Salute 25 Ottobre 2020

Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo

Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c’è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 

Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo un lungo confronto con le Regioni, ha firmato il nuovo DPCM che prevede ulteriori misure e limitazioni volte a contenere la diffusione del contagio da coronavirus. Le disposizioni si applicano da lunedì 26 ottobre e sono efficaci fino al 24 novembre.

NUOVO DPCM, LA CONFERENZA STAMPA DI CONTE

«La situazione ha raggiunto livelli preoccupanti – ha detto Conte nella conferenza stampa in cui ha presentato le misure -. L’indice Rt ha raggiunto la soglia critica di 1,5. L’aumento dei casi, che ieri ha sfiorato quota 20.000, ha reso difficoltose le operazioni di tracciamento. Vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica – ha detto Conte -, solo così gestiremo la pandemia senza rimanerne sopraffatti. Gestire la pandemia significa garantire servizi efficienti da parte del Servizio sanitario nazionale e scongiurare un secondo lockdown generalizzato, che il Paese non può più permettersi. Dobbiamo evitare di ritrovarci nelle condizioni di dover scegliere tra salute ed economia. Di qui la necessità di introdurre misure più restrittive».

«Stiamo lavorando per continuare a rinforzare la resilienza del Servizio sanitario nazionale e sicuramente integrare e coinvolgere a pieno titolo i medici di base. Sul tavolo c’è un rinnovo contrattuale – ha specificato Conte – che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in questi nuovi compiti. I medici di famiglia – ha aggiunto – saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19».

«É un momento complesso, nel Paese ci sono rabbia e stanchezza. Mi rendo conto dei nuovi sacrifici che stiamo chiedendo soprattutto ad alcune categorie. Non mi piace fare promesse, ma preferisco prendermi un impegno – ha aggiunto Conte -: sono già pronti gli indennizzi per tutti coloro che verranno penalizzati da queste nuove norme». Indennizzi che saranno erogati dall’Agenzia delle Entrate e non dall’Inps, come fatto nei mesi della prima ondata. Martedì il decreto per gli indennizzi dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

«L’Italia nei momenti più difficili sa dimostrare coesione e forza. Se tutti rispetteremo queste regole a novembre, riusciremo a tenere sotto controllo la curva e affronteremo dicembre e, ci auguriamo, le festività natalizie con maggiore serenità».

«L’Italia è un grande Paese e lo ha dimostrato ancora una volta la scorsa primavera. Allora ce l’abbiamo fatta, ce la faremo anche adesso. Un Paese che è grande una volta deve essere grande sempre», ha concluso Conte.

NUOVO DPCM, COME COMPORTARSI

Oltre all’obbligo della mascherina e del rispetto del distanziamento di almeno un metro, si raccomanda fortemente di non spostarsi, con mezzi pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi. Fortemente raccomandato non ricevere in casa parenti e amici non conviventi.

IN OSPEDALE E NELLE STRUTTURE SANITARIE

Gli accompagnatori di pazienti non possono rimanere nelle sale d’attesa di Dea e pronto soccorso. L’accesso nelle RSA, hospice, strutture riabilitative, residenziali per anziani, di ospitalità e lungo degenza è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione.

PERSONALE SANITARIO

Il personale sanitario adotta le misure necessarie a prevenire la diffusione del contagio e i responsabili delle strutture applicano le indicazioni per la sanificazione e la disinfezione degli ambienti. Gli operatori dei dipartimenti di prevenzione sono obbligati a caricare i casi di positività nel sistema centrale dell’App Immuni. 

BAR E RISTORANTI

Il nuovo DPCM prevede che le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) siano consentite dalle ore 5.00 alle 18.00. Il consumo al tavolo è consentito per non più di quattro persone conviventi per tavolo (esclusi i gruppi familiari più numerosi). Nessuna limitazione alle consegne a domicilio ma la ristorazione con asporto è consentita fino alle 24.00 (con divieto di consumazione sul posto o nelle vicinanze).

ATTIVITÀ FISICA E SPORTIVA

Si può svolgere attività fisica o motoria all’aperto, ma sempre rispettando la distanza di sicurezza di un metro (due metri per l’attività sportiva). Sospesi gli impianti di sci, che potranno riaprire solo dopo l’adozione di apposite linee guida. Vengono sospese le attività di palestre, piscine, centri benessere e centri termali (salvo quelli con presidio sanitario obbligatorio o che erogano prestazioni rientranti nei Lea). Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive individuali e di squadra, salvo gli eventi e le competizioni sportive riconosciuti di interesse nazionale nei settori professionistici e dilettantistici che dovranno comunque svolgersi senza pubblico.

MANIFESTAZIONI, CINEMA E TEATRI, SALE SCOMMESSE

Le manifestazioni pubbliche sono consentite solamente in forma statica rispettando le distanze sociali. Chiusi cinema, teatri, sale da concerto (sospesi anche gli spettacolo all’aperto), sale giochi, sale scommesse, bingo e casinò, discoteche e sale da ballo. Chiusi anche i parchi di divertimento e tematici.

FESTE E CONVEGNI 

Vietate le feste, sia al chiuso che all’aperto, comprese quelle conseguenti a cerimonie civili e religiose. Vietate anche sagre, fiere, convegni, congressi e altri eventi svolti in modalità non a distanza.

NUOVO DPCM, LE SCUOLE

Continuano a svolgersi in presenza le lezioni di scuole materne, elementari e medie. Le scuole superiori incrementano per almeno il 75% delle attività la didattica a distanza e modulano gli orari di ingresso (successivo comunque alle 9.00) e di uscita, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani. Sospesi viaggi di istruzione e gite.

LE UNIVERSITÀ

Le università preparano un piano di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza tenendo conto dell’evoluzione epidemiologica del territorio. Consentiti i corsi di formazione in Medicina generale, formazione specialistica e i tirocini delle professioni sanitarie e mediche anche in presenza.

I TRASPORTI

Le Regioni programmeranno il servizio erogato dalle aziende del trasporto pubblico locale in modo da assicurare i servizi minimi essenziali ed evitare il sovraffollamento. Il Ministro dei Trasporti può disporre riduzioni, sospensioni o limitazioni nei servizi di trasporto anche internazionale.

ATTIVITÀ LAVORATIVE

Fortemente raccomandato l’utilizzo della modalità di lavoro agile. Le pubbliche amministrazioni dispongono una differenziazione dell’orario di ingresso del personale, fatto salvo il personale sanitario e socio-sanitario, che è raccomandata anche ai datori di lavoro privati.

LUOGHI DI CULTO E MUSEI

I luoghi di culto rimangono accessibili ma con misure organizzative tali da evitare assembramenti e consentire il rispetto del distanziamento. Anche i musei rimangono aperti, garantendo ingressi contingentati.

I NEGOZI

I negozi rimangono aperti, ma assicurando la distanza di un metro, ingressi dilazionati e impedendo ai clienti di sostare più del tempo necessario all’acquisto dei beni. Consentiti anche i servizi alla persona.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza, studio ISS: su 875 donne con virus nessuna morte, il 2% in terapia intensiva
Una rete ISS monitora le donne positive in gravidanza: alla luce dei dati, la trasmissione del virus da madre a neonato sembra possibile ma molto rara e non influenzata dalla modalità del parto, dall’allattamento o dal rooming-in
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Covid-19, con ruxolitinib e cortisone possibile riduzione della mortalità del 70%
D’Alessio (Policlinico San Marco di Zingonia): «Dopo aver sperimentato diversi farmaci, questo, somministrato precocemente, ha dato risultati interessanti in attesa del vaccino»
di Federica Bosco
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli