Salute 25 Agosto 2022 15:15

Da Alfa a Omicron, con nuove varianti incubazione sempre più breve

Con il susseguirsi di nuove varianti il periodo di incubazione dell’infezione Covid-19 diventa sempre più breve. A confermarlo uno studio pubblicato sul Journal of American Medical Association Network Open

Da Alfa a Omicron, con nuove varianti incubazione sempre più breve

Con l’avanzare della pandemia e l’insorgenza di nuove varianti, il periodo di incubazione dell’infezione Covid-19 diventa sempre più breve. A confermarlo uno studio condotto dagli scienziati della Peking University e della Tsinghua University, di Pechino. I risultati, pubblicati sul Journal of American Medical Association Network Open, mostrano che l’incubazione della malattia si è ridotta progressivamente con il susseguirsi delle nuove varianti.

Con Alfa l’incubazione dura 5 giorni, con Omicron solo 3,42 giorni

Il team di ricerca, guidato da Yu Wu, Min Liu e Wannian Liang, ha eseguito una revisione di 142 studi precedenti, che avevano considerato un totale di 8.112 pazienti. I ricercatori hanno confrontato i dati relativi ai tempi di incubazione associati alle diverse varianti del virus responsabile di Covid-19. Stando a quanto emerge dall’indagine, in caso di Alfa (B.1.1.7) il tempo necessario alla manifestazione dei sintomi era in media 5 giorni, con Beta (B.1.351) questo valore è sceso a 4,50 giorni, ridotto ancora a 4,41 per delta (B.1.617.2) e sceso a 3,42 giorni con la variante Omicron. «Questi risultati – scrivono gli autori – suggeriscono che Sars-CoV-2 si è evoluto ed è mutato continuamente durante la pandemia, producendo varianti con diversa trasmissione e virulenza più elevata».

Il periodo di incubazione aiuta a determinare il periodo di isolamento

«L’identificazione del periodo di incubazione delle diverse varianti è un fattore chiave nella determinazione del periodo di isolamento», spiegano i ricercatori. «Il tempo necessario alla replicazione del virus – concludono – è uno dei parametri epidemiologici più importanti per le malattie infettive, perché permette la definizione del caso, la gestione delle minacce emergenti, il rilevamento delle catene di contagio e la progettazione di misure volte a ridurre la trasmissione locale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Covid, leggero calo dei ricoveri (-3,3%). In ospedale l’83% dei vaccinati non ha la quarta dose
Migliore (Fiaso): «Meno pressione sugli ospedali ma allerta massima. Da sorvegliare il leggero aumento di ricoveri con Covid in età scolare»
Cosa succede se ho il Long Covid e mi reinfetto?
Le reinfezioni mentre si è alle prese con il Long Covid saranno sempre più comuni. E questo può portare a un peggioramento dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi