Mondo 29 Agosto 2019

Morbillo, OMS: «Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania non sono più ‘free’». Rischiano anche gli USA

Nel primo semestre 2019, nella regione europea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, registrati più casi di tutto il 2018: 90mila contagi e 37 decessi. E scendono in campo anche i social media

Immagine articolo

Non è una novità, ma il morbillo torna a far paura. Anche in Europa. Questa volta è l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a lanciare l’allarme. Il numero di casi registrati nella prima metà del 2019 ha superato quello di tutto l’anno scorso: sono quasi 90mila, infatti, con 37 decessi segnalati in 48 dei 53 Paesi della regione europea dell’OMS. In tutto il 2018, ne erano stati segnalati 84.462; nel solo primo semestre, circa 44mila. E a voler guardare ancora più indietro nel tempo, nel 2016 ci sono stati solo 5.273 casi.

LEGGI ANCHE: VACCINI, AUMENTANO COPERTURE. ALLARME SU MORBILLO: «NON SI RAGGIUNGE IL 95%». ECCO TUTTI I DATI 2018

L’Ucraina sembra essere particolarmente colpita, con oltre 54mila contagi e 18 decessi nei primi 6 mesi del 2019. Quanto all’Italia, fa parte dei 12 Paesi europei, insieme anche a Francia e Germania, dove il morbillo è endemico: nei primi 6 mesi del 2019 si sono registrati 1.332 casi. Nel 2018, in totale, i casi sono stati 2.686, con un picco fra i 25 e 39 anni. Ma ci sono altri segnali di peggioramento della situazione: all’inizio di agosto il Regno Unito ha perso il suo status di Paese “libero dal morbillo“: sono stati segnalati 489 casi, 69 dei quali importati dall’estero. Il nuovo rapporto aggiunge che anche altri tre Paesi – Albania, Repubblica Ceca e Grecia – hanno perso questo importante status.

«I grandi sforzi fatti per controllare questa malattia altamente contagiosa ci hanno portato a fare molta strada verso l’eliminazione regionale – commenta Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’OMS per l’Europa -. Tuttavia, i focolai di morbillo in corso dimostrano che è necessario fare di più. Attraverso l’attivazione della risposta di emergenza, l’OMS ha aumentato la sua attenzione sull’eliminazione del morbillo e ha potenziato la sua azione. Questo è il momento di affrontare qualsiasi sistema, determinante sociale o altra sfida che possano aver permesso a questo virus mortale di persistere in questa regione».

LEGGI ANCHE: MORBILLO, QUEST’ANNO 864 CASI IN ITALIA: UN TERZO HA SVILUPPATO COMPLICANZE. ECDC: «AUMENTO IN TUTTA EUROPA»

Negli Stati Uniti, intanto, la situazione non è molto diversa: il direttore del dipartimento malattie infettive dei Centri per il Controllo e la prevenzione delle malattie, Nancy Messonnier, ha infatti dichiarato che ad ottobre anche gli USA potrebbero perdere lo status di Paese ‘free’ dal morbillo. La possibilità che questo accada è «ragionevole», e rappresenterebbe una grave sconfitta in termini di salute pubblica, soprattutto perché «abbiamo un vaccino perfettamente funzionante», ha precisato la dottoressa Messonnier.

Gli Stati Uniti avevano dichiarato l’eliminazione del morbillo nel 2000, ma la malattia continua a diffondersi: solo nell’ultima settimana sono stati riportati altri nuovi 12 casi di morbillo. Il primo focolaio è iniziato a fine settembre dello scorso anno e nel corso del 2019 ci sono state state 1.215 infezioni. Secondo gli esperti, con l’avvio dell’anno scolastico, i casi non potranno altro che crescere. Anche a fronte dell’aumento del numero di bimbi non vaccinati.

E per combattere l’emergenza scendono in campo anche i social media: Pinterest ha annunciato maggior impegno contro la disinformazione sulla sua piattaforma e le ricerche che gli utenti faranno su 200 termini relativi ai vaccini saranno automaticamente dirottate sui siti delle principali organizzazioni di sanità pubblica, tra cui l’OMS, i Centers for Disease Control, l’American Academy of Pediatrics e Vaccine Safety Net.

Articoli correlati
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
Violenza, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa infermieri contro le aggressioni»
L’80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L’11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie»
Sicurezza delle cure, OMS: «Diagnosi, infezioni e operazioni chirurgiche tra gli eventi più a rischio per il paziente»
L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccolto i risultati di uno studio sulla frequenza e prevedibilità di eventi avversi negli ospedali di otto paesi a basso e medio reddito. Errori che costano miliardi alle tasche degli Stati
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
Nel mondo un suicidio ogni 40 secondi. I dati OMS
«Nonostante i progressi compiuti in questi anni, ogni 40 secondi una persona si suicida». Alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus lancia l’allarme. Sono solo 38 infatti i Paesi al mondo che hanno dato vita a delle strategie di prevenzione. «Di più […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...