Sanità internazionale 27 Ottobre 2020 13:48

Oms: «Apprezziamo paesi come l’Italia e la Spagna, con misure per proteggere i più vulnerabili»

Nel mondo il maggior numero di casi segnalati finora, terapie intensive in difficoltà in Europa e Nord America. Dalla conferenza Oms di Ginevra, il dg Ghebreyesus si complimenta con l’Italia per le misure per ridurre il contagio

Oms: «Apprezziamo paesi come l’Italia e la Spagna, con misure per proteggere i più vulnerabili»

«La scorsa settimana ha visto il maggior numero di casi di Covid-19 segnalati finora. Molti Paesi dell’emisfero settentrionale stanno assistendo a un preoccupante aumento dei casi e dei ricoveri. E le unità di terapia intensiva si stanno riempiendo al massimo in alcune aree del mondo, in particolare in Europa e Nord America». Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità, ha aperto così la conferenza settimanale di Ginevra di aggiornamento su Covid-19.

«Durante il fine settimana – ha proseguito – un certo numero di leader ha valutato criticamente la propria situazione Covid-19 e ha preso provvedimenti per limitare la diffusione del virus. Comprendiamo la stanchezza da pandemia Covid-19 che le persone stanno provando. Sta chiedendo un tributo mentale e fisico a tutti. I leader devono bilanciare le interruzioni della vita quotidiana e dei mezzi di sussistenza con la necessità di proteggere gli operatori sanitari e i sistemi sanitari man mano che le terapie intensive si riempiono».

DA OMS COMPLIMENTI ALLA GESTIONE ITALIANA

Ghebreyesus ha snocciolato alcune delle comuni difficoltà conseguenti alla pandemia: «Lavorare da casa, bambini che fanno scuola a distanza, non essere in grado di celebrare eventi con amici e familiari o non essere lì per piangere i propri cari: è dura, e la pandemic fatigue è reale. Ma non possiamo arrenderci. Non dobbiamo arrenderci».

«Apprezziamo la gestione di Paesi come l’Italia e la Spagna, che hanno messo in campo azioni per proteggere i più vulnerabili e al contempo per ridurre la corsa del virus. Controllare l’epidemia e proteggere i vulnerabili si può fare, e non è solo una responsabilità dei governi» ha insistito, nominando anche l’Italia e ricordando che «ogni cittadino può fare la propria parte».

NON SI DICE «SECONDA ONDATA»

Il termine “seconda ondata” è improprio secondo gli esperti di Ginevra, in quanto suggerisce una stagionalità del virus. Si tratta invece di un nuovo picco di casi, dopo quello della primavera. «Non ci sono soluzioni magiche a questa epidemia, solo il duro lavoro dei leader a tutti i livelli della società, operatori sanitari, tracciatori di contatti e singoli individui».

«Nessuno vuole più i cosiddetti lockdown. Ma se vogliamo evitarli, dobbiamo tutti fare la nostra parte. La lotta contro questa pandemia è un affare di tutti», è l’esortazione del dg Oms. «Non possiamo avere la ripresa economica che vogliamo e vivere le nostre vite come facevamo prima della pandemia. Ma possiamo mantenere i nostri figli a scuola, possiamo mantenere aperte le attività, possiamo preservare vite e mezzi di sussistenza. Possiamo farlo. Ma dobbiamo tutti fare compromessi, compromessi e sacrifici».

«Da Dakar a Melbourne, da Milano a Islamabad, da New York a Pechino. Quando i leader agiscono rapidamente e in modo scientifico, il virus può essere controllato», ha concluso. Infine, ha fatto un cenno sul vaccino, confermando che si attende per fine anno o inizio 2021. Il richiamo a «evitare il nazionalismo vaccinale» è sempre centrale. Finora sono 184 i paesi che si sono uniti alla Covax Facility per condividere il vaccino. «È più efficace vaccinare qualcuno in ogni Paese che tutti in qualche Paese. Questo è in effetti nell’interesse di tutti i Paesi del mondo», ha ricordato Ghebreyesus.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Conclusa missione Oms a Wuhan: «Pandemia ha origine animale, ma non sappiamo quale»
La missione Oms in Cina finisce dopo quattro settimane di ricerche. Il team definisce "estremamente improbabile" l'origine in laboratorio, tornando sull'ipotesi zoonotica. Ma sull'animale ospite ci sono ancora dubbi
Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?
Era il 30 gennaio 2020 quando l'Oms dichiarò l'emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Eppure nessun Paese ha implementato misure finché non è stato "troppo tardi"
La commissione nominata dall’Oms critica la Cina: «Poche azioni forti e incisive all’inizio dell’epidemia»
Il documento prodotto dal gruppo indipendente nominato dall’Oms sottolinea le inefficienze ed i fallimenti della risposta internazionale e nazionale alla pandemia. La stessa Oms «avrebbe dovuto dichiarare in anticipo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale»
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
OMS a Wuhan, Regimenti (Lega): «Si valutino tutte le piste per indagine su origine del virus»
«Tutte le ipotesi dovrebbero essere valutate attentamente: la struttura genetica della SARS-CoV-2 non esclude un'origine del virus in laboratorio» spiega il medico e europarlamentare della Lega Luisa Regimenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...