Salute 13 Dicembre 2021 15:33

Vaccini Covid, Iss: «Sì a terza dose in gravidanza e allattamento»

L’Istituto superiore di sanità raccomanda il booster per le donne in dolce attesa e per quelle che allattano. La terza dose si può somministrare contestualmente al vaccino contro influenza e pertosse

Vaccini Covid, Iss: «Sì a terza dose in gravidanza e allattamento»

Via libera alla dose booster di un vaccino a mRNA anche per le donne in gravidanza e durante l’allattamento, senza alcuna necessità di interromperlo. Sono le ultime indicazioni dell’Istituto superiore di sanità.

L’Iss raccomanda il vaccino anti Covid in gravidanza e allattamento: ecco perché

L’Istituto superiore di sanità raccomanda il richiamo di un ciclo vaccinale primario per le future mamme al secondo e terzo trimestre di gravidanza. La somministrazione deve essere eseguita nei dosaggi autorizzati: 30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario e purché siano trascorsi almeno cinque mesi dal completamento dello stesso. La precisazione dell’Iss tiene conto delle crescenti evidenze sulla sicurezza della vaccinazione in gravidanza, sia per il feto che per la madre, della maggiore morbosità e circolazione associata alla variante Delta e dell’abbassamento dell’età media dell’infezione in Italia.

Ancora poche le evidenze sui vaccini nei primi tre mesi di gravidanza

Sono ancora poche le evidenze su vaccinazioni effettuate nel primo trimestre di gravidanza. Per questo, l’Iss suggerisce alle donne che desiderino vaccinarsi di valutare rischi e benefici con l’ausilio di un professionista sanitario.

Il target prioritario per il vaccino

Ma qual è il target prioritario per la vaccinazione nei nove mesi di gestazione? In primis, le donne più a rischio di contrarre l’infezione, come le professioniste sanitarie o le caregiver. Poi, quelle a maggior rischio di sviluppare una malattia grave a causa del Covid-19; il riferimento è alle donne che hanno superato i trent’anni con comorbidità e con cittadinanza di Paesi ad alta pressione migratoria.

Terza dose contestualmente a influenza e pertosse

La dose booster può essere somministrata contestualmente alle vaccinazioni contro l’influenza e la pertosse, le altre raccomandate in gravidanza. Per le donne che allattano, l’Iss evidenzia che la vaccinazione non espone il lattante a rischi e gli permette di assumere tramite il latte anticorpi contro SARS-CoV-2. Il neonato allattato da madre vaccinata seguirà il suo calendario vaccinale senza alcuna modifica.

Le misure comportamentali

Indipendentemente dalla decisione di vaccinarsi o meno, l’Iss raccomanda a tutte le donne in dolce attesa o che allattano l’igiene delle mani e l’uso della mascherina negli ambienti chiusi e in prossimità di altre persone non conviventi/non vaccinate. Non ultimi, il rispetto della distanza fisica di sicurezza e la ventilazione degli ambienti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Omicron all’81% in Italia, rischio arancione per Valle D’Aosta. I dati ISS
l'Rt medio sui casi sintomatici è stato pari a 1,56, molto al di sopra della soglia epidemica. Diminuisce invece l'Rt ospedaliero, anche se con una variazione leggerissima (da 1,3 a 1,2)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre