Lavoro 16 Novembre 2021 17:37

Legge Gelli, Speranza: «In arrivo i decreti attuativi». Ok anche dalla Conferenza delle Regioni

Il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli al Governo: «Istituire un Fondo pubblico nazionale indennizzi per tutelare i professionisti»

Istituire un Fondo indennizzi e migliorare il coordinamento tra gli attori del sistema per gestire al meglio situazioni impreviste future di emergenza. Poi, accelerare con la digitalizzazione del SSN e rispondere alla carenza «insopportabile» e strutturale di personale sanitario. Sono le principali proposte emerse questa mattina dal convegno della Fondazione Italia in Salute che si è svolto nello splendido Palazzo del Grillo a Roma. All’evento hanno partecipato illustri relatori e rappresentanti del mondo scientifico e delle istituzioni.

Speranza: «In arrivo i decreti attuativi della legge 24/2017»

L’altra notizia emersa dal convegno è stata annunciata dal ministro della Salute Roberto Speranza che, in videocollegamento, si è detto convinto che «i decreti attuativi della legge Gelli presto saranno approvati e definitivi, in maniera tale da dare seguito all’impianto di riforma che era stato messo in campo».

Soddisfatto Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute: «Questa è una bellissima notizia – ha concluso -, siamo felici che l’abbia detto il ministro al nostro convegno. Ho parlato anche con il presidente Fedriga, mi ha assicurato che c’è il via libera anche dalla conferenza delle Regioni. A questo punto aspettiamo solo la firma dei decreti».

SSN, punti di forza e debolezza

Gelli ha aperto la giornata ricordando la forza del SSN: «I principi cardine che lo caratterizzano – equità, uguaglianza e universalità – ci hanno permesso di fronteggiare una situazione inaspettata». Ma il sistema ha mostrato anche punti di debolezza: «Carenza di assistenza territoriale, carenza di piani di maxi-emergenza regionali e nazionali e piani pandemici, sottofinanziamento del SSN. E ancora, un’eccessiva differenziazione tra regioni e una grave carenza di professionisti sanitari soprattutto in prima linea, dal pronto soccorso all’emergenza-urgenza».

Gelli: «Ecco le proposte della Fondazione Italia in Salute»

Medici e infermieri, negli ultimi due anni «sono passati da “eroi” a “vittime”» ha detto Gelli. Una delle strategie a tutela del personale sanitario che arriva dalla Fondazione è, come detto, l’istituzione di un Fondo pubblico nazionale indennizzi, già esistente in Francia. «Il Fondo è pensato per coloro che hanno subìto un danno in circostanze tali per cui è difficile individuare un responsabile tra i professionisti sanitari: infezioni in ambito ospedaliero, reazioni avverse ai farmaci, cadute dalla barella». Importare un meccanismo simile in Italia, nei fatti, completerebbe l’impianto normativo già previsto della legge n. 24/2017 (legge Gelli) sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale per gli esercenti le professioni sanitarie.

Le lacune della sanità territoriale

La pandemia ha inoltre messo in luce le criticità dell’assistenza territoriale. Gelli ha quindi proposto di creare un coordinamento tra la Protezione civile, il numero unico di emergenza 112 e i servizi sanitari regionali con l’obiettivo di pianificare le situazioni inaspettate e di emergenza.

Carenza personale, rivedere il numero chiuso a Medicina

Inoltre, ripensare il numero programmato per entrare a Medicina è una delle strategie suggerite dalla Fondazione al Governo per contrastare la carenza medici. «Il numero di aspiranti medici e di specialisti dovrebbe essere proporzionale all’effettivo fabbisogno richiesto dalle Regioni» ha spiegato Gelli.

La sanità digitale, Gelli: «Senza sistemi di comunicazione digitale in pandemia paese bloccato»

Infine, un altro punto su cui ha battuto Gelli riguarda la digitalizzazione del Ssn e la necessità di potenziare la sanità digitale. «Durante la pandemia, se non ci fossero stati i sistemi di comunicazione digitale, il Paese intero si sarebbe bloccato – ha aggiunto ai nostri microfoni -. Tutelare gli operatori sanitari che hanno la possibilità di poter mostrare le loro competenze e capacità in termini di teleconsulto, telediagnosi e teleassistenza e a supporto di altri professionisti a distanza, è una necessità non rinviabile. Già la legge 24/2017 prevede che il professionista sia tutelato nello svolgimento di un’attività professionale con i mezzi digitali, avevamo visto lontano».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Quarta dose: vicini a estensione per over 60 e sanitari, il pressing dell’EMA
L'Agenzia europea per i medicinali consiglia di vaccinare con il secondo booster gli over 60. Il ministro Speranza aspetta le raccomandazioni ufficiali, mentre gli scienziati invitano ad agire subito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa