Salute 15 Aprile 2023 10:04

DEF e sanità, aumentano i contratti e i posti per la formazione specialistica. Più fondi per farmaci innovativi

Il documento è ora al vaglio di Montecitorio. Spazio anche a risorse per fronteggiare ondata profughi di guerra

DEF e sanità, aumentano i contratti e i posti per la formazione specialistica. Più fondi per farmaci innovativi

Nella bozza del DEF, già licenziato dal Consiglio dei Ministri e ora in approvazione in Parlamento trovano spazio quest’anno alcune voci inedite, relative al nuovo scenario internazionale con in primo piano il conflitto bellico in Ucraina. Oltre alle misure d’urgenza per finalizzate ad assicurare la partecipazione di personale militare italiano in caso di operazioni NATO, sono state contestualmente introdotte specifiche disposizioni per fronteggiare le eccezionali esigenze di accoglienza dei cittadini ucraini. Veniamo ora alle misure destinate al comparto sanitario.

Il nuovo livello dei finanziamenti per il SSN

Come si legge nella bozza, il livello del finanziamento del SSN, già stabilito dalla Legge di Bilancio 2019, è stato confermato rispettivamente in 114.474, 116.474 e 117.974 milioni per il triennio 2019-2021. Per gli anni 2020 e 2021, il livello di finanziamento è stato successivamente incrementato in misura rilevante dai provvedimenti adottati nel 2020 per fronteggiare l’emergenza sanitaria derivante dalla diffusione del virus Sars-CoV-2. La Legge di Bilancio per il 2022 ha stabilito il nuovo livello del finanziamento del SSN per il periodo 2022-2024 rispettivamente in 124.061, 126.061 e 128.061 milioni. Inoltre, la stessa legge ha disposto un ulteriore incremento al fine di aumentare il numero di contratti di formazione specialistica dei medici, rispettivamente per 194, 319 e 347 milioni nel triennio.

Le novità sulla formazione specialistica e sui farmaci innovativi

A questo proposito, nella parte del documento relativa al programma di stabilità, viene annunciato l’ulteriore aumento di 12 mila posti a disposizione per la formazione specialistica nelle varie scuole di Specializzazione. È inoltre previsto lo stanziamento di risorse per l’acquisto dei vaccini anti Sars-CoV-2, di farmaci per la cura dei pazienti affetti da Covid-19 e di farmaci innovativi. In merito a questi ultimi, a partire dal 2017, una quota del livello di finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale standard, pari a 1 miliardo, è vincolata alla spesa per il loro acquisto. La Legge di Bilancio per il 2022 ha incrementato il Fondo di 100 milioni per il 2022, 200 milioni per il 2023 e 300 milioni a partire dal 2024.

I vincoli sulla spesa farmaceutica: più alti i tetti per gli acquisti diretti, resta il payback

Riguardo i vincoli sulla spesa farmaceutica – si legge nel documento – la Legge di Bilancio 2022 incrementa il tetto della spesa farmaceutica per acquisti diretti, che passa dal 7,85% del 2021, all’8% nel 2022, 8,15% nel 2023 e 8,30% a partire dal 2024. Il tetto della spesa farmaceutica convenzionata resta invece fissato nella misura del 7%, fatta salva la possibilità di modificare annualmente le percentuali in sede di predisposizione del disegno di legge di bilancio su proposta del Ministero della Salute, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e previo parere dell’AIFA, fermo restando il valore complessivo dei tetti.

In caso di sforamento dei tetti vige ancora il meccanismo automatico di correzione (payback). Se viene superato il tetto della spesa farmaceutica convenzionata, la parte eccedente deve essere coperta dalla catena degli operatori del settore farmaceutico (produttori, grossisti, farmacie); eventuali eccedenze di spesa rispetto al tetto della spesa farmaceutica per acquisti diretti sono addebitate per il 50 per cento alle Regioni e il restante 50 per cento alle aziende farmaceutiche.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Def, alla Camera il primo via libera. Nella risoluzione impegno per più risorse su specializzazioni e medicina territoriale
Nella risoluzione che ha accompagnato il Documento di Economia e Finanza si chiede anche la sterilizzazione dei disavanzi sanitari Covid 2021 e 2022 valutando l’opportunità di spalmare i relativi oneri almeno in dieci anni. Un passaggio anche sul rafforzamento della governance dei distretti socio-sanitari
di Francesco Torre
DEF, commissione Affari sociali chiede di mantenere invariato il livello di spesa rispetto al PIL
Nel parere si sottolinea l’assenza di un riferimento al rinnovo dei contratti del personale sanitario. I deputati chiedono, inoltre, di superare le disparità territoriali nell’erogazione dei servizi, soprattutto in riferimento alle liste di attesa
di Francesco Torre
Contratti precari, la protesta dei ricercatori sanitari
Sono scesi in piazza nelle principali città italiane per chiedere di essere stabilizzati. Valeria Contarino ARSI: «Due gli interventi auspicati: la modifica della legge 205, affinché si possano usare i fondi per le assunzioni dei ricercatori a tempo indeterminato e che le Regioni si facciano carico delle dotazioni organiche necessarie per dare un contratto stabile al personale»
Proroga termine per assunzione a tempo determinato dei medici specialisti, Anaao giovani: «La proposta fa ben sperare»
Il sindacato accoglie con favore l’emendamento al Decreto legge sullo Stato di emergenza che proroga a fine 2024 la scadenza inizialmente prevista per il 31 dicembre prossimo
Stabilizzazione precari assunti in emergenza, Crudele (SIGM): «Ora strategia anche per specializzandi»
Gli operatori sanitari reclutati con un contratto a tempo determinato durante l'emergenza Covid saranno stabilizzati. La rappresentante del Segretariato Italiano Giovani Medici: «Auspichiamo un tavolo di confronto per gli specializzandi che hanno risposto presente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...