Salute 18 Novembre 2021 15:54

Covid-19, D’Amato: «Il Natale sarà migliore. Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»

Il Lazio si difende dalla quarta ondata con più posti letto, terze dosi e anticorpi monoclonali. D’Amato: «Niente zona gialla ma mantenere alta l’attenzione»

Covid-19, D’Amato: «Il Natale sarà migliore. Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»

La Regione Lazio si prepara a gestire al meglio la quarta ondata di pandemia e scongiurare il rischio di passare in zona gialla. Scattato lo scenario 2, il rafforzamento dei posti letto per i malati Covid-19, la Regione ha richiesto la riorganizzazione della rete ospedaliera. I posti letto ordinari passeranno da 1.000 a 1.500 e quelli in terapia intensiva da 150 a 250. Saranno coinvolti gli ospedali Spallanzani, Gemelli, Umberto I, De Lellis di Rieti, Spaziani di Frosinone, Belcolle di Viterbo, Santa Maria Goretti di Latina. L’obiettivo è rendere il sistema pronto a fronteggiare tempestivamente un incremento di pazienti ricoverati.

Boom contagi, torna l’obbligo di mascherina all’aperto ad Aprilia

Ai microfoni di Sanità Informazione, l’assessore alla sanità Alessio D’Amato ha assicurato che al momento non ci sarà nessun cambio di colore, senza dimenticare, però, le criticità della Tuscia e di Aprilia. Nel piccolo comune della provincia di Latina si è tornati all’obbligo di mascherina all’aperto per il vertiginoso aumento dei contagi.

D’Amato: «Non indugiare nella dose di richiamo, farla all’immediata scadenza dei 180 giorni»

«Dobbiamo mantenere alta l’attenzione – ha dichiarato D’Amato a margine di un convegno organizzato dalla Fondazione Italia in Salute – l’invito che facciamo è quello di non indugiare nella dose di richiamo e farla all’immediata scadenza dei 180 giorni dalla seconda somministrazione. Se ci comportiamo in questo modo – ha aggiunto – sicuramente possiamo superare con più fiducia questo momento in cui il virus ha ripreso a circolare con molta forza in Europa e anche in Italia».

Il piano del Lazio: richiamo del vaccino e anticorpi monoclonali. Dose booster disponibile per gli over 40

L’offensiva del Lazio per contrastare l’avanzata del virus si sviluppa su due fronti: «Al momento non possiamo abbassare la guardia – ha precisato l’Assessore -. Dobbiamo correre sulla dose di richiamo e in questa settimana raddoppieremo la somministrazione degli anticorpi monoclonali a chi rientra nei requisiti». È la prima regione italiana ad avere attivato il servizio telefonico 800.1188.800 con cui gli over 65 possono verificare la reclutabilità. In caso positivo, saranno indirizzati presso uno dei centri per la somministrazione o si procederà con quella domiciliare. Ieri, inoltre, sono state aperte le prenotazioni per la dose booster agli over 40.

D’Amato: «Sarà un Natale migliore»

Il brusco aumento dei contagi a livello nazionale fa crescere la preoccupazione in vista del Natale. D’Amato, però, è moderatamente ottimista: «Nel Lazio abbiamo un di tasso di copertura vaccinale tra i più elevati d’Europa. Nonostante la ripresa dell’incidenza, abbiamo sette volte in meno la pressione sulla rete ospedaliera rispetto allo scorso anno. Confido che possa essere sicuramente un Natale migliore».

Terza dose, D’Amato: «Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»

E sulla riduzione della validità del Green pass e dei tamponi, l’Assessore è perentorio: «Dobbiamo allineare le durate, altrimenti generiamo solo difficoltà negli utenti. Il cittadino che ha un Green pass che dura un anno difficilmente è portato a fare la dose di richiamo perché confonde quella scadenza con la durata degli anticorpi. Per cui, una riduzione è utile. Noi avevamo anche consigliato una sorta di ammonizione, un “pass giallo” a chi ha superato i 180 giorni dalla seconda somministrazione.  Un modo per ricordare la dose di richiamo. Spero che la misura venga introdotta dal Governo e dai suoi uffici tecnici» ha concluso.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
World Immunization Week, 23 milioni di bambini sotto 1 anno non hanno i vaccini di base
Durante la pandemia in calo le coperture vaccinali tra i più piccoli. Cricelli (SIMG): «Il Covid, in Italia, non ha fermato la campagna vaccinale contro l’influenza per adulti fragili e anziani. Anche se messo a dura prova, il sistema sanitario vaccinale italiano resta uno dei migliori al mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...