Salute 8 Settembre 2021 16:53

Covid in gravidanza, altissima la probabilità di parto pretermine

Al Policlinico Federico II di Napoli 420 prematuri (alcuni di 26 settimane) da madri Covid positive. Raimondi (direttore TIN Federico II): «Vaccino in gravidanza raccomandato per tutelare madre e bambino»

Covid in gravidanza, altissima la probabilità di parto pretermine

Le complicazioni del Covid, anche a lungo termine e anche se contratto in maniera paucisintomatica, sono ormai un fenomeno noto. Quel che è stato finora meno noto è l’impatto che l’infezione da Sars-CoV-2 contratta dalla gestante ha sull’esito della gravidanza e sul nascituro. Ebbene, è recente la notizia che dall’inizio della pandemia ben 420 bambini prematuri sono nati da altrettante madri positive al Covid presso il Policlinico dell’Università Federico II di Napoli, il numero più alto in Italia.

Un dato allarmante, soprattutto considerando il fatto che molti di questi neonati presentano una prematurità grave, e sono quindi in pericolo di vita o di sviluppare gravi sequele. Ma in che modo il virus influisce sulla capacità di portare a termine la gravidanza? Come quantificare il rischio di parto prematuro? Soprattutto, come evitare che questo accada? A questi interrogativi ci ha risposto il Professor Francesco Raimondi, Ordinario di Pediatria e Direttore della Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Qual è il nesso tra positività al Covid e parti prematuri?

«Dalla casistica nazionale delle migliaia di parti in era Covid emerge sicuramente il dato dell’aumento delle nascite premature – afferma Raimondi -. Nella stragrande maggioranza dei casi, questo è dovuto alla necessità di procedere al parto prima del termine, per due ordini di motivi: il primo – spiega – è che la madre va in insufficienza respiratoria e di conseguenza è presumibile che ci sia scarsità di ossigeno anche in ambiente uterino. Il secondo motivo è che le patologie ostetriche come preeclampsia, eclampsia e sindrome HELLP sono molto più frequentemente riscontrate nelle donne positive al Covid, indipendentemente dalla gravità dei sintomi con cui l’infezione si manifesta, perché è chiaro che se un organismo già di per sé in una fase delicata, quale lo stato gravidico, viene “attaccato” su un altro fronte, il rischio di scompensi è alto. Dai dati di cui disponiamo, in sintesi, possiamo sicuramente affermare che la positività al Covid-19 espone a un rischio maggiore di complicanze nella gestazione e di parti prematuri».

Come prevenire queste eventualità?

«Vaccinarsi è l’unica forma di prevenzione – afferma il neonatologo – ma riscontriamo ancora una percezione del rischio troppo bassa da parte della popolazione. Nonostante i recenti studi dimostrino che i vaccini a mRna contro il Sars-CoV-2 non presentano controindicazioni in gravidanza, e nonostante le recenti raccomandazioni delle Società scientifiche italiane di Ostetricia e Neonatologia affinchè le gestanti aderiscano alla campagna vaccinale, sono ancora troppe le donne in cui dubbi e paure hanno la meglio, e che così facendo corrono il rischio di incappare in conseguenze estremamente serie».

Per le mamme Covid positive, è più alto il rischio di partorire un figlio Covid positivo oppure prematuro?

«La trasmissione verticale del virus Sars-CoV-2 da mamma a figlio non è un evento frequente – spiega Raimondi – e infatti non è il motivo primario per cui le donne vanno esortate a vaccinarsi. Il pericolo vero è appunto quello di dover partorire anzitempo, di mettere al mondo neonati anche di 26 settimane, che potrebbero non sopravvivere o, se anche riuscissero, avrebbero probabilmente sequele per tutta la vita. Per questo – conclude – dico alle donne “vaccinatevi, e salvate due vite: la vostra e quella del vostro bambino”».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Covid-19, la Spagna ha vaccinato il 100% degli over 80. Ecco come
La maggioranza della popolazione over 80 si è vaccinata in un centro di salute pubblica del suo quartiere. Perché la campagna di vaccinazione è stata un successo
Nuovo report Cabina di regia: Rt a 0,92, aumentano ricoveri e terapie intensive. Tre Regioni a rischio moderato
Brusaferro: «In calo casi tra i più giovani, età mediana della diagnosi a 37 anni». Rezza: «Calo vaccini fisiologico»
Covid e antidepressivi: ecco perché i farmaci contro il mal di vivere hanno un effetto scudo
È made in Italy la ricerca che svela come si attiva questo  meccanismo barriera. Fei (psichiatra): «Gli antidepressivi, agendo sui “messaggeri neurologici” come la serotonina e la noradrenalina, riescono a ridurre nel sangue i livelli di interleuchina 6. Effetti analoghi anche sui soggetti fragili»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...