Salute 15 Novembre 2023 10:30

Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l’efficacia del vaccino vivo contro l’herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo

Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo

L’efficacia del vaccino vivo contro herpes zoster è massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione e diminuisce in modo sostanziale nel tempo. Nonostante questo, il vaccino fornisce comunque un certo livello di protezione fino ai 10 anni successivi, anche nei pazienti con un sistema immunitario indebolito. Queste sono le conclusioni di uno studio pubblicato sul British Medical Journal, che offrono indicazioni utili per un eventuale aggiornamento dei piani di immunizzazione.

L’herpes zoster può causare gravi e dolorose complicanze

L’herpes zoster, responsabile del cosiddetto Fuoco di Sant’Antonio, si manifesta con un’eruzione cutanea dolorosa causata dalla riattivazione del virus della varicella. Le complicazioni della malattia possono essere gravi, in particolare in presenza di infezioni oculari che comportano un rischio di cecità qualora non siano trattate. Settimane o mesi dopo la guarigione dell’eruzione, può insorgere uno stato doloroso cronico. Nel 20% dei malati oltre i 65 anni, questo stato permane per più di 3 mesi, la cosiddetta nevralgia post-zosteriana. Contro questa infezione sono disponibili due formulazioni: il vaccino vivo attenuato, che richiede una sola dose; e il vaccino ricombinante adiuvato che prevede due dosi somministrate preferibilmente a distanza di due mesi.

Oltre 50 milioni di persone nel mondo hanno ricevuto il vaccino vivo contro l’herpes zoster

Il vaccino contro l’herpes zoster vivo è stato il primo ad essere stato sviluppato e già oltre 50 milioni di persone lo hanno ricevuto in tutto il mondo. Tuttavia, mancano stime dell’efficacia a lungo termine basate su dati reali. Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno utilizzato i dati di una grande azienda sanitaria statunitense, la Kaiser Permanente Northern California, per determinare l’efficacia a lungo termine del vaccino zoster vivo contro l’infezione, il ricovero in ospedale per herpes zoster, la nevralgia posterpetica, ossia il dolore persistente nell’area dell’eruzione cutanea e l’herpes zoster oftalmico, ovvero l’eruzione cutanea all’interno o intorno all’occhio. I risultati si basano sui dati relativi a poco più di 1,5 milioni di adulti di età pari o superiore a 50 anni che avevano diritto al vaccino vivo contro lo zoster. Di questi, 507.444, circa il 34%, sono stati vaccinati durante il periodo di studio, dal 1° gennaio 2007 al 31 dicembre 2018.

Nel secondo anno l’efficacia del vaccino si dimezza e dopo 10 anni arriva al 15%

Tra i 75.135 casi di herpes zoster, 4.982, circa il 7%, hanno sviluppato nevralgia posterpetica, 4.439, circa il 6%, hanno avuto un herpes zoster oftalmico e 556, circa lo 0,7%, sono stati ricoverati in ospedale per herpes zoster. L’analisi dei ricercatori ha mostrato che l’efficacia del vaccino, al primo anno, è stata del 67% contro l’infezione, dell’83% contro la nevralgia posterpetica, del 71% contro l’herpes zoster oftalmico e del 90% contro il ricovero in ospedale. L’efficacia del vaccino è diminuita al 50% nel secondo anno, poi è scesa al 27% nell’ottavo anno e quindi al 15% dopo 10 anni. L’efficacia del vaccino contro l’herpes zoster oftalmico è stata simile. Contro la nevralgia posterpetica e il ricovero ospedaliero, l’efficacia del vaccino che, all’inizio ha registrato un grado più alto, si è attenuata ma ha continuato a conferire una protezione sostanziale per diversi anni, con il 41% dopo 10 anni per la nevralgia posterpetica e il 53% da 5 a 8 anni per il ricovero ospedaliero.

Il vaccino è efficace anche nei soggetto immunocompromessi

“Questa nuova e tempestiva ricerca contribuirà a migliorare i programmi di vaccinazione contro l’herpes zoster, fornendo nuove e preziose informazioni sulla necessità e la tempistica delle dosi di follow-up o di richiamo”, hanno dichiarato i ricercatori in un editoriale collegato. Inoltre, si aggiunge all’evidenza che il vaccino zoster vivo è efficace contro l’herpes zoster negli adulti immunocompromessi. “Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche per valutare la traiettoria dell’efficacia del vaccino e gli esiti gravi nel tempo in persone con malattie croniche come quelle del rene, del cuore e del sistema autoimmune”, hanno concluso gli autori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Covid: l’efficacia del vaccino dura meno se c’è carenza di vitamina D
Uno studio ha dimostrato che la carenza di vitamina D si associa ad una meno duratura risposta anticorpale alla vaccinazione anti Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...