Salute 22 Novembre 2023 12:57

Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano

Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]

Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano

Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica i ricercatori hanno dimostrato che gli esseri umani possono alterare l’evoluzione del virus in modi complessi.

La carica virale ha un ruolo importante nella diffusione ed evoluzione del virus

Prevedere come si verificano questi cambiamenti è fondamentale per sviluppare trattamenti e interventi adattivi. Come ogni altro organismo vivente, i virus si evolvono nel tempo. Quelli più abili e adatti alla sopravvivenza diventano dominanti. Molti fattori ambientali influenzano questa evoluzione, compreso il comportamento umano.  Un concetto importante dell’interazione tra comportamento umano e virus è la carica virale, che si riferisce alla quantità o alla concentrazione di un virus presente per ml di un fluido corporeo. Una maggiore carica virale nelle secrezioni respiratorie aumenta il rischio di trasmissione attraverso le goccioline.  Tuttavia, un aumento della carica virale può essere vantaggioso per la sopravvivenza del virus, ma una carica virale eccessiva può far sì che gli individui si ammalino eccessivamente e non siano in grado di trasmettere il virus ad altri.

Le varianti più contagiose raggiungevano il picco della carica virale precocemente

Il gruppo di ricerca, guidato Shingo Iwami della Nagoya University Graduate School of Science, ha scoperto che le varianti di Sars-CoV-2 che hanno avuto maggior successo nella diffusione avevano un picco di carica virale più precoce e più elevato. Tuttavia, con l’evoluzione del virus dalle varianti pre-alfa a quelle delta, la durata dell’infezione è diminuita. I ricercatori hanno anche scoperto che la diminuzione del periodo di incubazione e l’aumento della percentuale di infezioni asintomatiche registrate con la mutazione del virus hanno influenzato l’evoluzione del virus. I risultati hanno mostrato una chiara differenza. Con l’evoluzione del virus dal ceppo Wuhan al ceppo Delta, è stato riscontrato un aumento di 5 volte della carica virale massima e un aumento di 1,5 volte del numero di giorni prima del picco della carica virale.

I cambiamenti nei comportamenti umani hanno aumentato la pressione di selezione del virus

Secondo i ricercatori, i cambiamenti comportamentali umani in risposta al virus, progettati per limitarne la trasmissione, hanno aumentato la pressione di selezione sul virus. Ciò ha fatto sì che Sars-CoV-2 si trasmettesse principalmente durante le fasi asintomatiche e presintomatiche, che si verificano all’inizio del ciclo infettivo. Di conseguenza, il picco di carica virale è stato anticipato a questo periodo per diffondersi più efficacemente nelle prime fasi presintomatiche. Nel valutare le strategie di salute pubblica in risposta al Covid-19 e a qualsiasi altro patogeno potenzialmente pandemico in futuro, è necessario considerare l’impatto dei cambiamenti nel comportamento umano sui modelli di evoluzione del virus. “Ci aspettiamo che la pressione immunitaria dovuta a vaccinazioni o a infezioni precedenti guidi l’evoluzione del Sars-CoV-2”, sottolinea Iwami. “Tuttavia, il nostro studio ha scoperto che anche il comportamento umano può contribuire all’evoluzione del virus in modo più complesso, suggerendo la necessità di rivalutare l’evoluzione del virus”, aggiunge.

 

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: l’efficacia del vaccino dura meno se c’è carenza di vitamina D
Uno studio ha dimostrato che la carenza di vitamina D si associa ad una meno duratura risposta anticorpale alla vaccinazione anti Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...