Salute 6 Settembre 2021 11:25

Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia

L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»

di Federica Bosco
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia

Hanno partecipato in centinaia al primo open day organizzato da Regione Lombardia nei giorni 3 e 4 settembre per la vaccinazione delle donne in gravidanza e allattamento. Un risultato che è stato accolto con grande soddisfazione dal direttore sociosanitario dell’Asst Fatebenefratelli Sacco Antonino Zagari: «Abbiamo messo a disposizione delle donne un team di ginecologi e ostetriche del nostro dipartimento Donna, Mamma e Neonato e dei nostri consultori e siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto – il suo commento al termine della due giorni -. Per l’occasione alle donne gravide non era necessario prenotare la vaccinazione, ma era sufficiente presentarsi con la tessera sanitaria».

Medici vaccinatori affiancati da ginecologi per rispondere alle domande delle donne in gravidanza

L’organizzazione al centro di via Procaccini non ha presentato falle o intoppi: i pazienti sono entrati in macchina nel parcheggio della Fabbrica del Vapore accolti dalla protezione civile che ha misurato loro la temperatura, sono stati poi indirizzati all’area vaccinale che accoglieva donne in gravidanza e allattamento, adulti e minori.

Per ogni categoria di paziente erano presenti medici vaccinatori assegnati che ne hanno eseguito l’anamnesi. Per le donne in gravidanza l’azienda ospedaliera Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione anche tre ginecologhe per eventuali dubbi da chiarire.

«In generale la campagna vaccinale alla Fabbrica del Vapore sta andando bene – riprende il direttore sanitario – tanto è vero che in questo hub, dove vengono vaccinati anche adulti e minori, sono state assegnate 330 mila dosi: per dare una dimensione, è come se avessimo vaccinato l’intera Basilicata».

Da ginecologi e pediatri il sì al vaccino a mRNA sin dallo scorso mese di dicembre

«Nessuna donna è stata lasciata senza una risposta – aggiunge –, le donne che hanno aderito alla campagna vaccinale dedicata a loro sono state molto contente per il supporto clinico e le informazioni che hanno ricevuto. Complessivamente sono state oltre 450. Il messaggio forte che si è percepito in questi due giorni dedicato alle donne in gravidanza è che la vita va avanti ed è più forte del Covid».

L’appello alla vaccinazione delle donne in gravidanza era partito dal Ministero della Salute e da neonatologi, pediatri e ginecologi, tutti convinti della necessità di accelerare la vaccinazione anti-Covid anche delle donne in gravidanza e in allattamento.

«Noi come Fatebenefratelli Sacco e Buzzi abbiamo indirizzato alla vaccinazione le donne in gravidanza da subito, ma il problema era che il Ministero della Salute e Regione Lombardia non avevano dato indicazioni chiare – puntualizza Irene Cetin, direttore del dipartimento Donna Mamma e Neonato del Fatebenefratelli Sacco –. Noi mandavamo le donne con un certificato firmato da un nostro medico ginecologo che dichiarava che la gravida poteva essere vaccinata. Abbiamo ricevuto richieste anche da donne che non erano seguite in ospedale, ma indirizzate da colleghi del territorio o da altri istituti per una consulenza. Allora facevamo il certificato da presentare al medico vaccinatore».

«La Società italiana di ginecologia ed ostetricia si è espressa chiaramente da subito al riguardo. Già addirittura lo scorso mese di dicembre, non appena sono arrivate le vaccinazioni. Abbiamo dato una specifica affinché durante la gravidanza fossero usati i vaccini a mRNA perché le possibili complicazioni gravi che ci sono state soprattutto con AstraZeneca hanno coinvolto la coagulazione e dal momento che questa in gravidanza si modifica e c’è uno stato di aumentato rischio di trombosi, con una maggiore tendenza di ristagno e più difficoltà di ritorno venoso, allora si è ritenuto di non aumentare il rischio di trombosi».

«Vaccini sicuri in ogni fase della gravidanza. La conferma arriva dagli Usa»

«Al contempo è stato evidenziato che i vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento – aggiunge Cetin –. Non ci sono controindicazioni e la conferma arriva anche da centri di riferimento nel mondo come Stati Uniti o Israele, dove la vaccinazione in gravidanza è una routine. I maggiori dati di sicurezza, infatti, derivano da un registro americano dove vengono raccolti i dati di tutte le donne in gravidanza vaccinate ed ha raggiunto già numeri superiori alle 200 mila unità in qualunque epoca di gravidanza e non hanno trovato alcun aumento di rischio delle patologie della gravidanza associato all’uso del vaccino. E non è stato notato neppure che sviluppino maggiori effetti collaterali, anzi oggi sappiamo che la gravidanza non è motivo di controindicazione al vaccino, e alcune delle donne che devono fare terapie anticoagulanti per prevenire patologie come la pre-eclampsia con il vaccino riducono i rischi che avrebbero se dovessero contrarre il virus».

«Paure infondate»

I timori sollevati dalle donne in gravidanza sono per lo più legati al feto e alla mancanza di conoscenza scientifica sugli effetti del vaccino a lungo termine. «Sono preoccupazioni infondate – sottolinea Irene Cetin –, è più la parola “mRNA” a destare preoccupazione, in fondo si tratta di una piccola molecola messa in circolazione per poche ore e fa produrre degli anticorpi, non si incorpora nel DNA. Inoltre, il vaccino non va ad influire sulla fertilità della donna e non esistono motivi per rimandare una gravidanza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
Neonatologi: allattamento materno, i papà sono coprotagonisti
Non solo mamma e neonato: sempre più spesso alla diade, protagonista dell’importante pratica dell’allattamento, va ad aggiungersi anche la figura paterna, che svolge un ruolo significativo nel suo avvio e mantenimento. In occasione della Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno, che si celebra in Italia dall’1 al 7 ottobre, la Società Italiana di Neonatologia (Sin), ribadisce proprio l’importanza dei papà come «coprotagonista» all’interno della triade madre-padre-neonato
di V.A.
Creato un modello completo di embrione umano, senza spermatozoi e ovuli
Non sono stati utilizzati né spermatozoi, né ovuli e né utero. Il nuovo modello di embrione sviluppato da un gruppo di ricercatori del Weizmann Institute, in Israele, è stato generato con cellule staminali. Nonostante questo è quasi identico a  un embrione umano vero di 14 giorni, in grado addirittura di rilasciare ormoni da far risultare positivo un test di gravidanza in laboratorio. Non mancano i quesiti etici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.