Salute 11 Novembre 2021 16:36

Green Pass sul lavoro, via libera dal Senato. Copia del certificato al datore per evitare i controlli quotidiani

Il testo è passato con 199 voti favorevoli e 38 contrari. I lavoratori senza certificazione rischiano una sanzione amministrativa, ma hanno diritto alla conservazione del posto. Test antigenici restano calmierati fino al 31 dicembre. Novità per il personale sanitario

di Francesco Torre
Green Pass sul lavoro, via libera dal Senato. Copia del certificato al datore per evitare i controlli quotidiani

Via libera dal Senato al decreto che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro, disposizione già effettiva dal 15 ottobre. Il Governo ha posto la questione di fiducia sul provvedimento, che è passata con 199 voti a favore, 38 contrari e nessuna astensione. Rispetto al testo licenziato dal Consiglio dei ministri, la novità più rilevante è che ora i lavoratori possono richiedere di consegnare al proprio datore di lavoro copia della propria certificazione verde Covid-19 in modo da essere così esonerati dai controlli quotidiani. Inoltre la scadenza della validità della certificazione in corso di prestazione lavorativa non dà luogo alle sanzioni previste ed è quindi consentita la fine del turno di lavoro.

In tutti i casi, si escludono dall’obbligo di certificazione verde coloro che sono esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute. Tutte le disposizioni restano in vigore fino 31 dicembre 2021, data in cui termina al momento lo stato di emergenza.

Ulteriori novità, la disapplicazione, fino alla fine dello stato di emergenza, dell’esclusività del rapporto di lavoro per le professioni sanitarie che lavorano nel pubblico.

Pubblica amministrazione

La norma estende il Green pass alle pubbliche amministrazioni, al personale in regime di diritto pubblico e quello delle Autorità amministrative indipendenti. L’obbligo della certificazione verde Covid-19 è esteso anche a tutti coloro che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa, di formazione o di volontariato presso le pubbliche amministrazioni, anche sulla base di contratti esterni.

Il compito di verificare il rispetto della normativa da parte del personale è in capo ai datori di lavoro, anche prevedendo controlli a campione e comunque individuando con atto formale i soggetti incaricati dell’accertamento e della contestazione delle violazioni degli obblighi sul possesso delle certificazioni verdi.

Cosa succede a chi è sprovvisto di Green Pass

Il personale, nel caso in cui comunichi di non essere in possesso della certificazione verde Covid-19 o qualora ne risulti privo al momento dell’accesso al luogo di lavoro, è considerato assente ingiustificato fino alla presentazione della certificazione e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per i giorni di assenza ingiustificata non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominati.

In caso di violazione delle disposizioni si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 400 a euro 1000 che può essere aumentata da 600 a 1.500 euro per alcune violazioni. Le sanzioni possono essere irrogate dal Prefetto.

Uffici giudiziari

La certificazione Covid vale anche per i magistrati nonché per i componenti delle commissioni tributarie, così come per le cariche elettive. Esclusi invece gli avvocati e altri difensori, i consulenti, i periti e gli altri ausiliari del magistrato, nonché i testimoni e le parti del processo. Perché l’intervento intende regolare solo il rapporto tra l’amministrazione e i suoi dipendenti, al più con estensione per chi in favore della stessa svolge un’attività analoga a titolo onorario.

Settore privato

L’obbligo del Green Pass vale anche per tutti coloro che svolgono un’attività lavorativa nel settore privato, al fine di poter accedere ai luoghi in cui la predetta attività si svolge. Anche qui, spetta ai datori di lavoro del settore privato la verifica in ordine all’osservanza dell’obbligo di possesso ed esibizione della certificazione verde Covid-19, specificando che per i lavoratori esterni detto accertamento è posto in capo anche ai rispettivi datori di lavoro.

Il testo dispone una specifica disciplina per le imprese con organico inferiore a quindici dipendenti: dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, è prevista la facoltà per il datore di sospendere e sostituire temporaneamente il lavoratore per un periodo massimo di dieci giorni, rinnovabile una sola volta, fermo restando il termine ultimo del 31 dicembre 2021.

Anche nel settore privato, si prevede che venga comminata una sanzione amministrativa pecuniaria ai lavoratori che accedono ai luoghi di lavoro in violazione dell’obbligo di certificazione verde Covid-19, fatti salvi gli eventuali provvedimenti disciplinari.

Misure su personale sanitario

Fino al termine dello stato di emergenza, alle professioni sanitarie del comparto sanità, al di fuori dell’orario di servizio e per un monte ore complessivo settimanale non superiore a quattro ore, non si applicano le incompatibilità del pubblico impiego che impongo l’esclusività  e si dispone che gli incarichi sono in ogni caso previamente autorizzati, al fine di garantire prioritariamente le esigenze organizzative del SSN nonché di verificare il rispetto della normativa sull’orario di lavoro, dall’amministrazione di appartenenza che attesta l’assenza di pregiudizio per lo smaltimento delle liste di attesa.

Misure urgenti per la somministrazione di test antigenici rapidi

Viene garantita l’operatività sino al 31 dicembre 2021 delle disposizioni in materia di contenimento dei costi dei test antigenici rapidi per la rilevazione del Sars-CoV-2. Si stabilisce, altresì, l’obbligo per le farmacie di applicare il prezzo calmierato per la somministrazione dei predetti test, così come disposto nel protocollo d’intesa definito tra il Commissario straordinario, il Ministro della Salute e le farmacie o le strutture medesime, stabilendo anche il relativo regime sanzionatorio. L’applicazione del prezzo calmierato sarà assicurata anche dalle strutture sanitarie convenzionate, autorizzate o accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e autorizzate dalle regioni alla somministrazione di test antigenici rapidi, aderenti al protocollo d’intesa.

Tamponi gratis per chi non può vaccinarsi

Viene autorizzata in favore del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19 la spesa di 105 milioni di euro per l’anno 2021, per garantire sino al 31 dicembre 2021, l’esecuzione gratuita, con oneri a carico della finanza pubblica, di tamponi antigenici rapidi a coloro i quali, per condizione medica, non possono ricevere o completare la vaccinazione anti Covid-19 sulla base di una certificazione medica rilasciata ai sensi dell’articolo 3, comma 3, del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105 e secondo i criteri di esenzione definiti con circolare del Ministero della Salute.

Durata delle certificazioni verdi Covid-19

La disposizione include nell’ambito delle vaccinazioni anche quelle riconosciute come equivalenti con circolare del Ministero della Salute e introduce tra le condizioni attestate dalle certificazioni verdi anche quella dell’avvenuta guarigione dopo la prima dose di vaccino o al termine del ciclo vaccinale. Prevede poi l’immediata decorrenza della validità della certificazione verde rilasciata a seguito dell’avvenuta somministrazione di una sola dose di vaccino dopo una precedente infezione da Sars-CoV-2. Inserisce, infine, il rilascio della certificazione verde Covid-19 a coloro che, risultati positivi al virus Sars-CoV-2 dopo che siano trascorsi  quattordici giorni dalla prima dose di vaccino nonché a seguito del prescritto ciclo vaccinale, siano successivamente guariti, stabilendo la validità di detta certificazione in dodici mesi dall’avvenuta guarigione.

Contact center Green pass

Sono state inserite norme volte a superare le criticità emerse nella gestione del servizio di assistenza ai cittadini per l’uso del Digital Covid Certificate, atteso che, attualmente, la predetta assistenza è fornita dai due seguenti e diversi servizi di supporto telefonico, gestiti da soggetti diversi, con sovrapposizione del servizio, diseconomia di scala e inefficienza del servizio:

  • il numero verde 800 91 24 91/cittadini@dgc.gov.it, per l’assistenza tecnica per l’acquisizione dei certificati verdi, ai sensi dell’articolo 12 del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105,
  • il numero verde 1500 per le informazioni su aspetti sanitari e il rilascio dell’authcode.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Arriva il super green pass, ok del Cdm alle nuove misure. Ecco cosa prevedono
Presentate dal Premier Draghi e dal Ministro della Salute Speranza le novità nel contrasto alla pandemia da Covid-19
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
La quarta ondata spaventa l’Europa: ecco le strategie dei singoli paesi contro il rialzo dei contagi
I governi corrono ai ripari: la Francia torna alle mascherine obbligatorie, la Svizzera spinge l'offensiva vaccinale, la Germania valuta l’introduzione del Green pass sui luoghi di lavoro. Ema: «Quadro molto preoccupante, più ricoveri e morti»
Pandemia, Green pass, no vax, informazione e formazione ECM, a che punto siamo in Europa
Intervista a Nicolino D’Autilia (Vicepresidente Ceom): «Italia messa molto meglio di altre nazioni nel contrasto al Covid-19». I no vax? «Da noi sono pochi in confronto agli altri Paesi». E sulla formazione ECM: «La forma mentis che non fa sfruttare la FAD sta cambiando»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...