Politica 4 Settembre 2019

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali

Immagine articolo

Roberto Speranza sarà il nuovo ministro della Salute del governo Conte bis. Il medico legale M5S, Giulia Grillo passa il testimone al deputato di Liberi e Uguali. Un accordo che era nell’aria già nei giorni scorsi, ma che sembra essere stato concluso al fotofinish: la notizia del nome di Speranza e della collega Rossella Muroni, proposti come possibili ministri, è arrivata mentre il premier Giuseppe Conte era a colloquio con il presidente Mattarella.

Tra l’attività parlamentare di Roberto Speranza spicca la proposta di legge sui finanziamenti del Servizio sanitario nazionale depositata, tra i primi atti, proprio ad inizio legislatura. Abolizione del superticket, rideterminazione del finanziamento e allentamento dei vincoli per l’assunzione del personale sono le soluzioni proposte nel disegno di legge prima firma del neo ministro. Ma Speranza ha collaborato nell’attività parlamentare anche con la collega Michela Rostan per il disegno di legge sul riconoscimento della fibromialgia come malattia invalidante. «La nomina di Roberto Speranza è una garanzia fondamentale per procedere sulla strada di una sanità pubblica più equa e uniforme sul territorio, universale nella fruizione dei servizi sanitari essenziali e attenta alla sicurezza del personale medico e infermieristico nell’esercizio del proprio lavoro», ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan non appena saputo della nomina «E’ necessario far subito fronte alle tante emergenze. A partire dalla carenza di personale medico causata dai numerosi pensionamenti previsti nei prossimi cinque anni – prosegue la deputata di Liberi e Uguali – e dalla riduzione dei tempi delle liste di attesa rilanciando il servizio sanitario nazionale».

Nato a Potenza, classe ’79, Roberto Speranza ha studiato al Liceo scientifico Galileo Galilei del capoluogo lucano, per poi laurearsi in scienze politiche alla Luiss a Roma. Capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati nella precedente legislatura e vicino a Pier Luigi Bersani, entrò in aperto dissenso con l’allora segretario Matteo Renzi in occasione del voto di fiducia della nuova legge elettorale, l’Italicum. Fu l’inizio di un lungo esodo che vide molti volti storici del partito abbandonare il Nazareno nel tentativo di costruire una formazione alternativa ad un PD “rottamato” da Renzi. Insieme ad Arturo Scotto, Enrico Rossi e Pier Luigi Bersani crea un nuovo partito chiamato Articolo 1 – Movimento Democratico e Progressista, che raccoglie i fuoriusciti PD e Sinistra Italiana, di cui diventa coordinatore nell’aprile 2017. Il 4 marzo è stato rieletto alla Camera dei Deputati con Liberi e Uguali nella circoscrizione Toscana. Attualmente è componente della I Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni.

Articoli correlati
Emendamento “estende” Legge Madia, Speranza: “Basta precarietà per lavoratori sanità”
“Battersi contro la precarietà del lavoro è sempre giusto. Lo è ancora di più se si parla di persone che ogni giorno si prendono cura di noi”. Lo scrive su Facebook il Ministro della Salute, Roberto Speranza. “Su mia proposta, è stato appena depositato un emendamento che, estendendo i termini della legge Madia per il […]
Specialisti ambulatoriali, Speranza: «D’accordo con aumento ore. Rivedere regole su incompatibilità»
Il ministro della Salute intervenuto al Consiglio nazionale Sumai-Assoprof ha sposato l'idea di aumentare le ore degli specialisti fino al massimale di 38 ore. Poi ha sottolineato la necessità di nuovi concorsi e rivendicato le norme del Dl Fiscale che alzano il tetto per l'assunzione del personale
Dl Fiscale, emendamento alza tetto di spesa per il personale fino al 15%. Speranza: «Ora più facile assumere in SSN»
«Nel 2020 si arriva al 15% sui 2 miliardi in più previsti dalla manovra. È un passo avanti importante per chi crede nel nostro Servizio Sanitario Nazionale» sottolinea Speranza su Facebook
Patto per la salute, CIMO – FESMED: «Senza una vera visione strategica. Servono risorse certe e revisione della gestione finanziaria»
Secondo la federazione sindacale guidata da Guido Quici l'incremento di 2 miliardi di euro appare del tutto insufficiente ad affrontare alcune operazioni: dall’abolizione del superticket agli incrementi contrattuali del personale dirigente sanitario
Patto per la Salute, arriva l’accordo. Presto il testo in Commissione e in Conferenza Stato-Regioni
L'annuncio arriva dal ministro della Salute, Roberto Speranza tramite un tweet: «Sciolti i nodi fondamentali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...