Lavoro 16 Novembre 2021 17:37

Legge Gelli, Speranza: «In arrivo i decreti attuativi». Ok anche dalla Conferenza delle Regioni

Il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli al Governo: «Istituire un Fondo pubblico nazionale indennizzi per tutelare i professionisti»

Istituire un Fondo indennizzi e migliorare il coordinamento tra gli attori del sistema per gestire al meglio situazioni impreviste future di emergenza. Poi, accelerare con la digitalizzazione del SSN e rispondere alla carenza «insopportabile» e strutturale di personale sanitario. Sono le principali proposte emerse questa mattina dal convegno della Fondazione Italia in Salute che si è svolto nello splendido Palazzo del Grillo a Roma. All’evento hanno partecipato illustri relatori e rappresentanti del mondo scientifico e delle istituzioni.

Speranza: «In arrivo i decreti attuativi della legge 24/2017»

L’altra notizia emersa dal convegno è stata annunciata dal ministro della Salute Roberto Speranza che, in videocollegamento, si è detto convinto che «i decreti attuativi della legge Gelli presto saranno approvati e definitivi, in maniera tale da dare seguito all’impianto di riforma che era stato messo in campo».

Soddisfatto Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute: «Questa è una bellissima notizia – ha concluso -, siamo felici che l’abbia detto il ministro al nostro convegno. Ho parlato anche con il presidente Fedriga, mi ha assicurato che c’è il via libera anche dalla conferenza delle Regioni. A questo punto aspettiamo solo la firma dei decreti».

SSN, punti di forza e debolezza

Gelli ha aperto la giornata ricordando la forza del SSN: «I principi cardine che lo caratterizzano – equità, uguaglianza e universalità – ci hanno permesso di fronteggiare una situazione inaspettata». Ma il sistema ha mostrato anche punti di debolezza: «Carenza di assistenza territoriale, carenza di piani di maxi-emergenza regionali e nazionali e piani pandemici, sottofinanziamento del SSN. E ancora, un’eccessiva differenziazione tra regioni e una grave carenza di professionisti sanitari soprattutto in prima linea, dal pronto soccorso all’emergenza-urgenza».

Gelli: «Ecco le proposte della Fondazione Italia in Salute»

Medici e infermieri, negli ultimi due anni «sono passati da “eroi” a “vittime”» ha detto Gelli. Una delle strategie a tutela del personale sanitario che arriva dalla Fondazione è, come detto, l’istituzione di un Fondo pubblico nazionale indennizzi, già esistente in Francia. «Il Fondo è pensato per coloro che hanno subìto un danno in circostanze tali per cui è difficile individuare un responsabile tra i professionisti sanitari: infezioni in ambito ospedaliero, reazioni avverse ai farmaci, cadute dalla barella». Importare un meccanismo simile in Italia, nei fatti, completerebbe l’impianto normativo già previsto della legge n. 24/2017 (legge Gelli) sulla sicurezza delle cure e la responsabilità professionale per gli esercenti le professioni sanitarie.

Le lacune della sanità territoriale

La pandemia ha inoltre messo in luce le criticità dell’assistenza territoriale. Gelli ha quindi proposto di creare un coordinamento tra la Protezione civile, il numero unico di emergenza 112 e i servizi sanitari regionali con l’obiettivo di pianificare le situazioni inaspettate e di emergenza.

Carenza personale, rivedere il numero chiuso a Medicina

Inoltre, ripensare il numero programmato per entrare a Medicina è una delle strategie suggerite dalla Fondazione al Governo per contrastare la carenza medici. «Il numero di aspiranti medici e di specialisti dovrebbe essere proporzionale all’effettivo fabbisogno richiesto dalle Regioni» ha spiegato Gelli.

La sanità digitale, Gelli: «Senza sistemi di comunicazione digitale in pandemia paese bloccato»

Infine, un altro punto su cui ha battuto Gelli riguarda la digitalizzazione del Ssn e la necessità di potenziare la sanità digitale. «Durante la pandemia, se non ci fossero stati i sistemi di comunicazione digitale, il Paese intero si sarebbe bloccato – ha aggiunto ai nostri microfoni -. Tutelare gli operatori sanitari che hanno la possibilità di poter mostrare le loro competenze e capacità in termini di teleconsulto, telediagnosi e teleassistenza e a supporto di altri professionisti a distanza, è una necessità non rinviabile. Già la legge 24/2017 prevede che il professionista sia tutelato nello svolgimento di un’attività professionale con i mezzi digitali, avevamo visto lontano».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori: 1 paziente su 6 abbandona il lavoro. Dalla Rete ROPI 3 proposte «salva-posto»
La ROPI ha analizzato 4 proposte di legge su congedi e indennizzi sul lavoro per i pazienti oncologici,, facendo emergere per ognuna di esse «luci e ombre». Si è arrivati così a individuare alcune proposte chiave per migliorare le regole a tutela dei lavoratori con tumore che Stefania Gori, presidente ROPI, ha presentato oggi in audizione alla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) alla Camera dei Deputati
di Redazione
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza
Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...