Lavoro 3 Novembre 2021 16:55

Stabilizzazione precari assunti in emergenza, Crudele (SIGM): «Ora strategia anche per specializzandi»

Gli operatori sanitari reclutati con un contratto a tempo determinato durante l’emergenza Covid saranno stabilizzati. La rappresentante del Segretariato Italiano Giovani Medici: «Auspichiamo un tavolo di confronto per gli specializzandi che hanno risposto presente»

Stabilizzazione precari assunti in emergenza, Crudele (SIGM): «Ora strategia anche per specializzandi»

La bozza della manovra 2022 approvata dal Consiglio dei ministri conferma la stabilizzazione del personale assunto durante l’emergenza Covid-19. Stiamo parlando degli operatori sanitari arruolati “in corsa” in piena pandemia per contrastare un nemico sconosciuto con poche armi a disposizione. Medici, infermieri e operatori sanitari presero in mano le redini del sistema con grande sacrificio e senso di responsabilità.

Dopo quasi due anni, la manovra del Governo, voluta con forza dal ministro Speranza, premia quindi i sanitari che abbiano lavorato almeno sei mesi – da gennaio 2020 a giugno 2021 – trasformando a tempo indeterminato i loro contratti in scadenza.

Chi sono i precari dell’emergenza Covid-19? Fiaso: «54 mila beneficiari, differenze regionali»

La proposta di stabilizzazione dei precari era arrivata dalla Federazione delle Aziende sanitarie e Ospedaliere (Fiaso) che individua in 66mila unità di personale la platea di beneficiari ingaggiati con contratti flessibili. Secondo le stime della Fiaso, 21mila sono medici, quasi 32mila infermieri e quasi 30mila altri professionisti sanitari (tecnici di laboratorio e di radiologia, biologi, assistenti sanitari).

Escludendo dal totale i medici abilitati non specializzati, gli specializzandi iscritti al quarto e quinto anno e i pensionati, si arriva a circa 54mila. «La possibilità di reclutare a tempo indeterminato – spiega Giovanni Migliore, presidente FIASO – è legata ai tetti di spesa. Occorrerà superare quelli ancorati a parametri 2004 che non consentirebbero a tutte le aziende di adeguare il personale allo standard necessario». Migliore si riferisce soprattutto a quelle delle Regioni che sono state in piano di rientro. «La situazione varia molto da regione a regione» evidenzia il presidente Fiaso.

Crudele (SIGM): «Gli specializzandi hanno risposto presente il primo giorno dell’emergenza»

L’assunzione dovrebbe interessare i giovani medici che hanno completato la loro specializzazione durante l’emergenza. «Al momento non c’è alcuna bozza degli articoli contenuti nel disegno di legge» precisa Lucilla Crudele, Rappresentante degli Specializzandi per il Segretariato Italiano Giovani Medici (SIGM) al nostro giornale. «Sebbene assolutamente favorevoli ad una misura che allineerebbe in parte le piante organiche con i fabbisogni, specialmente in ambito ospedaliero, ci interroghiamo su quali strategie saranno adottate per gli specializzandi assunti nel periodo Covid».

La dottoressa Crudele è molto chiara: «Ci chiediamo, innanzitutto, se saranno ricompresi nella stabilizzazione. Ci meraviglia leggere la proposta Fiaso che li escluderebbe tout court. Molti specializzandi sono stati assunti con contratti di lavoro autonomo e, dunque, non sarebbero ricompresi. Il DPCM del 9 marzo 2020 ha aperto alle assunzioni degli specializzandi ma prevedeva solo contratti con forme di lavoro flessibile. Solo i decreti successivi hanno previsto la possibilità di stipulare contratti a tempo determinato».

«Specializzandi zoccolo duro della risposta del SSN all’emergenza. Auspichiamo tavolo di confronto»

«Un paradosso – va avanti – per cui proprio gli specializzandi che hanno risposto presente il primo giorno dell’emergenza, non essendo stati titolari di un contratto a tempo determinato, non possono essere stabilizzati». Diversa la sorte di quelli assunti con contratti a tempo determinato al 3° e 4° anno che non si sono ancora specializzati. «Per loro si aprirebbe dunque una voragine amministrativa – sottolinea la Crudele – in quanto avrebbero diritto alla stabilizzazione ma non hanno ancora maturato il titolo di specialisti».

«Auspichiamo, dunque, un tavolo di confronto sul tema – conclude – per evitare misure improprie e incomplete che ancora una volta andrebbero a ledere la parte più debole della nostra categoria. Mi riferisco ai giovani medici e in particolare a quegli specializzandi che sono stati lo zoccolo duro della risposta del nostro SSN all’emergenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...