Voci della Sanità 25 Febbraio 2021 14:56

Vaccino Covid, Manai (Pd): «Specializzandi disponibili per campagna ma serve volontarietà e contrattualizzazione»

«Tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico

«I medici specializzandi non si vogliono sottrarre alla richiesta di aiuto che arriva da parte del nostro SSN, molti di loro sono disponibili fin da subito nel mettersi a disposizione per la campagna vaccinale ma tutto deve essere fatto nel rispetto del loro ruolo e della professione che essi ricoprono» Lo afferma Stefano Manai, Responsabile della nazionale della Formazione sanitaria del Partito democratico.

«Gli specializzandi – spiega Manai – sono medici esattamente come tutti gli altri e per questo non devono essere vittime di disparità di trattamento rispetto agli altri colleghi. Come responsabile formazione sanitaria del Pd non posso che accogliere positivamente e spingere per far sì che le loro ragionevoli e legittime richieste vengano tenute in considerazione: volontarietà e contrattualizzazione, preservando la qualità della formazione specialistica».

«Il Ministero della Salute ed il MUR – conclude Manai – si stanno dimostrando attenti e sensibili alle loro richieste, aprendo tavoli di confronto sia regionali che nazionali, sono sicuro che questa situazione si concluderà nel migliore dei modi e sia io che il Partito Democratico non faremo di certo mancare il nostro sostegno a questa preziosa categoria per il nostro SSN».

 

Articoli correlati
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. Altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»
La storia di Fulvio D.A., soggetto ad altissimo rischio rimasto paucisintomatico: «Quell’ora di trattamento ha cambiato il mio destino»
Al Sant’Andrea il trapianto di trachea dei record su un ex paziente Covid
L’organo risulta spesso danneggiato sia per effetti del virus che della ventilazione artificiale. A oltre un mese dall’operazione il paziente sta bene ed è già tornato in bicicletta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...