Salute 22 Gennaio 2024 14:41

Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati

Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle

Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati

Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai neonati. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle, pubblicato sul Journal of American Medical Association Network Open. I ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 220 donne incinte, 36 delle quali avevano partorito anzitempo.

Gli anticorpi delle mamme passano ai neonati tramite il cordone ombelicale

Gli anticorpi derivanti dalla vaccinazione possono proteggere i neonati dalle infezioni gravi nei primi sei mesi di vita attraverso il trasferimento transplacentare. Attualmente, osservano gli scienziati, la letteratura scientifica relativa all’analisi degli anticorpi derivanti da Sars-CoV-2 di origine materna nei bambini prematuri è piuttosto frammentata. In questo lavoro, gli autori hanno valutato gli effetti e l’efficacia del vaccino somministrato alle donne in gravidanza durante le fasi finali della gestazione. Il gruppo di ricerca ha prelevato campioni di sangue materno e cordonale per quantificare la presenza di anticorpi specifici contro il nuovo coronavirus.

Nessun legame tra anticorpi e parto prematuro

In totale, 121 partecipanti hanno ricevuto due dosi, mentre 99 hanno effettuato due o più richiami. Stando a quanto emerge dall’indagine, la concentrazione media degli anticorpi materni era rispettivamente di 674 e 8159 per i due gruppi. I valori di riferimento nel cordone ombelicale erano invece 1000 e 9992 rispettivamente dopo due e tre o più dosi. “Non abbiamo riscontrato associazioni tra parto pretermine e livelli di anticorpi nel cordone”, precisano gli autori. “La concentrazione di anticorpi materni sembrava più rilevante dell’età gestazionale nella determinazione dei livelli di anticorpi presenti nel cordone. Questo lavoro – concludono gli scienziati – suggerisce che il numero di dosi e le considerazioni sulla tempistica per il vaccino anti-Covid in gravidanza dovrebbero includere le gestanti associate a un rischio più elevato di partorire prima della data presunta”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Morti in culla: più di 250 casi Sids all’anno in Italia, consigli e test su regole per «nanna» sicura
Nonostante decenni di ricerca intensiva, la sindrome della morte improvvisa del lattante (Sids), conosciuta come «morte in culla», è un fenomeno ancora non del tutto noto. A fare il punto sulla ricerca, sui falsi miti, sui consigli da seguire per ridurre i rischi saranno gli esperti che prenderanno parte conferenza internazionale dedicata alla morte in culla e alla morte perinatale dell’ISPID – International Society for the study and prevention of Perinatal and Infant Death, che si terrà dal 6 all'8 ottobre a Firenze
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...