Salute 17 Febbraio 2022 15:14

Green Pass, via al totocalendario sull’abolizione. Scienziati divisi

Si iniziano a fare le prime ipotesi su se, quando e come verrà abolito l’obbligo di Green Pass. Gli scienziati si dividono tra chi lo ritiene oggi uno strumento inutile e chi invece è convinto che serva ancora

Green Pass, via al totocalendario sull’abolizione. Scienziati divisi

Forse dopo il 31 marzo, quando scadrà lo stato d’emergenza, come ha detto il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa. Oppure avremo a che fare con il Green Pass per tutto l’anno «o almeno fino a quando ci sarà la pandemia», come ipotizza a Sanità Informazione Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute, Roberto Speranza e professore di Igiene all’Università Cattolica di Roma. La verità è che al momento ci sono solo ipotesi e chiacchiere. Di certo infatti c’è che la Commissione Europea ha approvato di recente la proposta di «estendere di un anno» il Green Pass europeo, «fino al 30 giugno 2023». E che la sua abolizione sarà graduale e progressiva, in base all’andamento epidemiologico. «La cabina di regia, le istituzioni sanitarie e le parti politiche possono iniziare un dibattito su come procedere ad una modifica nell’uso del Green pass, ma deve essere un processo di concertazione all’insegna della gradualità», dice Pierpaolo Sileri, Sottosegretario alla Salute.

Maga: «Non abbassiamo la guardia, altrimenti a settembre ci troveremo con un ondata di contagi superiore»

Anche tra gli scienziati c’è grande discordanza di pareri. «Il Green Pass – spiega Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del CNR di Pavia – non è uno strumento direttamente legato allo stato d’emergenza. Serve innanzitutto a valutare e promuovere la copertura vaccinale della popolazione, avendo anche la possibilità di garantire che determinati ambienti abbiano un rischio di contagio molto basso. E questo lo si può avere solo se le persone hanno il requisito dell’immunità. Quindi credo che il Green Pass debba rimanere». E aggiunge: «Il 31 marzo il virus non scomparirà ci saranno ancora contagi. Se togliere il Green Pass significa avere un aumentato rischio di esposizione al virus, perché ad esempio le persone saranno meno attente o perché non si potranno creare ambienti sicuri, allora potrebbe succedere che a settembre ci troveremo con un’ondata di contagi superiore».

Bassetti: «Estendere il Green Pass oltre il 31 marzo sarebbe solo una scelta politica»

Non è affatto d’accordo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, convinto che il Green Pass abbia esaurito il suo compito di strumento per far vaccinare gli italiani. «Mantenerlo oltre il 31 marzo – spiega – non porterà a far immunizzare di più di quanto fatto fino ad oggi, c’è infatti uno zoccolo duro che non si convince. Rimane uno strumento politico e se il Governo riterrà opportuno estenderlo oltre il 31 marzo sarà solo una decisione politica e non sanitaria».

Andreoni: «Prolungare l’obbligo del certificato verde sarebbe anacronistico»

Sulla stessa lunghezza d’onda Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit). «Il Green pass sta esaurendo – dice – il suo scopo principale: spingere i dubbiosi a vaccinarsi, soprattutto gli over 50. E c’è riuscito. Ma prolungarlo con l’idea che possa spingere anche altre fasce d’età la vedo dura. Inoltre, se si vuole dare un segno di ritorno alla normalità e se abbiamo scelto la strada delle riduzione graduale delle misure, ad esempio lo stop alle mascherine all’aperto, sinceramente mantenere l’obbligo del Green Pass oltre il 31 marzo, quando dovrebbe scadere lo stato di emergenza, mi pare davvero anacronistico».

Menichetti: «Rimandare la decisione ai primi di giugno»

Più prudente la posizione del virologo Francesco Menichetti, già primario di Malattie infettive all’ospedale di Pisa. «Sull’abolizione del Green pass sarei prudente perché vorrei essere certo che con la primavera-estate non ci siano riaccensioni del contagio, varianti o altre problematiche, quindi io rimanderei la decisione sull’abolizione all’autunno o almeno ai primi di giugno», dice. E specifica: «Se all’inizio dell’estate, ai primi di giugno, le condizioni italiane e generali della pandemia saranno estremamente favorevoli, allora possiamo decidere se mantenere o abolire il Green Pass. Ma lo dobbiamo fare rigorosamente alla luce dei dati epidemiologici. Dobbiamo trovare un punto di equilibrio tra la sicurezza e la libertà. Fosse per me il Green Pass non lo toglierei, ma se ci sono pressioni per toglierlo almeno andiamo a fare verifiche che siano sostenute dagli indicatori epidemiologici».

Galli: «Abolire il Green Pass sarebbe peggio del condono fiscale»

Il direttore del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, considera l’abolizione del Green Pass addirittura «peggio del condono fiscale». E spiega: «Se si fanno scelte di tipo tecnico, ritengo sia corretto mantenere quanto è stato organizzato faticosamente nel tempo. La differenza è tra valutazioni generali e scelte di questo o quel politico che vuole portare qualche piccolo vantaggio a casa. È un po’ la storia di tutti quelli che pagano le tasse puntualmente e poi si ritrovano un condono fiscale. Qui è un po’ peggio, è un condono che pesa sulla salute degli altri. E la salute è una cosa seria, va rispettata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali