Politica 19 Settembre 2019

Ministro Speranza: «Sui vaccini si parte dalla scienza, non dai partiti. Riaprire il dialogo su sociale e sanità»

VIDEO INTERVISTA | Il nuovo titolare di Lungotevere Ripa rilascia le sue prime dichiarazioni alle telecamere di Sanità Informazione

“Non abbiamo la bacchetta magica”, è chiaro il ministro della Salute, Roberto Speranza nel ribadire che le cose da fare sono tante e le questioni ancora aperte nel Servizio sanitario nazionale non si risolvono da sole.

Da dove ripartirà il lavoro sulla sanità, interrotto con la crisi di governo di Ferragosto e che ha portato ad una staffetta tra l’ex Ministro Giulia Grillo e il leader di Mpd, lo ribadisce ancora una volta: “La sinistra negli ultimi anni ha perso il contatto con la propria gente. – spiega il Ministro Speranza ai giornalisti riuniti in un capannello ai margini del palco allestito per la festa organizzata da Articolo 1 alla Città dell’altra economia a Roma -. “Perché lo ha fatto?” Si domanda retorico Speranza. “È nata una nuova destra che è stata capace di interpretare le paure e la domanda di protezione degli italiani. La questione di fondo è rimettere al centro la questione sociale come questione fondamentale: per questo viene prima il lavoro, la sanità pubblica, la difesa della scuola pubblica”.

LEGGI: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI È IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

E proprio alla sanità pubblica il programma del Partito Democratico vorrebbe dare una corposa iniezione finanziaria, con una manovra ribattezza dal segretario PD, Nicola Zingaretti Quota 10: in sostanza dieci miliardi in più di rifinanziamento al Servizio sanitario nazionale. “È sicuramente un orizzonte interessante, – commenta la proposta il Ministro – ma c’è da lavorarci, chiaramente. Non si fanno miracoli, non abbiamo la bacchetta magica”

Intanto una strada è certa ed è quella politica. A chi gli domanda se sarà un governo pro vaccini o ci sarà una discussione, un confronto con il M5s, ribadisce: “Io la penso così, in maniera molto chiara, molto netta. Quando si ha a che fare con questioni che hanno al centro la salute delle persone, in modo particolare dei nostri figli, si abbassano le bandierine dei partiti e della politica, che non mi interessano. Si parte dalla scienza, è la questione fondamentale. E per me questa è e resterà sempre la regola fondamentale”.

Articoli correlati
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Epatite C, interrogazione Rostan (IV) al ministro Speranza: «Calo trattamenti del 65% causa Covid. Approvare Fondo per il contrasto a HCV»
«Non può essere tollerato, anche di fronte a un’emergenza grave come quella che stiamo vivendo, che esistano malati di serie A e malati di serie B» sottolinea la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»
Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...