’emergenza scendono in campo anche i social media: Pinterest ha annunciato maggior impegno contro la disinformazione sulla sua piattaforma e le ricerche che gli utenti faranno su 200 termini relativi ai vaccini saranno automaticamente dirottate sui siti delle principali organizzazioni di sanità pubblica, tra cui l’OMS, i Centers for Disease Control, l’American Academy of Pediatrics e Vaccine Safety Net.

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Un vaccino contro Covid-19, a che punto sono i tentativi nel mondo?
Tutti i ricercatori del mondo sono all'opera per trovare un vaccino contro Covid-19. A che punto si trovano i 140 candidati? I dati dell'Oms sulle fasi raggiunte fino ad oggi dai singoli prodotti
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
L’appello dell’Oms: «Approccio giusto è quello globale, come Italia e Spagna. Nuovo virus in Cina sotto controllo»
Dal direttore generale un invito a imitare il comportamento del nostro Paese per capovolgere situazioni complesse come quella di marzo. Il virus dei maiali in Cina è una vecchia conoscenza del 2011
Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus
Il primo vaccino cinese viene somministrato ai militari, su cui la sperimentazione durerà un anno. Ma non è sicuro che il prodotto sarà poi commercializzato. Intanto, un virus simile alla suina è stato trovato nei maiali da allevamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...