Salute 11 Gennaio 2024 13:57

Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”

I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall’infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni

Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”

I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall’infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni. Ci sono diversi tipi di anticorpi, ognuno dei quali ha funzioni differenti. Gli anticorpi IgA fanno parte del cosiddetto sistema immunitario adattativo e risiedono naturalmente nelle mucose delle vie aeree. È noto che l’assenza o i bassi livelli di IgA della mucosa sono associati a un aumento del rischio di infezioni da Sars-CoV-2.

Lo spray nasale contiene anticorpi IgA più efficaci nel neutralizzare il virus

Gli attuali vaccini anti-Covid stimolano principalmente una risposta anticorpale IgG nell’organismo e studi precedenti hanno dimostrato che la loro capacità di proteggere dall’infezione con le nuove varianti Omicron del virus è molto limitata. Per superare questo problema, il gruppo di ricerca guidato da Qiang Pan-Hammarström del Karolinska Institutet ha utilizzato l’ingegneria genetica per creare anticorpi IgA che si legano alla proteina spike di Sars-CoV-2 in modo simile agli anticorpi IgG. I topi infettati con la variante Omicron hanno ricevuto il trattamento con anticorpi IgA attraverso la somministrazione nasale. Le gocce nasali hanno ridotto significativamente il carico virale nella trachea e nei polmoni dei topi infetti. È stato dimostrato che gli anticorpi IgA si legano in modo più forte alla proteina spike di Sars-CoV-2 e sono stati più efficaci nel neutralizzare il virus rispetto agli anticorpi IgG originali.

Lo spray nasale dovrebbe aiutare a proteggere le persone più vulnerabili

“I risultati mostrano che questi anticorpi geneticamente modificati possono rafforzare la protezione contro le nuove varianti virali, ma non sono destinati a sostituire i vaccini attuali”, afferma Harold Marcotte, professore associato presso il Dipartimento di biochimica e biofisica medica del Karolinska Institutet e primo autore dell’articolo. “I vaccini tradizionali suscitano una risposta immunitaria attiva da parte dell’organismo, mentre questa è una strategia di immunizzazione passiva. Un approccio di immunizzazione attiva che induca una risposta immunitaria delle mucose – continua – sarebbe l’ideale, ma speriamo che il nostro approccio sia adatto a proteggere gli individui più vulnerabili, come gli anziani o le persone immunocompromesse“.

Strategia promettente per le altre infezioni

Ci sono anche speranze che il metodo possa essere utilizzato per neutralizzare anche altri virus emergenti. “Crediamo che questa sarà una strategia molto promettente, non solo per il Covid-19 e le nuove varianti, ma anche per altre malattie infettive, tra cui l’influenza e altre infezioni respiratorie e della mucosa gastrica come l’Helicobacter pylori, per le quali non esiste un vaccino disponibile al momento”, afferma Qiang Pan-Hammarström, professore presso lo stesso dipartimento e altro autore dello studio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.