Politica 30 Settembre 2019

Manovra, Speranza: «Risorse in sanità sono investimento. Parole chiave siano crescita ed equità»

Dovrebbero essere esclusi tagli alla sanità, ma rischiano le risorse in più. Il ministro della Salute convoca per la prima settimana di ottobre la Commissione per l’aggiornamento dei Lea

Immagine articolo

Torna a chiedere più risorse per la sanità, il ministro della Salute Roberto Speranza. Intervenuto alle Giornate nazionali della Funzione pubblica organizzate a Napoli dalla Cgil, ha parlato di «salto culturale» su cui si deve lavorare: «Le risorse che si mettono nella sanità non vanno considerate banalmente come una spesa, ma come un investimento sulla salute e sul benessere delle persone».

D’accordo le Regioni, che ritengono punto di partenza fondamentale i due miliardi aggiuntivi già previsti e programmati per «evitare di penalizzare i territori e aumentare il volume degli investimenti», come scrive Repubblica. Eppure, sebbene non si parli di tagli alla sanità, le risorse in più potrebbero essere a rischio per scongiurare l’aumento dell’Iva, rispettare i vincoli dettati da Bruxelles e, in generale, far quadrare i conti.

Anche di questo si è discusso nel corso del vertice notturno ospitato da Palazzo Chigi per le ultime stime macroeconomiche del Def. Tra i presenti anche Speranza, a rappresentare Leu. «Per noi le due parole chiave della manovra – ha commentato questa mattina il Ministro – devono essere crescita ed equità sociale. Crescita significa più investimenti per far ripartire il Paese. Equità significa abbassare le tasse sul lavoro e più risorse al Sistema sanitario nazionale. Troppi rinunciano a curarsi come dovrebbero per ragioni economiche».

È per andare incontro anche ad esigenze di questo tipo che Speranza riunirà, nella prima settimana di ottobre, la Commissione per l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, che «mutano col mutare dei tempi, ed il Sistema sanitario deve adeguarsi a queste evoluzioni – ha specificato il ministro della Salute -. È evidente che i nuovi bisogni, le nuove domande, le nuove scoperte richiedono al nostro sistema di adeguarsi continuamente. L’obiettivo è quello di avere un sistema Lea efficace e che in tutte le Regioni, superando le differenze che ci sono oggi, i servizi siano adeguati».

LEGGI ANCHE: MINISTRO SPERANZA: «SUI VACCINI SI PARTE DALLA SCIENZA, NON DAI PARTITI. RIAPRIRE IL DIALOGO SU SOCIALE E SANITÀ»

Articoli correlati
Coronavirus, Speranza ai ministri della Salute UE: «Insieme possiamo farcela, ma servono prudenza e coraggio»
«Il 20% dei pazienti può avere bisogno di terapia intensiva e assistenza respiratoria. Sono numeri che possono mettere in difficoltà anche i servizi sanitari europei. E se il virus arriva in Africa, le conseguenze potrebbero essere molto gravi»
Coronavirus, i morti salgono a 170. Il discorso del ministro Speranza a Camera e Senato
Confermati 7711 contagi, 9239 casi sospetti e 170 morti causati dal virus cinese. Diverse le segnalazioni anche in Italia, ma si attendono i risultati degli accertamenti
Coronavirus, Speranza: «Nostro approccio tra i più protettivi, ma serve strategia europea»
Il ministro della Salute in audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera ha ricordato tutte le strategie messe in campo per fronteggiare l’epidemia. Per gli italiani bloccati a Wuhan si sta valutando il rimpatrio
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Meno Day Hospital e lungodegenze, nel 2018 gli ospedali italiani alleggeriti dalle cronicità. I dati del Rapporto SDO
Migliora l'appropriatezza e l'efficienza nell'uso delle risorse ospedaliere. Diminuita anche la remunerazione teorica delle prestazioni di ricovero ospedaliero a carico del SSN negli anni 2010-2018
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano