Politica 19 Settembre 2019 10:34

Ministro Speranza: «Sui vaccini si parte dalla scienza, non dai partiti. Riaprire il dialogo su sociale e sanità»

VIDEO INTERVISTA | Il nuovo titolare di Lungotevere Ripa rilascia le sue prime dichiarazioni alle telecamere di Sanità Informazione

“Non abbiamo la bacchetta magica”, è chiaro il ministro della Salute, Roberto Speranza nel ribadire che le cose da fare sono tante e le questioni ancora aperte nel Servizio sanitario nazionale non si risolvono da sole.

Da dove ripartirà il lavoro sulla sanità, interrotto con la crisi di governo di Ferragosto e che ha portato ad una staffetta tra l’ex Ministro Giulia Grillo e il leader di Mpd, lo ribadisce ancora una volta: “La sinistra negli ultimi anni ha perso il contatto con la propria gente. – spiega il Ministro Speranza ai giornalisti riuniti in un capannello ai margini del palco allestito per la festa organizzata da Articolo 1 alla Città dell’altra economia a Roma -. “Perché lo ha fatto?” Si domanda retorico Speranza. “È nata una nuova destra che è stata capace di interpretare le paure e la domanda di protezione degli italiani. La questione di fondo è rimettere al centro la questione sociale come questione fondamentale: per questo viene prima il lavoro, la sanità pubblica, la difesa della scuola pubblica”.

LEGGI: ROBERTO SPERANZA: ABOLIZIONE SUPERTICKET E ASSUNZIONI. ECCO CHI È IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE

E proprio alla sanità pubblica il programma del Partito Democratico vorrebbe dare una corposa iniezione finanziaria, con una manovra ribattezza dal segretario PD, Nicola Zingaretti Quota 10: in sostanza dieci miliardi in più di rifinanziamento al Servizio sanitario nazionale. “È sicuramente un orizzonte interessante, – commenta la proposta il Ministro – ma c’è da lavorarci, chiaramente. Non si fanno miracoli, non abbiamo la bacchetta magica”

Intanto una strada è certa ed è quella politica. A chi gli domanda se sarà un governo pro vaccini o ci sarà una discussione, un confronto con il M5s, ribadisce: “Io la penso così, in maniera molto chiara, molto netta. Quando si ha a che fare con questioni che hanno al centro la salute delle persone, in modo particolare dei nostri figli, si abbassano le bandierine dei partiti e della politica, che non mi interessano. Si parte dalla scienza, è la questione fondamentale. E per me questa è e resterà sempre la regola fondamentale”.

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale