Salute 4 Marzo 2021 10:00

Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus

Somministrazione unica per i “guariti”, ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione ed entro i 6 mesi dalla stessa. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute che riprende il parere del Consiglio superiore di sanità

Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus

Nei soggetti con pregressa infezione da SARS-CoV-2, decorsa in maniera sintomatica o asintomatica, è possibile considerare la somministrazione di un’unica dose di vaccino» anti-Covid-19.

Dose unica per i guariti ad almeno tre mesi dall’infezione

L’indicazione è raccolta nella circolare del ministero della Salute “Vaccinazione dei soggetti che hanno avuto un’infezione da SARS-CoV-2”, firmata dal direttore generale della Prevenzione Giovanni Rezza. È possibile procedere con l’effettuazione di un’unica dose di vaccino nei soggetti con pregressa infezione «purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione e preferibilmente entro i 6 mesi dalla stessa» precisa il ministero.

La decisone è arrivata in seguito al via libera sia il Consiglio superiore di sanità che dell’Agenzia italiana del farmaco e si basa sulla tesi che i guariti abbiano sviluppato un’immunità. Da qui la possibilità di ricevere la prima dose di vaccino a distanza di tempo dall’infezione e di non effettuare la seconda dose.

Doppia dose di vaccino per i soggetti vulnerabili

La sola eccezione riguarda i soggetti vulnerabili e con problemi di salute: «Ciò non è da intendersi applicabile – evidenzia infatti il ministero – ai soggetti che presentino condizioni di immunodeficienza, primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici». A questi soggetti, «non essendo prevedibile la protezione immunologica conferita dall’infezione da SARS-CoV-2 e la durata della stessa, si raccomanda dunque di proseguire con la schedula vaccinale proposta, ovvero la doppia dose per i tre vaccini a oggi disponibili».

Test sierologici non raccomandati, le indicazioni potrebbero cambiare con il diffondersi delle varianti

Come da indicazioni dell’Oms, i test sierologici per individuare la positività anticorpale nei confronti del virus non sono raccomandati «ai fini del processo decisionale vaccinale». Il ministero raccomanda, inoltre, di raccogliere, «ogni qualvolta disponibile, evidenza di documentata infezione da SARS-CoV-2; l’informazione anamnestica relativa a una pregressa infezione – si legge nella circolare – venga raccolta nel modo più completo e dettagliato possibile».

Infine, c’è da dire che le raccomandazioni in merito «potrebbero essere oggetto di rivisitazione – sottolinea il ministero – qualora dovessero emergere e diffondersi varianti di SARS-CoV-2 connotate da un particolare rischio di reinfezione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati
Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...